Metamorphosis #3

Metamorphosis #3

Si è appena conclusa questa trilogia di Giacomo Bevilacqua, noto per A Panda Piace, il terzo volume è in tutte le edicole e… conferma tutto ciò che di buono (e di meno buono) i primi due mi avevano fatto pensare.
La storia di Luna Mondschein e del suo personale mondo, tra Roma e la mitologia greca, trova un appropriato finale che parte da note giallo/fantasy e si invola verso una via di mezzo tra storia di supereroi e manga coi robottoni… decisamente divertente ed anche ben congegnato, visto che il tutto si dipana in maniera fluida. Sonia Aloi è brava nelle pagine iniziali a descrivere alla perfezione uno dei “cattivi” più interessanti nel fumetto italiano recente, la sua storia e le sue motivazioni. Meno convincente è il disegno di Bevilacqua, che seppure dinamico ed in qualche modo congruo con la narrazione appare sempre un po’ tirato via… meglio come sceneggiatore, insomma!
L’esperimento Metamorphosis, comunque, può dirsi riuscito quasi alla perfezione. Sarei curioso di sapere come il pubblico ha risposto e se le vendite hanno premiato una storia ed uno stile che avevano molto più un comune col mondo dei manga che con quello dei Bonellidi. Immagino che lo sapremo a breve… se l’Aurea annuncerà o meno altre miniserie 🙂
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.