The Coed and the Zombie Stoner

The Coed and the Zombie Stoner

Qualche volta mi chiedo perché lo faccio. Ok, per il blog, scrivere recensioni su supreme cazzate mi ha sempre attratto. O per gli zombie, che dopotutto sono pur sempre gli zombie, cazzo, un film con gli zombie SI DEVE vedere! Oppure per le tette. Ma forse per quelle basterebbe Youporn o Xhamster o Xvideos o qualsiasi altro sito che conoscerete benissimo. Ma troppo spesso tutte queste cose non bastano, e si arriva a fine film chiedendosi PERCHE’ CAZZO, PERCHE’!!!! Eppure sono arrivato in fondo a un film come The Coed and the Zombie Stoner.
Magari potevano bastarmi le due singole frasi riportate in copertina oltre al titolo: FROM THE GUYS THAT BROUGHT YOU SHARKNADO e SEX, DRUGS AND THE WALKING DEAD. Produzione Asylum, quindi, e la certezza di vedere tante gag su sesso & droga. Purtroppo, ahimè, manca il rock’n roll… anche se sapete, probabilmente la colonna sonora è la parte migliore del film, piena com’è di momenti genuinamente easy-rock che non stonano affatto in una pellicola ambientata nel mondo delle confraternite.
E cosa si fa nelle confraternite? Si fa festa, si tromba (o si prova a trombare) e ci si fanno le canne. Il film è tutto qui, nella storia di Chrissy, una superintelligentona (ma gnocca) che deve trovarsi un fidanzato membro di una confraternita entro 24 ore, o sarà espulsa dalla propria confraternita diretta da Bambi, una tettona iperrifatta. Chrissy corre nel laboratorio dove spende la maggior parte delle sue giornate e lì scopre che il professore teneva nascosto da 20 anni uno zombie inavvertitamente creato a causa di una macchina per allungare indefinitamente la vita scambiata dal tizio troppo fumato per una doccia. Visto che lo zombie era belloccio, Chrissy decide di innamorarsene e farne il suo fidanzato, perché PERCHE’ NO??? Lo zombie era tenuto sedato nelle sue pulsioni più mordaci dal continuo uso di cannabis, Chrissy tenta di riportarlo nel mondo reale senza che nessuno si ponga troppe domande, ma Bambi, gelosa, lo stuzzica insieme al suo nuovo fidanzatino tonto. Rigo (lo zombie) si incazza, morde il fidanzatino e il contagio zombie riprende. Solo l’invenzione di Chrissy, uno spray a base di marijuana e lip-gloss, potrà fermarlo.
Il film ha come freccia principale al proprio arco la presenza di tre o quattro ragazze che fanno le oche, corrono nude e fanno ballonzolare le tette. Anche la protagonista Catherine Annette (già vista nuda nel ben migliore Lucky Bastard) le fa vedere, brevemente, e tutti siamo contenti. Altre due tizie, Bunny e Bibi, evidentemente scarti di qualche produzione di Playboy, non esitano neppure a mettere in mostra la propria patata depilata. E poi?
E poi sostanzialmente basta. Il film ha DUE cose che fanno ridere: la prima è la scritta che segue il prologo, dove si vedono gli zombie inseguire le due donne nude, 28 GIORNI PRIMA, che almeno mi aveva fatto sperare in un film pieno di citazioni fatto da appassionati del genere (un po’ come Warm Bodies, evidente fonte d’ispirazione). La seconda è l’idea che gli zombie collegiali restino intontiti e rallentati dalla visione delle tette. In un film del genere è una trovata carina.
Il resto del film è una merda, con attori terrificanti (Jamie Noel, che fa Bambi, è forse la più atroce. Forse per questo il regista Glenn Miller l’ha presa anche come protagonista del suo film successivo), pieno di buchi di trama e battute che più triviali non si potrebbe. C’è di meglio persino in casa Asylum. 
Momenti horror? Assenti.
Dettagli splatter? Assenti. Velo pietoso sulle teste che esplodono in computer grafica.
Trucco? Lasciamo perdere, un po’ di cerone e due vene disegnate a rilievo.
Il film è sostanzialmente un Porkys girato anche con una tecnica accettabile ma senza un minimo di sensibilità o sentimento. che è necessario anche e soprattutto per fare un buon film porcellone.
Chi potrebbe apprezzare The Coed and the Zombie Stoner? Forse un tredicenne, che potrebbe esaltarsi per le donne nude (ma i tredicenni di oggi hanno già visto almeno un paio d’ore di triple penetrazioni). Oppure una persona tanto strafatta di maria da potersi identificare nel personaggio di P.J.. 
No. Proprio no.
Voto: :P:P:P:P
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

6 Comments

  1. franco battaglia 21 July 2014
    Rispondi

    Minchia.. mi sa che la tripla penetrazione manca pure a me che sono bello adultino, a meno che non s'intenda la vulval/anal/oral.. ahah..

    • michele 21 July 2014
      Rispondi

      Non voglio sbilanciarmi troppo, non vorrei dare brutte impressioni 😀

  2. Babol 21 July 2014
    Rispondi

    Ok, va bene la Asylum (attendo spasmodicamente Sharknado 2) ma questo lo salto!

    • michele 21 July 2014
      Rispondi

      L'innamoramento con la Asylum è durato poco, nonostante la mia passione per le cazzate 😀

  3. Marco Goi 21 July 2014
    Rispondi

    se un filmetto teen come questo non l'ho visto nemmeno io, è grave 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.