Testament – The Formation of Damnation (2008)

I Testament mi stanno simpatici. Mi sono sempre stati simpatici, fin dai miei primi approcci al mondo del metallo, quando tutto ciò che avevo di loro erano dischi reputati quasi unanimemente come minori, come Souls of Black o il disco della discordia “The Ritual”. Il gruppo capitanato dall’indianone Chuck Billy e da Eric Peterson ha esordito (con un disco magnifico) quando il trend del thrash era già partito da un po’, ha inseguito i “vecchi” sempre con lavori di alta qualità, ma che non riuscivano a riscuotere quel grande successo che forse avrebbero meritato, hanno affrontato scioglimenti, problemi di line up, controversie… poi nel 1999 hanno fatto il botto: THE GATHERING! Un disco considerato forse il migliore della loro discografia, ma soprattutto una mazzata inaspettata che ha trovato proseliti tra i vecchi fans delusi dal loro cambio di genere, e che ha suscitato l’interesse anche di molti novellini attratti dalla produzione ipermassiccia e dai pezzi incredibilmente tirati ma catchy. Un disco che poteva essere una svolta… e invece no. Invece no nel senso che i Testament hanno da allora girato il mondo con tour sempre più seguiti, ma anche a causa della brutta malattia di Billy (un tumore alla gola risolto fortunatamente con successo) da quel 1999 non hanno sfornato più prove in studio, se si eccettua quel “First Strike Still Deadly”, del 2001, che vedeva i Testament in formazione originale e che era stato francamente una piccola delusione.

Bene, sono passati 9 anni ma i Testament sono tornati. The Formation of Damnation è un disco che urla a squarciagola “siamo ancora qui! Siamo ancora capaci di spaccare!” E in effetti i Testament alla loro veneranda età spaccano ancora come pochi, con una formazione per quattro quinti quella storica e l’innesto alla batteria dell’ottimo Paul Bostaph, sostituto di Nicche Barker fermato da problemi burocratici. Contrariamente a quello che mi aspettavo The Formation of Damnation non ritorna nè alle sonorità più tipicamente anni ’80 (quelle più consone al chitarrista Alex Skolnick) e neppure va avanti estremizzando il suono, come poteva essere visto l’innamoramente di Peterson con il Black Metal. Anzi… se c’è un disco tra quelli passati che assomiglia a The Formation of Damnation bisogna riscovare il panteriano Low, uscito nel 1994 dopo un primo scioglimento del gruppo. Pezzi come More than Meets the Eye e soprattutto The Evil Has Landed sembrano proprio delle out takes di quel disco… siamo tornati negli anni ’90! Non che sia un male, intendiamoci… anzi, sono tra i miei pezzi preferiti del disco. Si prosegue poi su coordinate più tradizionali con la titletrack, che però è forse il pezzo meno riuscito del disco, anche se Bostaph cerca di risollevarne la qualità con una grande prova dietro le pelli. Dangers of the Faithless è un pezzo di metal moderno molto buono, mentre con The Persecution Won’t Forget e Henchman Ride abbiamo il dittico forse più rappresentativo dell’album: due pezzi ricchi di groove, vari, suonati alla grande e capaci di spaziare da melodie quasi tradizionali (Bay Area Style!) a sfuriate più estreme in linea con il passat prossimo della band. I pezzi successivi sono invece un po’ deludenti, fatta eccezione per F.E.A.R. che mette in mostra delle belle sfuriate thrash e un’ottima linea vocale.

Insomma, com’è questo disco? Buono, molto buono… ma non è il capolavoro che ci si poteva aspettare dopo The Gathering. I Testament mantengono le promesse e ci consegnano un disco spaccaossa, tirato, senza compromessi con quanto va di moda adesso, e questo sicuramente è un bene, ma l’ispirazione non sembra più quella di dieci anni fa. L’indianone è comunque un mito e va promosso a pieni voti… ce ne fossero come lui nel mondo del metal! L’attesa però è per vederli dal vivo, dove sono sicuro che anche i pezzi di quest’album che non mi hanno colpito più di tanto sapranno scatenare un headbanging sfrenato.


/5

Godetevi “The Evil Has Landed”

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

3 Comments

  1. niccolo’ 6 June 2008
    Rispondi

    In realta’ Skolnick e’ un chitarrista iperversatile, le sonorita’ anni ’80 al limite gli vanno strette! 🙂 Per il resto d’accordissimo.

  2. Limerick 9 June 2008
    Rispondi

    Sisi, conosco il suo Alex Skolnick Trio… però se non sbaglio dopo The Ritual lasciò il gruppo proprio per andare verso sonorità più melodiche, no?

  3. niccolo’ 11 June 2008
    Rispondi

    Piu’ che altro perche’ si era sbriciolato le palle di suonare metalz, sentiva che a continuare cosi’ avrebbe solo potuto diventare piu’ veloce e basta – per questo si mise a studiare. Quanto a capacità chitarrose, non ha certo problemi con roba ’80, ’90, ’00! 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.