Paul (Greg Mottola, 2011)

Mi aspettavo grandi cose da Paul, film diretto da Greg Mottola (SuXbad) ma soprattutto scritto ed interpretato da Simon Pegg e Nick Frost, le menti dietro Shaun of the Dead e Hot Fuzz. In Italia, poi, la voce di Paul è di Elio, e il trailer faceva presagire un film divertente, sboccato, scorretto. Un ET in acido.
Non è proprio così. Pegg e Frost interpretano due nerd inglesi in vacanza negli USA per visitare il Comic Con e i più famosi luoghi di avvistamento UFO. Lungo la strada si imbattono in Paul, alieno scappato alla custodia del servizi segreti americani e decidono ovviamente di aiutarlo nella sua fuga. Paul però non è il classico alieno che conosciamo… ama dire le parolacce, si mostra nudo un po’ a chiunque, non ha vergogna né rispetto.
Sembrerebbe un grande, il problema è che il film non fa (troppo) ridere.
Fondamentalmente si tratta di un road movie sgangherato, con alcuni segmenti azzeccati (soprattutto quando entra in scena il personaggio della fondamentalista cattolica di cui Pegg si innamora) ma troppo debole per convincere. E il problema forse sono proprio i protagonisti, Pegg e Frost, che se in Shaun of the Dead e anche Hot Fuzz funzionavano alla grande qui sono troppo… loro stessi per riuscire bene. Probabilmente si sono molto divertiti a girare il film, ma un film deve piacere al pubblico, non agli attori… 🙂
Pro:
– I nerd fanno sempre simpatia
– Umorismo sboccato
– Qualche personaggio ben  riuscito
Contro:
– L’umorismo è troppo spesso forzato
– I nerd non fanno poi così tanta simpatia
– E’ simpatico sentire la voce di Elio, ma non è proprio il miglior doppiatore del mondo
– Trama troppo debole per reggere un film senza gag esilaranti.
Su IMDB gli han dato 7… io non andrei oltre un 5 e mezzo.

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 24/03/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 24/03/2019

Tutte (ma proprio tutte) le serie tv uscite queste settimana nell'universo conosciuto, con i consigli di visione del Cumbrugliume.

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody è piaciuto (quasi) a tutti, ma la storia dei Queen avrebbe potuto dire mille altre cose, e alla fine mi ha lasciato davvero freddino...

Un sabato a Varchi Comics

Un sabato a Varchi Comics

Sabato 16 Marzo ho vinto la pigrizia del fine settimana per muovermi di una trentina di chilometri e recarmi alla edizione 2019 del Varchi Comics, la prima che si è tenuta nel centro cittadino. Completamente gratuita e con ospiti ogni anno di livello maggiore, Varchi Comics si sta...

1 Comment

  1. Lypsak 26 August 2011
    Rispondi

    Elio è stato mitico nel doppiaggio di Arnie (il superfigo) in Terkel… però concordo, come doppiatore non è proprio il massimo 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.