Bastardi senza gloria (Tarantino, 2009)

Bastardi senza gloria (Tarantino, 2009)

Tarantino si può criticare (e l’ho criticato in passato), ma quello che non si può negare è il suo amore per il cinema. Forse fin troppo amore, cosa che lo porta a dar vita anche a pellicole non esattamente riuscite come Grindhouse. Ma Quentin Tarantino va preso com’è, con i suoi pregi e i suoi difetti, e quando i suoi eccessi sono bilanciati da una solida trama e attori in stato di grazia… beh, abbiamo Inglorious Basterds. Prendendo spunto (ma solo quello) da Quel Maledetto Treno Blindato di Castellari il regista costruisce il classico “bunch of men on a mission movie”, un gruppo di “bastardi” ebrei spediti nella Francia occupata ad ammazzare nazisti, senza gloria e… senza pietà. E il bello è che avranno pure l’opportunità di ammazzare Hitler in persona…

Citando mezzo milione di pellicole diverse, dal western ai classici di guerra, e riuscendo ad omaggiare persino Edwige Fenech, Tarantino mette in piedi quello che è il suo film migliore dopo lo sfortunato Jackie Brown, divertente, sopra le righe, con dialoghi al solito fulminanti, scene riuscitissime e personaggi che rubano la scena, in particolare il malvagio Christoph Waltz cacciatore di ebrei, che si è conquistato per questo ruolo una meritatissima Palma d’oro a Cannes. Un gioiello che ha solo la parziale pecca di una durata un filo eccessiva… ma anche i momenti più lenti (tipo i dialoghi in tre lingue diverse, opportunamente lasciate tali in doppiaggio) ammaliano proprio per quella sensazione di straniamento che riescono a dare. Qualcuno ha criticato certe uccisiono non proprio politically correct, ma candidamente, come se fosse la domanda più assurda del mondo (in effetti lo era…), Quentin ha risposto “quelli uccisi non sono uomini, sono nazisti”. Adorabile. Un film che ha il respiro di un kolossal… peccato solo per la scena dove Brad Pitt, da italiano, è dovuto diventare siciliano per ovvie esigenze di adattamento… la sensazione è che, se tradotta risulta carina, in originale doveva essere un capolavoro. Il finale strappa l’applauso.

E ricordate: IL CINEMA PUO’ CAMBIARE LA STORIA!

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.