Dylan Dog #314 – I Segni della fine

MA QUANTE CAZZO DI STORIE SCRIVE GUALDONI??? Ormai Dylan Dog è solo suo… questo “I Segni della fine” non è tra le sue opere peggiori ma soffre di alcuni difetti che mi fanno esclamare “uff”.
*clicca su continua a leggere se non temi qualche piccolo spoiler*

Il 21 dicembre 2012 si avvicina ed anche a Londra una serie di incidenti strani e sanguinosi fanno esclamare “la fine è vicina”! Sono contente soprattutto le varie Chiese dell’Apocalisse fregapolli, e ovviamente Dylan finisce in una investigazione che parte da tutt’altro ma porta dritti verso di loro. Questa volta mischiando antichi simboli della Cabala con i moderni tag dei graffitari.
Partiamo dalla prima impressione: l’albo si presenta proprio bene! La copertina è splendida, Casertano ai disegni non da probabilmente il 100% come nel primo volume di Le Storie, ma resta sempre su ottimi livelli. La storia, sebbene il mondo dei graffitari venga tratteggiato in maniera piuttosto banale, parte anche benino, tanto che pensavo di aver finalmente trovato un Gualdoni convincente al 100 (facciamo 99?)%.
E invece no.
Perché alcuni dei problemi ricorrenti nella sua gestione del personaggio affiorano anche qui. Una gestione pigra dei colpi di scena (era proprio necessario mettere in gioco in quel modo la Chiesa dell’Apocalisse?), dei deus ex machina poco integrati nella storia, soluzioni narrative discutibili… in particolar modo, come fa il rabbino a identificare subito i simboli che animano la materia inanimata se sono perduti da almeno un secolo?  Che cazzo di ricerche fa? Pigro, pigro, pigro!
Francamente… Dylan Dog è un personaggio che ha ancora un potenziale notevolissimo… vederlo buttato via così mi fa un po’ rabbia.
logo

Related posts

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Luca

Luca

Visto che la narrazione popolare vuole che questo 2021 sia l'anno delle rivincite popolari in campo internazionale per l'Italia, aggiungiamo alla lista delle rivincite più comuni (Maneskin all'Eurofestival, nazionale di calcio agli europei, medaglie d'oro alle olimpiadi... tutte cose...

Nuova sezione video sul sito

Nuova sezione video sul sito

Forse avrete notato l'aggiunta in alto della nuova sezione "Spaghetti weird", che raccoglie i video del mio nuovo canale Youtube di cui vi ho parlato nell'ultimo articolo. Spero che così siano più facilmente raggiungibili. Nel video nuovo vi parlo di Mattanza, di Jack Sensolini e Luca...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.