Star Wars Legends #1: Nell’ombra di Yavin

Star Wars Legends #1: Nell’ombra di Yavin

Non ho mai prestato grande attenzione ai fumetti di Star Wars, ma un po’ il prezzo conveniente (9.99€ per oltre 140 pagine) e un po’ l’hype per il settimo, ormai imminente capitolo mi hanno spinto a prendere il primo volume della nuova collana Legends, in edicola ogni settimana con Gazzetta dello Sport e Corriere della Sera. Il nome Legends va spiegato: con l’acquisto da parte della Disney la Lucasfilm ha infatti deciso di considerare canonico nella saga di Guerre Stellari solo i sei film (si, purtroppo anche i primi tre) e le serie tv animate Rebels e Clone Wars. Qualsiasi altra componente del vecchio Universo Espanso (romanzi, fumetti, videogiochi) uscita prima del 2014 è da considerarsi una leggenda, una storia che si racconta ma che non è necessariamente successa. La leggenda scelta per inaugurare la saga si va a collocare proprio dopo la distruzione della prima Morte Nera…
Nell’ombra di Yavin è uscito nel 2013 per la Dark Horse, scritto dall’ottimo Brian Wood (DMZ, Generation X…) e disegnato da Carlos D’Anda (Deathblow, Outsiders…). I personaggi sono quelli dello Star Wars classico, chiaramente riconoscibili. Luke e Leila, Ian Solo e Chewbacca, Dart Fener, Boba Fett e compagnia bella. Noterete che sono stati usati i nomi italiani, cosa che farà storcere il naso a qualcuno… ma che ci possiamo fare? Ormai è così. Anche nello spirito il fumetto riprende i toni della trilogia classica, col suo mix a volte ingenuo ma tanto affascinante di fantascienza epica, umorismo, avventura e rapporti umani. La cosa che mi è più piaciuta del volume è che vediamo almeno tre dei personaggi principali in divenire, scopriamo come sono cresciuti (o cambiati) tra l’inizio di tutti in Guerre Stellari e L’Impero Colpisce Ancora. Leila ad esempio è una mai così risoluta principessa ribelle, determinata fino in fondo a ricoprire un ruolo da protagonista nella rivolta contro l’Impero, disposta a mettersi in gioco personalmente anche oltre ogni lecita aspettativa. Luke è ancora un ragazzo di 19 anni, dal talento infinito ma anche – e proprio per questo – testardo, strafottente, incline alla distrazione. Infine Dart Fener, protagonista di quella che è probabilmente la parte più interessante, immortalato nel momento della temporanea sconfitta ma pronto a lottare per rientrare nelle grazie dell’Impero. Ad Ian e Chewie è ovviamente dedicata la parte più divertente e ricca di azione, sfruttando il loro background di esperti contrabbandieri…
Nell’ombra di Yavin piacerà soprattutto a quella schiera di appassionati “light”, quelli che come me hanno adorato la trilogia originale ma che non si sono fatti in quattro per recuperare ogni altra cosa l’abbia seguita e sono disposti a passar sopra dei problemini di continuity o di eccessiva semplificazione che sono obiettivamente presenti. L’evoluzione del personaggio di Leila, ad esempio, è come ho scritto una delle cose che ho preferito, ma è anche difficilmente spiegabile. Quantomeno ci sono dei passaggi che mancano. Inoltre spesso alcune battaglie spaziali sono concluse in maniera fin troppo semplice, che potrei definire irrealistica… ma è davvero giusto parlare di realismo in una saga come Guerre Stellari, che pone l’accento molto più sul lato fantasy che su quello hard sci-fi? Secondo me no. E proprio per questo mi sono goduto la trama ben delineata, il divertimento delle scene, i disegni semplici ma perfettamente caratterizzati, i colori nitidi… mi sono goduto Guerre Stellari. E la lettura mi ha spinto a decidere di prendere anche i prossimi volumi, quantomeno fino alla fine di questa saga. Poi deciderò caso per caso, ma il mio giudizio è sicuramente positivo, quindi vi consiglio di fare come me e passare in edicola!
Voto: ****
logo

Related posts

Luca

Luca

Visto che la narrazione popolare vuole che questo 2021 sia l'anno delle rivincite popolari in campo internazionale per l'Italia, aggiungiamo alla lista delle rivincite più comuni (Maneskin all'Eurofestival, nazionale di calcio agli europei, medaglie d'oro alle olimpiadi... tutte cose...

Nuova sezione video sul sito

Nuova sezione video sul sito

Forse avrete notato l'aggiunta in alto della nuova sezione "Spaghetti weird", che raccoglie i video del mio nuovo canale Youtube di cui vi ho parlato nell'ultimo articolo. Spero che così siano più facilmente raggiungibili. Nel video nuovo vi parlo di Mattanza, di Jack Sensolini e Luca...

Spaghetti Weird

Spaghetti Weird

Un'altra delle novità delle ultime settimane è lo sbarco del vostro affezionatissimo su Youtube. Saltuariamente avevo pubblicato qualche video anche in passato, ma ora l'intenzione sarebbe di farne un appuntamento semi-regolare, almeno un paio di volte al mese. Ecco quindi SPAGHETTI...

3 Comments

  1. Anonimo 4 November 2015
    Rispondi

    Sto leggendo anch'io il primo volume di Star Wars Legends, disegni molto belli personaggi reali, e ho trovato come te che le battaglie si concludono in fretta … Comunque in quanto non sono un fan accanito consigli di continuarlo a seguire con le altre uscite ? grazie.

    • michele 5 November 2015
      Rispondi

      Sicuramente ti consiglio i primi tre, per i successivi non saprei, anche io li sto leggendo solo adesso!

    • Anonimo 9 November 2015
      Rispondi

      Grazie =)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.