The Dirt, ovverosia IL SUDICIO!

Che ci possiamo fare, i Motley Crue (non mi metto a cercare l’heavy metal umlaut nella mappa caratteri!) erano dei sudici. Non si lavavano, non pulivano casa, trombavano qualsiasi cosa si muovesse e si iniettavano persino i rifiuti di Keith Richards! O magari ho esagerato! Ma la loro autobiografia, The Dirt, uscita ormai dieci anni fa’, è proprio così. Sudicia. Estrema. Ributtante, a volte. 
Francamente i Crue non mi sono neanche mai piaciuti troppo, e anche dopo la lettura del libro non mi stanno  simpatici, fatta eccezione forse per il povero (e totalmente fuori di testa) Mick Mars e il derelitto sostotuto temporaneo John Corabi. In fondo gli altri tre erano e sono ragazzini viziati che hanno avuto tutto dalla vita ed hanno gettato via ancora di più. Ma leggere gli aneddoti del periodo d’oro del rock’n roll e dell’heavy metal mi ha sempre appassionato e… cazzo, questo libro è una MINIERA di aneddoti. Pensavo che il fondo si fosse toccato con Lemmy dei Motorhead che con l’esplosivo costringe a cambiare le carte geografiche inglesi, ma il racconto di Ozzy Osbourne che lecca da terra la pipì di Vince Neil probabilmente lo batte… ed è solo un esempio tra i tanti presenti nel libro. Alcool, droghe, donne più o meno belle (ma sempre rigorosamente ipertroie), successi, declini, tradimenti, prigioni, truffe, orge, lutti, spogliarelliste, squirting… c’è di tutto in “The Dirt”. Forse a risentirne è la parte musicale… ma andiamo, a nessuno può interessare conoscere qual era l’estro creativo dietro “Girls girls girls”, no?
Io ho comprato su Amazon la versione inglese del libro, che consente di risparmiare qualche evero e che comunque è molto semplice da leggere per chi ha una conoscenza medio-buona della lingua (a dire il vero ho dovuto cercare su internet il nome di qualche droga strana :P). Se volete comprare la versione italiana prendete la nuova delle Edizioni Tsunami e non la vecchia traduzione Sperling & Kupfer che più che una traduzione è un riassunto.
(Girls, girls girls! E’ questo che conta, no?)
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.