Eppure era facile

Questo era un post che mi ringhiava dentro da tanto. Ma non lo potevo dire. Per scaramanzia, perché in fondo ancora un po’ ci credevo, speravo che qualcosa potesse cambiare. Ma ora son passate le elezioni, ora lo posso dire.
Eppure stavolta ERA FACILE vincere le elezioni. Non era indispensabile essere scienziati. Il PDL ha perso il 40% dei suoi voti, la Lega il 50%, Fini è sparito, Di Pietro è sparito, Casini è impalpabile, Monti non ha sfondato.
Eppure siamo lì, come dei poveri idioti, ancorati a un 26% scarso quando all’inizio di gennaio tutti ci davano 10 punti più su.
Eppure stavolta vincere era DAVVERO facile. Bastava poco. Bastava dire “cambieremo tutto” rimanendo con la faccia seria. Poi è chiaro, non è che “cambieremo tutto” poteva dirlo uno che nel 1985 faceva il consigliere comunale per il PCI… gli italiani sono dei dementi, ma non così tanto. Bastava una faccia nuova. Se proprio Renzi vi stava sul cazzo, toh, fate uno Zingaretti, che ha dimostrato di avere i coglioni per vincere. Bastava una faccia nuova che dicesse “te, Rosy Bindi, fuori dalle palle; te, Enrico Letta, non farti rivedere; te,  parlamentare X che sei qui da dieci anni, anche se sei stato BRAVISSIMO hai fatto il tuo tempo, se vogliamo vincere dobbiamo vedere volti nuovi. Anche meno capaci, ma giovani, presentabili, cazzo lo capisce anche un bambino”.
Eppoi bastava promettere tre cose: metà parlamentari, metà stipendio, più giustizia sociale. Se proprio uno voleva stravincere poteva dire qualche altra cazzata, tipo “vi ridaremo l’IMU” o “mille euro al mese per tutti per tre anni!”, eppoi un giorno al governo dire no, avevamo scherzato, la situazione dei debito che ci ha lasciato Abberluscone non ce lo permette, ma avremmo tanto voluto. Tanto l’italiano non si ricorda mica un cazzo di nulla.
Ma in realtà bastava dire “cambieremo tutto”. E se Enrico Letta azzardava a presentarsi in tv a dichiarare “vorremmo fare un governo con Monti come alleato” affrettarsi a smentire, a dire “evidentemente Enrico Letta è rincoglionito, scusatelo, voleva dire BASTA CON LA CASTA, lo espelliamo dal partito e lo facciamo internare”. Tre cose, bastavano tre cose. 
Contro chi avevamo?
Un ex magistrato che farfugliava senza saper esprimere un concetto coerente che cercava di spacciare la sua lista di riciclati per “Rivoluzione Civile”. Ha preso l’uno virgola, e ora tornerà a fare il magistrato, perché era in aspettativa. Amici communisti, mi spiace, su Ingroia aveva ragione Abberluscone.
Un amico dei banchieri (che ha ridato un minimo di immagine all’Italia in campo internazionale, ma questo NON LO DOVEVAMO MICA DIRE! MA CHI CAZZO VI HA INSEGNATO A FARE LA CAMPAGNA ELETTORALE DIO-MEDE???) che ha alzato le tasse accompagnato da FINI E CASINI, due che più riciclati non si poteva.
Dei tizi che pensavano di doversi mettere a ciucciare le matite perché il voto non fosse invalidabile. Cioè, ci rendiamo conto?
Abberluscone. Un ottantenne che ama toccare il culo alle ragazzine e che ha fatto più danni della grandine.
Vogliamo dire la verità?
ABBIAMO FATTO SEMBRARE I CIUCCIAMATITE GENTE DUECENTOMILAVOLTE PIU’ FURBA DI NOI. I CIUCCIAMATITE!!!
E ci divertivamo a fare i video coi giaguari da smacchiare e i manifesti elettorali con RUZZLE. CON RUZZLE!!! MA CI RENDIAMO CONTO? QUESTA E’ CRETINERIA POLITICA!
Bastava andare in tv e dire “Berlusconi ha rovinato l’Italia e in un paese civile sarebbe a marcire in galera, ora si levi cortesemente dal cazzo e lasci governare noi, che siamo giovani, siamo nuovi, siamo puliti, siamo CAPACI. E vi diciamo solo che governeremo bene e vi promettiamo trasparenza e TRE COSE.
Ma no. Ora, cortesemente, accordo coi grillini per legge elettorale, abolizione delle province, dimezzamento dei parlamentari e dei loro stipendi, legge sul conflitto d’interessi, riforma della giustizia. Poi si torni a votare. Senza Bersani, Letta, D’Alema, Fioroni, Bindi, Franceschini, eccetera, eccetera, eccetera.

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

1 Comment

  1. Rob 27 February 2013
    Rispondi

    Bastava poco: bastava non farsi mettere alle corde nelle ultime due settimane di campagna elettorale, da Grillo e da Abberluscone. E in questo, sad but true, Matteo Renzi sarebbe stato molto più all'altezza di Abbersane.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.