Arezzo al cinema!

Se siete lettori abituali di questo blog avrete certamente notato il nuovo sondaggio presente da oggi sulla colonna di destra… Dopo tante domande a sfondo serio/politico ci stava bene un sondaggino “culturale”: la “Circolo della Perversione Production”, dopo il grande successo de “Il Tritatruzzi“si appresta infatti a sbarcare nelle sale cinematografiche (???) con una nuova pellicola. Già pronte diverse sceneggiature che senza falsa modestia riteniamo capolavori, ma per dimostrare che noi crediamo fortemente nel nostro pubblico vogliamo fare una cosa mai vista prima: dovrete essere voi a scegliere quale film verrà girato per primo!

Una piccola descrizione è d’uopo.

Un lupo mannaro americano a L’Olmo è un classico film horror con venature di commedia. Due turisti americani in trasferta ad Arezzo entrano in un bar dell’Olmo, popolato di strani avventori. Questi accolgono in malo modo i nuovi avventori, che chiedono semplicemente consigli su un posto dove andare a campeggiare, e finiscono per scacciarli dal locale. I due si perderanno nella campagna aretina, e lì succederà qualcosa che sconvolgerà le loro vite…

Una 44 Magnum per l’Ispettore Sbragi è un duro poliziesco/noir, nel quale l’Ispettore Sbragi, il più duro esponente della polizia di Arezzo, si troverà alle prese con colleghi corrotti, traffici di droga, bande di teppisti, sfruttamento della prostituzione, due coccodrilli e un orango-tango. L’Ispettore li sgominerà tutti, essendo lui un duro.

Ispettore Sbragi il Caso Rocchio è suo è un’altra avventura dell’Ispettore Sbragi. Il capitano di polizia, rendendosi conto che tutti gli altri suoi agenti sono inadatti a svolgere il compito, affida all’Ispettore il più delicato caso che si sia mai visto ad Arezzo: una partita di rocchi andati a male che ha provocato in città un’epidemia di cacarella.

Arezzo odia, la Guardia di Finanza non può agire è un classico poliziottesco all’italiana. La Guardia di Finanza di Arezzo, esasperata per non poter usare i metodi duri che vorrebbe per contrastare il lavoro al nero degli orafi, decide di servirsi in segreto dei servigi di una banda di malviventi albanesi per intimorire gli imprenditori e convincerli a pagare le tasse. Inseguimenti & satira sociale, un connubio vincente per un grande classico.

The Lignano Witch Project è infine un horror atipico, girato tutto in soggettiva. Un gruppo di giovinastri va a Lignano per una grigliata of steel e decide di giocare a nascondino nei boschi, ignaro del fatto che nella collina si tengono messe nere e una strega malefica lancia maledizioni su chiunque non sappia declamare a memoria la storia di Gnicche.

Nota: ogni film verrà accompagnato dal cortometraggio “il torneo di scacchi”, versione originale russa con sottotitoli in italiani. Imperdibile!

Quindi… orsù, votate!

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.