La recensione-sfida del sabato: MARCH THE DESERT – s.t.

C’erano una volta i Black Sabbath. E’ anche possibile che ci siano ancora, ma visto che Ozzy ormai è un rincoglionito non vale più (vedi post Bisogna saper smettere). I Black Sabbath, fin dal loro primo storico disco, ci hanno insegnato che pesantezza e velocità non sono necessariamente la stessa cosa, creando un genere con il loro hard rock sulfureo, i riff gravi e rocciosi di Tony Iommi, la perfetta sezione ritmica, le occasionali tirate psichedeliche e la voce sgraziata di Ozzy a condire il tutto.
Sono passati 43 anni da Black Sabbath, e ancora oggi escono gruppi che alla musica del quartetto di Birmingham debbono tutto. Prendiamo i March the Desert, ad esempio. Questo gruppo di Brighton (sempre negli UK) è stato fondato nel 2007 ma solo oggi rilascia l’autoproduzione di esordio, auto intitolata, che mi ha interessato perché l’ho letta definita come Psych based sludge-doom-stoner metal. Generi che mi piacciono, e quindi…
Il problema è che messo il disco sul lettore è partito il miagolio di un gatto spiaccicato.
Francamente è un peccato, perché il gruppo non è malaccio. I riffoni sono classicamente doom/stoner, ma belli massicci, la sezione ritmica è puntuale e i March the Desert assomigliano molto a una rivisitazione dei Saint Vitus (ascoltateli) in chiave più psichedelica e settantiana.
Principale errore della band è forse nella scelta del primo pezzo, March, troppo lungo e ripetitivo e nel quale il cantante Sam Grange è al suo peggio. Poi un po’ si riprende, ad esempio in Mizar, il brano sopra riportato. Non è Messiah Marcolin ma insomma, alla fine nel genere non serve essere chissà cosa… un po’ di sforzo in più nel mixaggio avrebbe però giovato.
Un pregio del disco è la durata, 6 pezzi per 33 minuti. Esagerare non avrebbe giovato loro, visto che ovviamente la dinamicità non è il loro forte. Meglio scrivere poco e ben(ino)e che cercare di riempire ogni secondo del disco di musica. A proposito, se vi interessa li trovate su bandcamp.
Anche i testi non sono niente male, superiori alla media. Niente di originale, insomma (la band dovrebbe trovare una propria identità), ma in confronto agli altri gruppi apparsi nella recensione-sfida del sabato questo è oro.
Però seriamente, cambiate cantante.
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.