Dr. House, Stagione 4

Si è appena conclusa negli USA, con un episodio 16 commuovente, inusuale e bellissimo, la stagione 4 di Dr. House… anzi, di House M.D., come si chiama oltreoceano. Dr. House è la serie tv che ha cambiato un po’ il nostro modo di vedere il genere, e ci ha insegnato ad amare uno zoppo, arrogante, insensibile, borioso, stronzissimo dottore, un antieroe per eccellenza ormai divenuto un’icona della televisione. Gregory House, grazie alla magnifica interpretazione di Hugh Laurie, ci fa compagnia in tv da quattro anni con ratings sempre maggiori, e non accenna assolutamente a stancare il pubblico nè in Italia nè in America.

La quarta serie (già parzialmente trasmessa da noi) è iniziata con un cambiamento radicale: volti nuovi, storie nuove, anche un approccio nuovo alla narrazione. Il “reality show” per la scelta degli assistenti ci ha fatto sbellicare e anche un po’ incazzare, quando alcuni tra i volti migliori sono sembrati scomparire per sempre dai nostri schermi, ma è dopo questo passaggio obbligato (visto come era finita la terza stagione) che il serial ha ingranato, mostrandoci le cose migliori.

I “nuovi” assistenti hanno guadagnato in personalità, quelli vecchi hanno ritrovato un loro ruolo, diverso ma sempre importante, gli altri comprimari (la Cuddy, Wilson…) hanno assunto più importanza e House… beh, House è cresciuto, anche se fatica ad ammetterlo ed a volte sembra ancora più bambino del solito, con risultati divertentissimi. Uno dei punti di forza del telefilm è proprio la grande abilità degli autori a mischiare momenti quasi comici ed altri serissimi o tragici… e arriviamo alle ultime due puntate, veri capolavori a mio parere.

Non accenno nulla per non rovinare la sorpresa a chi volesse vederli in italiano, ma da quanto tempo non si vede un film (per il cinema) capace di suscitare tali e tante emozioni? Le puntate 15 e 16 sono state l’ennesima dimostrazione di come le menti creative migliori siano ormai passate alle serie tv, alcune delle quali sono ormai imperdibili per gli amanti della settima (ottava? nona?) arte. E in nuce, per House, si vedono ancora cambiamenti, che potranno portare il personaggio in chissà quali nuove direzioni…

L’unica pecca della serie è che ora toccherà aspettare un altro, lunghissimo anno per sapere “what’s next”. Una tortura, soprattutto dopo un finale come questo.

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

2 Comments

  1. Caterina 24 May 2008
    Rispondi

    bellissime le ultime due puntate di House! veramente splendide!

  2. Limerick 26 May 2008
    Rispondi

    Già, il dottore ci mancherà 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.