Vampires vs. Zombies (D’Amato, 2004)

Allora, state attenti che non è facile.
C’è un tizio magro magro e pelato e somigliante a Roberto Saviano che sta viaggiando senza particolare motivo tra i boschi per gli USA a velocità BASSISSIMA con la figlia Jenna (non Jameson, purtroppo) che avrà si e no cinque anni meno di lui. La figlia ha dei sogni ricorrenti in cui viene fatta oggetto di un bel cunnilingus da una vampira. I due vedono fermo lungo la strada uno zombie, o meglio un tizio a cui è stato messo del fango su tutta la faccia, e pensano bene di investirlo. La testa dello zombie salta per aria mentre il resto del corpo va da tutt’altra parte con un effetto speciale ridicolo. E ANCORA NON SONO ARRIVATI NEPPURE I TITOLI DI TESTA!!! 😀
Dopo i titoli di testa i due rischiano di andare a sbattere contro una tizia ferma per strada. La signora, che fa tanto la fica ma è una vecchia fattucchiera-vampira con la cellulite, chiede se può lasciare loro sua figlia, una classica mignottella di nome Carmilla. I due accettano nonostante la signora abbia nella macchina in bella vista un’altra ragazza legata e imbavagliata. Ma perché farsi domande? 😀 I tre si fermano dal benzinaio e Jenna fa amicizia con una dark dalle grosse puppe che le regala un ciondolo e le sussurra qualcosa di misterioso all’orecchio. E ancora non è nulla! Dovete ancora conoscere IL GENERALE, un vecchio che se ne va in giro con un giaccone invernale nonostante tutti gli altri siano in tenuta estiva e che si diverte a mettere sotto ed uccidere gli zombie. Le vite di tutti questi personaggi si intrecciano e vanno a formare quella che, con molto coraggio, potremmo definire LA TRAMA.
Dunque, non è che uno si mette a vedere Vampiri vs. Zombies sperando che sia un classico del cinema moderno, ma almeno da un film che viene pubblicizzato con la frase “la battaglia tra i non morti ed i morti viventi è cominciata” ci si aspetta che… beh, che i vampiri combattano gli zombie! Invece a parte due scene fatte male sul finale e qualche povero morto vivente investito non si assiste ad altro. Il regista era evidentemente assorto nel girare scene lesbiche fatte male, scene oniriche fatte peggio e a creare buchi di sceneggiatura che nessuno ahimè potrà mai riempire.
Dal punto di vista critico questo film è merda, spazzatura, il vuoto cosmico. Dal punto di vista del trash ha qualche freccia al suo arco.
Innanzitutto l’evidente assurdità del tutto. Gli attori sono dei cani, le attrici più di far vedere qualche puppa (neanche troppo bella) non sanno fare, il tutto è girato alla cazzo di cane, senza un filo logico, con personaggi che entrano ed escono dalla trama ed altri che non si capisce bene che ruolo abbiano. Non è facile fare stare tutte queste cose in 75 minuti!
Poi alcune chicche: il già citato Generale che distrugge il cruscotto investendo uno zombie e due minuti dopo, in una zona boschiva senza nessun paese e prima di arrivare alla prima stazione di servizio, l’ha già riparato. Una scene lesbica con la tizia che si accorge all’improvviso, dopo essersela fatta leccare da una vampira (di giorno sotto il sole, ovviamente!), che nel frattempo le sono venute le mestruazioni. Una scena onirica che David Lynch se la sognerebbe la notte con la citazione principe di tutto il film (vedi sotto).
Vale la pena oppure no?
Poteva essere un capolavoro. Ma purtroppo tutto viene rovinato perché… questo non è un film trash. O meglio, lo è senza volerlo. Il regista D’Amato (Vince, purtroppo, non Joe) probabilmente si crede un artista e non conosce l’autoironia… o probabilmente proprio non c’arriva. Restano misteriosi i motivi per cui film del genere vengano prodotti, ed ancor più misteriosi i motivi per cui vengano doppiati addirittura in italiano! Se questa è roba che vende, aridatece Bruno Mattei!!!
La citazione che resterà
B-bbagnooooo…
una bella clip dal film, perchè SO che ne sentivate il bisogno…
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

1 Comment

  1. bed 31 December 2010
    Rispondi

    oh cristo… una delle cose peggiori che io abbia mai visto… -.- nonostante avessi letto la tua recensione, il mio sadismo ha avuto la meglio e me lo son guardatato lo stesso… oh cristo!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.