Iron Tongue – The dogs have barked, the birds have flown

Un altro ascolto recente, il debut degli Iron Tongue, dal bel titolo The dogs have barked, the birds have flown e dalla accattivante cover, è uscito più o meno a metà di quest’anno ma io l’ho recuperato circa un paio di mesi fa. Disco dalle sonorità intriganti, che prendono le mosse dai Blue Cheer, dai Lynyrd Skynyrd, transitano dalle parti dei Saint Vitus di Die Healing e sporcano il tutto con qualcosa dei primi Alice in Chains, all’inizio l’ho quasi snobbato ma mi è cresciuto ad ogni ascolto, ed ora passa spesso sul mio lettore.
Mastermind dell’opera è il cantante Chris “CT” Terry, già nei Rwake, che qui dimostra di avere una splendida voce anche per sonorità più blues. Ecco, immaginate i Saint Vitus che suonano blues ed avrete una buona idea del sound degli Iron Tongue. O al limite se proprio non avete fantasia potete ascoltarvi il video qui sotto 😛
Splendide l’opener “Ever After”, ottimi gli intrecci dei due chitarristi in “Skeleton”, coinvolgente la forza metallica di “Witchery”… uno dei dischi che più mi sono piaciuti quest’anno!
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.