Sicario (Denis Villeneuve, 2015)

Visione splendida questo Sicario. Denis Villeneuve (uno dei registi più interessanti degli ultimi anni, recuperatevi almeno lo splendido Prisoners) ci porta in un mondo dove non esistono regole ne controllo, dove gli ideali vanno abbandonati e la Legge non è più un faro da seguire fino ad un porto sicuro, ma al massimo un’idea astratta e personale, dove abbandonare ogni certezza fino a realizzare che i nemici dei tuoi nemici potrebbero essere tuoi amici, almeno per una parte del tuo cammino. E dove Giustizia non ha lo stesso significato che a casa propria.

Sicario Emily Blunt 2015

Kate (Emily Blunt), agente FBI specializzata in sequestri, viene scelta per far parte di un team che dovrà combattere le operazioni del Cartello messicano a Ciudad de Juarez, insieme a uomini di ogni agenzia capitanati dall’agente CIA Matt Graver (Josh Brolin), in appoggio del misterioso killer Alejandro (Benicio del Toro). In questa compagnia Kate, presentata fin dall’inizio come una dura capace di mettersi in gioco in prima persona, ricopre anche fisicamente il ruolo di vaso di coccio in mezzo a vasi di ferro, incapace almeno in partenza di capire a che gioco sta giocando, trasportata dagli eventi prima di realizzare dove si trova, con il dubbio di essere davvero dalla parte della Giustizia che ha sempre perseguito come ideale.

Il film di Villeneuve è duro, implacabile come il volto teso di Alejandro e disponibile a fornirci lo stesso numero di risposte. Sicario riesce a rimanere elegantemente in bilico tra voglia di cinema mainstream e tendenza all’autorialità, senza accettare di rinunciare a nessuna delle due cose. E’ aiutato in questo da una direzione degli attori esemplare, con Emily Blunt sugli scudi nel suo ruolo, perfetta nel disegnare le incertezze di una agente che non vorrebbe fare ciò che sta facendo ma concentrata nel portare a termine il lavoro nel modo migliore possibile. E’ tutto sommato uno sguardo al femminile quello che permea Sicario, che mi ha ricordato anche formalmente cose come Zero Dark Thirty. Ma forse ancora con più anima e qualcosa in più da raccontare.

Se l’avessi visto qualche giorno prima l’avrei sicuramente inserito nella Top Ten del 2015, intorno al terzo/quarto posto. Oggi lo consiglio comunque a tutti, pur nella consapevolezza che qualcuno potrebbe trovarlo noioso. Ma la parola giusta è imponente.

Voto: **** 1/2

Related posts

Di statue, proteste e #blacklivesmatter

Di statue, proteste e #blacklivesmatter

Quando qualche giorno fa i movimenti di protesta del Black Lives Matter hanno cominciato in tutto il mondo ad abbattere o deturpare statue, molti commentatori hanno condannato la cosa citando i Talebani che nel marzo del 2001 distrussero i due giganteschi Buddha di Bamiyan, patrimonio...

Cose belle a inizio Maggio

Cose belle a inizio Maggio

Ve l'avevo detto che sarei tornato a scrivere anche qui, è inutile che facciate quella faccia stupìta (con l'accento sulla I) e pensiate "così presto?". Visto che la quarantena è finita, il lavoro è ricominciato e il tempo improvvisamente non esiste più, non ho voglia di cimentarmi in...

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.