Journey – Revelation (2008)

Magari qualcuno dei più giovani lettori del blog non sa neppure chi siano, i Journey… e chissà, forse anche qualche “vecchietto” farà fatica a ricordarseli. I Journey sono dei vecchi dinosauri dell’AOR, genere musicale che negli USA ha sempre fatto sfracelli più che da noi, sono in giro da trent’anni e hanno sfornato una serie di hit impressionante. Provate a sentire le prime note di “Don’t stop believing” e sono sicuro che qualche cosa vi tornerà in mente.

La vera domanda è “ha senso un disco dei Journey nel 2008”? Il gruppo ha mollato da poco il noto Jeff Scott Soto per prendere alla voce uno sconosciuto filippino, Arnel Pineda, notato su Youtube proprio mentre cantava in una coverband dei Journey. Il sogno di una vita che si avvera… e come poi! Devo dire che ad ascoltare il cd bonus di Revelation, quello con i classici della band riregistrati, si fa fatica a capire che il cantante non è Steve Perry. Anche i pezzi nuovi sono Journey al 100%, e qualsiasi tentativo di “evoluzione” intrapreso negli ultimi dischi è stato abbandonato. Pezzi come “Like a Sunshower”, “Change for the Better”, “After All These Years” potevano tranquillamente essere outtakes dei dischi dei primi anni 80… ovviamente registrate benissimo coi suoni di adesso. Una parola proprio sulla produzione: ottima a mio parere, anche se in giro ho visto qualche critica. Melodica e potente quanto basta, riesce anche a coprire qualche piccola pecca come la scialba “Wildest Dreams”. Il gruppo (Pineda a parte) è sempre il solito, e sentire la meravigliosa chitarra di Neal Schon, come la batteria di Dean Castronovo, è sempre un piacere. Chiaro che Revelation non attrarrà i “giovani d’oggi” abituati a ben altre sonorità, ma… cazzo, è proprio bello. Non me l’aspettavo così… ha soppiantato mille altri dischi più “metal” dal mio lettore cd. Consigliato!

Voto:

/5

Don’t stop Believin’… in versione live!

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

4 Comments

  1. Andrea (sdl) 31 July 2008
    Rispondi

    quale amante dei Journey non posso che essere curioso, soprattutto dopo la tua recensione 🙂 peccato che comunque steve perry mi manchi 😀

    Andrea (sdl)

  2. Limerick 1 August 2008
    Rispondi

    Il disco non ti deluderà, anche se per un fan il secondo cd di classici riregistrati è certo ridondante 🙂

  3. Andrea (sdl) 2 August 2008
    Rispondi

    Ho ascoltato velocemente i classici riediti con il nuovo cantante. Beh, che dire, in effetti la somiglianza timbrica è tremenda. Cambia ovviamente l’interpretazione, la presenza sul palco (ineguagliabile a livello di energia perry) ed il modo in cui vengono affrontati gli acuti.

    Posso usare questo tuo articolo (Senza copiare parti, ma come riferimento, link) per fare un piccolo articolo su quella che è la strada intrapresa dai journey?

    Andrea (sdl)

  4. Limerick 6 August 2008
    Rispondi

    Andrea: ovviamente puoi usarlo come vuoi, anche se lo copi tutto non ho certo problemi 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.