Il Cavaliere Oscuro (Christopher Nolan, 2008)

Batman Begins mi era piaciuto moltissimo. Dopo il “Batman” gotico e personalissimo di Tim Burton e gli scempi fatti coi seguiti la pellicola di Nolan era stata una boccata d’aria fresca e un perfetto (ri)inizio, con un eroe più al passo coi tempi e memore dell’evoluzione del fumetto in questi anni. Il Cavaliere Oscuro era il passo avanti necessario.

Premessa: la famosissima graphic novel di Frank Miller c’entra solo fino a un certo punto, ovvero per l’atmosfera molto molto nera che il film riesce a creare. Il Cavaliere Oscuro non è mai stato il “classico” supereroe, ma per parafrasare un felice slogan dell’Uomo Ragno di superproblemi ne ha sempre avuti un sacco. Un “semplice” uomo con un passato difficile e tanti soldi per permettergli di inseguire il suo destino, in una città che avrebbe bisogno di un tipo diverso di eroe e che viene scossa fin dalle fondamenta dall’arrivo di un folle genio, il perfetto Joker del nuovo millennio, figura di criminale deviato che resterà a mio parere nella storia del cinema. Proprio Batman, Joker e l'”altro eroe”, il procuratore Harvey Dent, rappresentano le tre facce del triangolo drammatico su cui tutto il film è stato costruito, in un incalzante evolversi degli eventi che porta i rapporti a modificarsi, le persone a cambiare, la stessa città e gli animi dei cittadini ad interrogarsi su cosa è giusto fare e su cosa li aspetta.

Il Cavaliere Oscuro mi è piaciuto come pochi altri film “supereroistici”, e se pure la posizione #1 tra i film di ogni tempo (!!!) assegnatagli su imdb mi sembri un poco esagerata penso sinceramente che sarebbe stato praticamente impossibile fare meglio di così. Una regia davvero impeccabile, effetti speciali splendidi ma non invasivi, scene d’azione appassionanti, una costruzione dei personaggi in continuo crescendo, attori eccellenti e un joker che… beh, non mi piace unirmi alle masse e parlare bene dei defunti, ma questo Joker di Heath Ledger non solo regge il confronto con quello storico di Jack Nicolson, ma addirittura lo supera, rendendo un personaggio che poteva tranquillamente divenire una macchietta realistico e inquietantemente vero, nella gestualità, nel modo di esprimersi, nella follia comunque lucida del suo volto. Grande merito ha anche la sceneggiatura che riserva come ovvio al suo personaggio un attenzione particolare e dei dialoghi splendidi.

Dobbiamo trovare dei difetti? Proviamoci, ma me ne vengono in mente solo tre…

Il primo è una figura femminile un po’ sciapettina… un mero personaggio di contorno, ma visti i giganti che si contendono la scena non è una pecca grave.

Il secondo è una parte finale che probabilmente meritava di essere narrata in maniera più estesa in un film a parte. Non che ci sia qualcosa di male nel come è resa, ma (senza raccontare la trama) l’evoluzione di un personaggio importante ed affascinante come Harvey Dent si poteva tranquillamente meritare l’onore di un sequel dedicato.

Il terzo… spiace dirlo, ma è il doppiaggio italiano. Sono ormai molto lontani i tempi dei film che venivano addirittura resi migliori dalle tante professionalità che hanno reso grande il mondo dei doppiatori del nostro paese, sempre più spesso ormai ci si trova di fronte a voci poco azzeccate, recitazioni sopra le righe, magari piccolezze che però creano fastidio, soprattutto quando si ha a che fare con film di questo calibro. L’Italia sarà mai pronta ad accettare i film in originale sottotitolati? Sarebbe la scelta più intelligente, nel 90% dei paesi del mondo fanno così, vediamo di arrivarci anche noi.

Detto questo… film promosso a pieni voti. Non si capiva? 🙂

Voto:

1/2 /5

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

4 Comments

  1. Anonimo 29 July 2008
    Rispondi

    Quoto tutto 🙂 (son la claudia)

  2. Limerick 29 July 2008
    Rispondi

    Aspetto il commento della Sara che mi stronca 😀

  3. Sinensis 30 July 2008
    Rispondi

    Non ti stronco, il film non m’è dispiaciuto, come hai detto te il doppiaggio fa un pò schifo però nel complesso è un bel film, anche se preferisco quelli di Tim Burton…ma d’altra parte io il fumetto non l’ho mai letto quindi non giudico confrontando il film col fumetto..

  4. Caterina 3 August 2008
    Rispondi

    a me è piaciuto un sacco il film! Proprio bello! Peccato solo che era lungo arrabbiato..

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.