Saint Ange (Pascal Laugier, 2004)

Saint Ange è una delusione. E’ bene mettere le cose in chiaro fin dall’inizio. Un film sostanzialmente noioso che non spaventa, non intriga e che è retto solo dalla splendida fotografia, dall’ambientazione inquietante e dalla protagonista Virginie Ledoyen, che pur non essendo Anna Magnani è comunque una discreta attrice, ha la faccia perfetta per il ruolo e soprattutto è molto, molto carina (grazie al regista per il bel nudo frontale e per il suo bel sedere).

La storia è quella di un orfanotrofio francese nel 1958 gestito da religiose nel quale arriva a lavorare Anna, una ragazza incinta scacciata dalla famiglia dove lavorava precedentemente. Il lavoro di Anna consiste soprattutto nel badare a Judith, l'”ultima orfana” rimasta, una ragazza con gravi problemi mentali che è stata testimone di qualcosa che l’ha segnata per sempre. Insieme a lei la cuoca Helenka, che inizia a preoccuparsi e ad agire in modo sospetto quando Anna le confessa di sentire dei passi e udire nei corridoi voci di bambini. “Stai attenta ai bambini cattivi”, le aveva detto una piccola ospite appena arrivata. Anna purtroppo non l’ha ascoltata in tempo…

Dicevamo: film noioso, che secondo il regista vorrebbe spaventare più per la dimensione psicologica della storia che per le vicende in sè. A dire la verità c’è riuscito, visto che le vicende non spaventano affatto mentre almeno gli ambienti e i personaggi una certa inquietudine la danno. L’insulso finale distrugge però anche quel poco di buono che era stato creato prima. Evitate.

Voto:


/5

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.