Airbourne – Runnin’ Wild

Ma gli AC/DC sono improvvisamente ringiovaniti? Viene da pensarlo ad ascoltare distrattamente Runnin’ Wild, primo e finora unico album degli australiani (non per caso) Airbourne, band mooolto promettente capitanata dai fratelli Young… ehm no, volevo dire O’Keefe. Questi quattro ragazzi ci allietano le orecchie con 11 tracce di puro (hard) rock’n roll, non pretendono di inventare nulla ma si divertono e ci divertono, e cosa chiedere di più? E’ difficile anche scegliere un brano sopra gli altri, visto che tutti e undici sono una scarica di energia e adrenalina, con riff ai limiti del plagio e ritornelli azzeccatissimi da cantare a squarciagola. Runnin’ Wild è un disco da ascoltare in macchina, anche nei tragitti brevi, un disco che non ha bisogno di diciottomila ascolti per essere “capito”, un disco che fa muovere il piedino, fa sbattere il capo, un disco di cui si sentiva decisamente il bisogno, visto che i loro babbi Ac/Dc non azzeccano un disco discreto (non dal vivo) da una ventina d’anni.

Voto:


/5

Lemmy, ospite nel video di Runnin’ Wild, garantisce che gli Airbourne meritano. Godetevela!

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.