Venerdì gnocca #33: Cortney Palm

Venerdì gnocca #33: Cortney Palm

Da bravo adoratore degli zombie non potevo certo lasciarmi sfuggire un titolo come Zombeavers, che introduce l’audace spettatore nel mondo dei CASTORI ZOMBIE! Ehm, che dire… la cosa migliore del film sono sicuramente le tette ritte e sbarazzine di…
#33: CORTNEY PALM
Non mi sono scordato una U, si chiama proprio così… prendetevela con i suoi genitori!
Dopo qualche apparizione in corti indie o in ruoli uncredited, Cortney ha conosciuto una piccola notorietà per la sua apparizione del 2012 in Sushi Girl, dove recitava nella succulenta parte del titolo…
Compreso che mostrare il suo corpo non era un problema, i registi hanno iniziato a chiamarla più spesso. Ad esempio per Silent Night…
Dopo una parte nella commedia The Hit Girl e dopo essere stata intervistata da Playboy come attrice sulla rampa di lancio, Cortney è divenuta una delle più apprezzate attrici per i registi horror. Tra 2014 e 2015 sono ben 15 le parti (a volte anche piccolissime) da lei interpretate. Ovviamente abbiamo citato Zombeavers, ma personalmente sono curioso di gustarmi Hellevator Man, dove apparirà accanto alla leggenda del wrestling Mick Foley! Farà vedere le tette anche a lui?
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

2 Comments

  1. Marco Goi 6 December 2014
    Rispondi

    penso proprio che dovrò vedermi zombeavers! 🙂

    • michele 6 December 2014
      Rispondi

      Come dice Zerocalcare, gli zombie si guardano a prescindere! Ma se ci sono le tette è meglio 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.