The Devil and the Almighty Blues

Ormai mi basta il primo riff della prima canzone di un disco per capire se me ne innamorerò oppure no. Non sapevo assolutamente chi fossero questi The Devil and The Almighty Blues, ma il nome mi intrigava e così… 
Il blues, si sa, è la musica del diavolo. La leggenda nasce con Robert Johnson, che al Diavolo donò la propria anima in cambio della capacità di suonare la chitarra come nessun altro. Le testimonianze dell’epoca (gli anni 30) dicono che Robert era al principio un chitarrista modesto, poi dopo la morte della moglie scomparve, e quando ritornò sulle scene un anno dopo era in grado di fare qualsiasi cosa. Robert fu tralaltro il tragico fondatore del Club dei 27, ed i suoi testi, la sua voce, la sua chitarra hanno ispirato generazioni di musicisti.
Come i The Devil and The Almighty Blues, è evidente.
Basta il primo riff, dicevo. The Ghost of Charlie Barracuda inizia con un riff lento, semplice, caldo e fumoso. Ha subito attratto la mia attenzione, ho pensato “cazzo, se la voce è allo stesso livello…”. E la voce non ha tradito le mie aspettative… una perfetta voce blues, disperata quanto basta, melodica quanto basta.
La musica del gruppo non è comunque solo Delta Blues. Nel disco si sentono influenze di The Doors, Jimi Hendrix, Cream, ma il classic rock è la base su cui partire per un percorso più complesso, influenzato da Black Sabbath, Saint Vitus, la scena stoner/fuzz… Il gruppo è norvegese, e non mi stupirei se nel background di alcuni dei membri ci fosse anche qualche collaborazione con band di metal estremo. Solo sei canzoni, la mia preferita è probabilmente la finale Tired Old Dog, la più lenta e classicamente bluesy del lotto. Il disco è stato registrato live in studio… spero che i The Devil and The Almighty Blues arrivino live anche in Italia, dalle nostre parti, perché il loro disco è quello che quest’anno mi è piaciuto di più in assoluto. Una grande scoperta!
Voto: **** 1/2

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.