X Men le origini: Wolverine (Hood, 2009)

X Men le origini: Wolverine (Hood, 2009)

Ai tempi del primo film degli X-Men il personaggio che agli occhi dei fan e dei semplici spettatori rimase più impresso fu senza dubbio quello di Wolverine. Gran parte del merito fu probabilmente dell’attore scelto per interpretarlo, HUgh Jackman, che con il suo look selvaggio e animalesco (come poteva essere altrimenti?) piacque molto in partcolare al sensibilissimo pubblico femminile. Insomma, visto il successo della serie, appena si iniziò a parlare di possibili spin-off il nome del ghiottone canadese spuntò fuori come principale candidato. E alla fine è andata, nel 2009 il prequel con le origini di Wolverine è andato in onda sugli schermi cinematografici di tutto il mondo…

Viste le premesse un’altra delle cose che ci si poteva aspettare era che il successo ottenuto risultasse ancora maggiore di quello del film originale. Ma anche se il pubblico, soprattutto in America, ha risposto piuttosto bene, si può dire che non è andata esattamente così…

La storia delle origini del personaggio di Wolverine, mutante dalle unghie retrattili dotato di uno scheletro di adamantio per farne l’arma perfetta, è stata sensibilmente rivisitata rispetto a quella classica del fumetto. Ma ci può stare, in fondo siamo nel 2009 e quello che colpiva quarant’anni fa ora può apparire datato. Il vero problema è che pur con un JAckman che ce la mette tutta per essere in parte e con una produzione che non ha lesinato in effetti speciali manca il film. Il regista Gavin Hood (autore di uno dei premi Oscar più sopravvalutati della storia recente: Il mio nome è Tsotsi) non ci mette nulla di particolare di suo, il cast di contorno (con l’eccezione forse del giovane Gambit) non rimane impresso, la storia è un po’ debole, soprattutto non si scava per nulla a fondo sulle motivazioni dei personaggi. Ok, è un classico popcorn movie, ma anche senza arrivare a mezzi capolavori (tipo Batman Begins) in molti altri film di supereroi si era fatto di meglio. Così, Wolverine va comunque bene per passare una serata… in attesa del sequel. Si poteva fare di più.

Nota: il film è in edicola con il numero uscito oggi di Panorama a 16.90€

logo

Related posts

Luca

Luca

Visto che la narrazione popolare vuole che questo 2021 sia l'anno delle rivincite popolari in campo internazionale per l'Italia, aggiungiamo alla lista delle rivincite più comuni (Maneskin all'Eurofestival, nazionale di calcio agli europei, medaglie d'oro alle olimpiadi... tutte cose...

Nuova sezione video sul sito

Nuova sezione video sul sito

Forse avrete notato l'aggiunta in alto della nuova sezione "Spaghetti weird", che raccoglie i video del mio nuovo canale Youtube di cui vi ho parlato nell'ultimo articolo. Spero che così siano più facilmente raggiungibili. Nel video nuovo vi parlo di Mattanza, di Jack Sensolini e Luca...

Spaghetti Weird

Spaghetti Weird

Un'altra delle novità delle ultime settimane è lo sbarco del vostro affezionatissimo su Youtube. Saltuariamente avevo pubblicato qualche video anche in passato, ma ora l'intenzione sarebbe di farne un appuntamento semi-regolare, almeno un paio di volte al mese. Ecco quindi SPAGHETTI...

2 Comments

  1. Gamba 15 November 2009
    Rispondi

    Credo che per chi non la ha già, valga la pena comprarlo, sia per il prezzo che per la bellezza del fim

  2. Trackback: Road to Logan (2017) Pagina riassuntiva | Il Zinefilo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.