Il complotto dei complotti

Su facebook ho 399 amici. Di questi, 7 sono fan di “Lo Sai”, 43 di “Informare Per Resistere”, 5 di “Adesso fuori dai coglioni”, 1 solo di “Scienza di Confine”, 14 di “Cose che nessuno ti dirà di nocensura.com”, 3 di “Catena Umana Attorno al Parlamento Italiano” e così via. Probabilmente i numeri tra i vostri amici sono ancora più alti, visto che solitamente cancello presto chi condivide roba tipo foto di scie chimiche, link contro i vaccini e roba così.
Alcuni di coloro che hanno cliccato “mi piace” sono sicuramente in buona fede. Ai tempi di Berlusconi Informare per Resistere aveva fregato anche me, e per un certo periodo sono stato fan di pagine apertamente complottiste (come Lo Sai) semplicemente perché la stupidità umana mi ha sempre fatto ridere, ma mi sono reso presto conto che una pagina come Lo Sai (tanto per fare il solito esempio) non è divertente e ridicola. E’ pericolosa. Sparge odio, disinformazione, bigottismo, i peggiori mali della società. E le altre non sono migliori. (resto fan di Neovitruvian perché mi fa ridere ancora, scusate!)
Vignette omofobe, deliri sul signoraggio, proclami sull’NWO ottengono migliaia di mi piace e di condivisioni. C’è da chiedersi il perché di tutto questo successo. Sicuramente centinaia di migliaia, anzi milioni di persone si sentono escluse da qualsiasi accesso al potere, che sia economico, politico, militare. Perché accade tutto ciò? Il mondo, lo sappiamo, è ingiusto, e l’Italia ancora di più. Non offre pari condizioni per tutti, ci schiaccia con tasse esagerate, ci stupisce ogni giorno con notizie di corruzione, tangenti, scandali, collusioni con la Mafia e quant’altro. Perdiamo amici o familiari per malattie gravi o addirittura per errori di dottori, abbiamo visto il nostro potere d’acquisto diminuito dopo l’arrivo dell’euro eccetera eccetera. Perché le cose non cambiano?
Per molti una risposta onesta dovrebbe essere semplicemente: è colpa mia. Ho votato per anni la gente sbagliata, non ho richiesto la fattura al dentista, ho evaso le tasse, continuo a parcheggiare in divieto di sosta quando ho fretta e a cercare di passare avanti a tutti gli altri appena posso. 
Ma una risposta di questo tipo è difficile da dare ed estremamente faticosa, richiede una volontà di cambiamento (anche solo potenziale) e uno sforzo congiunto di milioni di persone per molto tempo, prima di dare frutti. E soprattutto è estremamente faticosa rispetto alla risposta che da il nostro vicino di casa, d’ombrellone e l’ex compagno di classe ritrovato su Facebook: “è colpa di Bildemberg / delle scie chimiche / dell’NWO / dei vaccini / della massoneria / dei rettiliani / DEL COMPLOTTO!”
Un complotto rende tutto più semplice. In qualche modo ci si può sentire giustificati a sfruttare ogni possibilità di fregare il sistema, perché il sistema E’ CORROTTO e rubare soldi al sistema vuol dire restituirli ai cittadini. Ho visto decine di pagine complottiste invitare a non pagare il canone, le multe o in generale le tasse, per NON FINANZIARE IL SISTEMA. Le stesse pagine spesso protestavano a gran voce perché l’ospedale vicino casa era costretto a chiudere, le scuole sono senza carta igienica o la manutenzione delle strade viene rimandata all’infinito. Ma mettere in relazione le due cose è troppo difficile.
Il complottismo ha sfondato anche ad altissimi livelli. Berlusconi indagato? E’ UN COMPLOTTO dei magistrati. Non ha fatto nulla di quello che aveva promesso? NON L’HANNO LASCIATO LAVORARE! Facile giustificazione alla fine di un abbaglio. Ora ad ergersi baluardi del complottismo sono molti grillini, quelli che hanno urlato ai brogli dopo la sconfitta alle europee, ad esempio. 
I complotti a sfondo politico sono tutto sommato più credibili di quelli che riguardano altre facezie come gli alieni, le scie chimiche o stronzate del genere. A volte le cose si mischiano! Vedi la parlamentare che credeva a un complotto per nascondere la verità sulle sirene. O – notizia di questi giorni – la coordinatrice dell’area stampa del M5S a Strasburgo che per anni ha protestato contro le scie chimiche. Credere a complotti del genere risponde a domande a cui è difficile dare una risposta. “Perché mia figlia è autistica?” PERCHE’ I VACCINI PROVOCANO L’AUTISMO! Un conto, però, è la comprensibile rabbia di un genitore disperato e pronto ad attaccarsi a tutto, un altro è che a credere alle cazzate siano anche persone apparentemente normali. Capisco (anche se non condivido) i genitori dei bimbi che vorrebbero continuare su di loro la sperimentazione di Stamina, non capisco invece tutti coloro che appoggiano la protesta in nome di un complotto nonostante la scienza abbia parlato chiaro a proposito. Nelle pagine complottiste ancora si rimpiange Luigi Di Bella…
Internet ha dato un enorme megafono in mano a chi vuole propagandare qualsiasi cosa. Un megafono che può essere usato bene oppure male. Una volta quando succedeva qualcosa di strano si diceva “c’è qualcosa sotto”, ma nessuno sapeva dire esattamente cosa. Oggi basta aprire internet per trovare resoconti di riti satanici tra i potenti del mondo o prove della propaganda degli Illuminati attraverso i video musicali. Articoli dettagliati, scritti con padronanza di stile. Pseudoscientifici, spesso. Credibili, per una persona che non sa assolutamente niente sull’argomento.
Facciamo un passo laterale. Nel 20mo secolo una delle più grandi fonti di teorie sul complottismo è stata l’assassinio di John Fitzgerald Kennedy. Ancora oggi si dibatte sul ruolo della mafia, quello dell’elite militare, dell’FBI, della CIA, degli alieni, di Marilyn Monroe e chi più ne ha più ne metta. C’è solo una cosa su cui tutti concordano: la verità ufficiale non è la verità. Sei anni fa una persona chiedeva su Yahoo Answers chi ha ucciso Kennedy. La migliore risposta scelta: quelli che hanno ammazzato Lincoln, perché anche Kennedy come Lincoln voleva abolire il signoraggio. La risposta più semplice sarebbe stata Lee Harvey Oswald, ex marine, ex comunista, probabilmente contattato anche dal KGB anni prima.
Ecco, il KGB. Probabilmente non c’entra nulla con l’omicidio Kennedy. Anzi, un po’ c’entra. Perché è proprio legata al KGB ed all’omicidio Kennedy una delle poche teorie del complotto effettivamente provate. I sovietici hanno infatti per anni…. propagandato le teorie del complotto più assurde, per creare confusione negli Stati Uniti, diffondere il sospetto e così via. Il complotto era il complotto stesso!
Ecco, cari complottisti, non vi viene il dubbio che anche oggi possa essere la stessa cosa? Certi articoli (strapieni di stronzate!) sono scritti troppo bene perché l’autore sia così stupido da crederci. Forse i siti complottisti usano tutti questi paroloni per confondervi, farvi passare dalla loro parte e così ottenere ciò che vogliono: che il sistema continui immutato, che continuate a votare le stesse persone e che la massa sia tenuta all’oscuro di tutto. E se anche da noi il vero complotto fosse il complotto stesso?

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.