Novità da Lucca #5: aspettando Long Wei

Novità da Lucca #5: aspettando Long Wei

Una storia d’azione, ambientata in Italia, con protagonisti immigrati cinesi… un mix tra Bruce Lee, la moderna Hong Kong e il poliziottesco all’italiana! Un’idea così non poteva che venire a Roberto Recchioni (con il direttore responsabile Aurea Enzo Marino), che poi ha lasciato al bravo Diego Cajelli l’onore e l’onore di passare dall’idea alla sceneggiatura, avvalendosi di tanti bravi disegnatori e del progetto grafico di Luca Genovese. E’ nata così la nuova (mini?)serie Aurea, che sbarcherà in edicola da febbraio 2013, maya permettendo, ma della quale ho potuto leggere il numero 0 a Lucca Comics. Un numero 0 è sempre poco per capire cosa aspettarci, ma intanto ho potuto apprezzare l’impostazione action, molto cinematografica (come era ovvio), e lo “scontro di civiltà” già evidente, con il protagonista e maestro di kung fu Long Wei a collaborare con un grosso tizio biondo che punta più sulle pistole, o a servire piatti in un ristorante cinese… Cosa mi aspetto? Una roba molto interessante e divertente! Belle le copertine di LRNZ! 🙂 
Per info:
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.