Room: fate posto, alla notte degli Oscar!

Room

Room, di Lenny Abrahamson
con Brie Larson, Jacob Tremblay, William H. Macy
Uscita prevista: 3 Marzo 2016 (ITA)

Room poster 2016

Room è un piccolo film con pochi elementi. Una stanza, una madre, un figlio, un uomo cattivo, una famiglia con dei problemi ma con tanta buona volontà. Non ha effetti speciali, non ha scene esaltanti, non ha nel cast megastar hollywoodiane o prestazioni sopra le righe. E’ un piccolo film. Che solleva grandi domande e sa toccarti nel profondo.

La stanza è piccola: un letto, una vasca da bagno, il water, il lavandino, una minuscola cucina, la sedia, una finestra sul tetto da cui filtra la luce del sole, poco più. Ma è tutto il mondo di Jack, che da lì non è mai uscito da quanto è uscito dal grembo della madre Joy. La stanza è il mondo, quello che è fuori è lo spazio infinito, le immagini che arrivano incerte dalla piccola televisione malfunzionante sono fantasia. L’unica altra cosa reale è il Vecchio Nick, un uomo che arriva regolarmente nella stanza, quasi ogni sera, e fa sesso con Joy. Ma a Jack non è consentito di essere presente in quei momenti, viene chiuso nell’armadio e si addormenta lì. Il Vecchio Nick ha rapito Joy, sei anni prima, l’ha chiusa in un capanno e da quel giorno abusa di lei. Jack è suo figlio, sua madre l’ha protetto come poteva, facendolo crescere sano, intelligente ed addirittura felice in quell’ambiente. Joy non ha perso la speranza di scappare, e potrebbe essere Jack a salvarla… Ma come sarà la vita al di fuori della stanza?

Per quanto gli ingredienti possano sembrare quelli di un crime movie, Room non è affatto questo. E’ una storia completamente diversa, nasce da crimine, sfruttamento, stupro, reclusione, terrore, ma riesce lo stesso a porre domande infinitamente più grandi. Cos’è la felicità? Di cosa abbiamo veramente bisogno per dirci felici? Cosa sono la realtà, l’illusione, la fantasia? Cosa succede dopo un’esperienza terribile?

Room è un piccolo film, delicato. Non urla i suoi dolori, lascia sullo sfondo le curiosità morbose ed i momenti più immediatamente orrendi. E’ un film di lacrime, sorrisi, sussurri, sfoghi, domande a cui è impossibile dare risposte ed altre per le quali la risposta è lì, evidente davanti agli occhi di tutti, e non si capisce come mai la gente non riesca a fare un sorriso e semplicemente accettarla, raccoglierla e prenderla come propria.

Il film di Abrahamson è commuovente e intimo, e si serve di due attori straordinari. Joy è Brie Larson, che non vedo come possa NON vincere l’Oscar. Il piccolo Jack è Jacob Tremblay, che ha una capacità incredibile di recitare naturalmente, senza forzature. La loro unione è credibile e incredibile. Guardate il film, arriverete ai titoli di coda, avrete versato le vostre lacrime e sorriderete. La vita, il cinema, non sono cose straordinarie?

Voto: *****

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

3 Comments

  1. StepHania 28 January 2016
    Rispondi

    Sì, lo sono.
    Non l’ho ancora visto, purtroppo, ma trovo davvero bello il fatto che un film piccolo, come dici, lontano dalle grandi luci e dai grandi nomi, possa competere con gli altri roboanti titoli candidati agli Oscar.

    • michele 28 January 2016
      Rispondi

      E’ un film davvero splendido, purtroppo in Italia dovremo aspettare ancora un paio di mesi!

  2. Trackback: Room e la settimana dei film già recensiti! - cumbrugliume

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.