Turbo Kid

L’apocalisse è arrivata, e la Terra non è più la stessa. L’umanità e decimata, zone un tempo ricche e popolate sono ridotte a desolanti distese di detriti e rifiuti, gli unici a prosperare sono gruppi di banditi che prendono con la forza quello che vogliono e l’acqua potabile è divenuta la risorsa principale. Questo è il futuro. Questo è… il 1997.
Turbo Kid
Un ragazzino, rimasto orfano dopo che i genitori sono stati uccisi davanti ai suoi occhi dal perfido Michael Ironside, sopravvive in questo scenario apocalittico cercando e vendendo vecchie reliquie del passato. La sua unica consolazione è un fumetto, Turbo Kid, del quale legge religiosamente ogni albo che riesce a trovare. Nella sua mente il sogno di vendetta è ben presente, ma a consentirgli di trovare il coraggio necessario saranno un silenzioso cowboy senza paura ed una pazza ragazzina robot…

Turbo Kid

Scrivevo qualche giorno fa nella recensione di Cop Car come quello fosse un film che aveva abbracciato lo spirito degli anni 80 senza copiarne smaccatamente l’estetica. Bene, Turbo Kid è esattamente il contrario. Ma è uno spettacolo lo stesso. E’ un divertente tuffo nel passato messo insieme da dei fan per altri fan, è kitsch, sopra le righe, è un omaggio a Mad Max, ai film con le BMX, allo splatter col sorriso sulle labbra, ai postatomici girati al Corviale, ai film anni 80 (appunto) dove un ragazzino può salvare il (suo) mondo. E’ un film che inizia con questa canzone, rubata allo storico Rad

La cosa migliore di Turbo Kid è che si tratta di un film sincero, genuino, non un’accozzaglia di citazioni messe insieme per far ridere ma senza una vera anima sotto. Turbo Kid nella sua ingenuità avrebbe funzionato davvero anche negli anni 80, perché è costruito con amore, fantasia, passione vera per il cinema da tre registi franco canadesi spuntati dal nulla. E perché è una figata con un’estetica grandiosa, una colonna sonora perfetta, un cast azzeccatissimo, una marea di sangue cartoonesco che non finisce più. Splatter, comico, action, adventure, teen, postatomico, drammatico, romantico… Turbo Kid è tutto questo, tutto insieme. E voi cosa ci fate ancora qui, non siete ancora convinti? Guardatevelo, cazzo!Voto: **** 1/2

Related posts

The Dirt: una biografia maleducata

The Dirt: una biografia maleducata

La biografia musicale dei Mötley Crüe, The Dirt, è probabilmente il film più maleducato della storia di Netflix. Ma la band era ancora peggio di così...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 24/03/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 24/03/2019

Tutte (ma proprio tutte) le serie tv uscite queste settimana nell'universo conosciuto, con i consigli di visione del Cumbrugliume.

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody è piaciuto (quasi) a tutti, ma la storia dei Queen avrebbe potuto dire mille altre cose, e alla fine mi ha lasciato davvero freddino...

4 Comments

  1. Bara Volante 14 October 2015
    Rispondi

    Benissimo, mi fa paicere che ti sia piaicuto 😉 Per me è uno dei migliori film dell'anno… Cheers! 😉

  2. MikiMoz 14 October 2015
    Rispondi

    Perfetto, corro a ordinarlo^^

    Moz-

  3. Pirkaf 15 October 2015
    Rispondi

    Bellissimo!
    E' un film che cammina in un filo sottile tra genialità e cazzata, ma alla fine la prima ha il sopravvento e ci si gusta il tutto alla grande.
    Io l'ho adorato. 🙂

  4. Trackback: Stranger Things - Cosa resterà di questi anni 80? - cumbrugliume

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.