Chrome Division – Booze, Broads & Beelzebub

In un momento di pausa dei suoi Dimmu Borgir Shagrath torna a farsi sentire con il side project dei Chrome Division, insieme a un gruppo di musicisti norvegesi di diversissima estrazione, proveniente dal power più trallallà come dal prog, alla faccia della chiusura mentale. I Chrome Division rappresentano una sorta di sfogo per questi musicisti, che si dilettano qui in un rock’n roll con influenze sudiste (strano come il simil-southern abbia successo in Svezia e Norvegia… mah!) tra Ac/Dc, Spiritual Beggars, Nashville Pussy, Ramones e soprattutto Motorhead. Recensione brevissima: questi SI divertono e CI divertono. Già il debutto Doomsday Rock’n Roll era una figata terremotante, una vera macchina da headbanging, questo nuovo lavoro è a mio parere ancora meglio, alzando il tasso alcoolico e di tamarraggine che esprime il suo culmine in veri e propri inni come l’irresistibile “Raven Black Cadillac” e “The Devil Walks Proud”. Tredici pezzi senza una caduta di tono, con grandi assoli e melodie semplici ed efficacissime. Che volere di più?

Voto:


/5

Dal disco, la titletrack: Booze, Broads & Beelzebub!

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.