Episodio Uno: The Bastard Executioner

Episodio Uno: The Bastard Executioner

Ho completamente e colpevolmente ignorato per anni Sons of Anarchy prima di recuperarla all’inizio del 2015, guardandomi tutte le stagioni in sequenza e scoprendo un capolavoro di narrazione, capace di crescere costantemente insieme ai suoi personaggi, farli cambiare senza mai perdere di vista la loro natura. Chissà se succederà la stessa cosa anche per…
THE BASTARD EXECUTIONER
Bastano i primi minuti per capire dove andrà a parare il pilot (doppio) della nuova creatura di Kurt Sutter: violenza, brutalità, sangue, momenti onirici chissà quanto reali. Arti mozzati, budella che escono dal corpo, teste tagliate, bimbi sgozzati, neppure i feti si salvano dalla furia degli uomini. La violenza, in The Bastard Executioner, si fa a tratti quasi insostenibile, e questo ha portato a numerose critiche negli USA e anche da noi.
La storia è quella di Wilkin Brattle, un guerriero che nel Galles del quattordicesimo secolo ha giurato di non prendere più in mano la spada dopo un tradimento avvenuto sul campo di battaglia. Ma quando il barone Ventris gli fa fuori moglie, figlio non ancora nato e tutto il villaggio che l’aveva accolto la sete di vendetta si fa più forte. E il destino ha in serbo ancora molto altro per lui, costringendolo a vestire i panni del boia e ad appropriarsi di una nuova famiglia che non è la sua…
La serie è evidentemente figlia della narratica iperrealistica che Sutter aveva portato a livelli sublimi in Sons of Anarchy, ma richiama anche altri modelli: il medioevo mistico dell’Excalibur di Boorman, la violenza di Game of Thrones, il mix di realismo e mito di Vikings. Senza lo stesso successo, almeno in partenza. TBE fa un po’ fatica ad ingranare, colpa forse dei troppi personaggi introdotti, di eventi che si susseguono fin troppo rapidi intervallati da momenti di rarefazione inconsueta, di attori che non sembrano troppo espressivi (salviamo Katey Sagal, che in un primo momento non avevo neppure riconosciuto fuori dai panni di Gemma Teller)… Un episodio pilota deludente per quelle che erano le mie aspettative, ma che non pregiudica la mia curiosità sul prosieguo della serie. Sutter mette molta carne al fuoco, e forse era necessario che fosse così. La sensazione è che la vera storia debba iniziare dall’episodio tre, che questo doppio esordio sia stato solo una lunga, necessaria premessa. Dipanare la matassa non sarà facile, ma resto fiducioso.
Voto: **
Continuerò a guardarlo: si
logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

2 Comments

  1. Alfonso Maiorino 11 October 2015
    Rispondi

    A me non è piaciuto nè il pilot nè i due episodi successivi e quindo l'ho mollato… Vedrò se riprenderlo in futuro o meno…

  2. Bara Volante 11 October 2015
    Rispondi

    Con Kurt Sutter ho dei problemi, mi è simpaticissimo ma il suo modo di scrivere spesso mi infastidisce, questa serie non ho avuto voglia di iniziarla 😉 Cheers!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.