American Crime Story – Episodio Uno

Ryan Murphy è ormai da molti anni uno dei più popolari sceneggiatori e produttori televisivi americani: Nip/Tuck ha fatto conoscere al mondo il suo stile narrativo, con Glee ha dimostrato di saper parlare anche al pubblico degli adolescenti, American Horror Story e Scream Queens hanno raccontato l’orrore in due modi diametralmente opposti e The New Normal… oh, è stato un fallimento, ok. Mica si può vincere sempre. Ora Murphy torna alla carica con qualcosa di completamente diverso da quanto ha fatto in precedenza, un’altra serie antologica, ma questa volta una storia vera. Un vero crimine americano.

American Crime Story poster

American Crime Story

The People v. O.J. Simpson, il processo alla popolare stella dello sport e successivamente del cinema, è l’argomento della prima stagione di American Crime Story. Non certo un argomento facile, visto che quello a O.J. è stato forse il processo più spettacolare, mediatico e controverso della storia americana, ed ancora oggi divide gli storici. Il primo episodio della nuova serie ci racconta della scoperta dei cadaveri di Nicole Brown Simpson e di Ronald Goldman, delle prime investigazioni nei giorni successivi e nella richiesta a O.J. di presentarsi autonomamente in prigione, senza subire l’onta di un arresto pubblico. La narrazione è estremamente realistica, praticamente tutto quello che succede sullo schermo è successo veramente o è almeno verosimile, vengono usati i veri nomi dei personaggi (vittime, avvocati, esperti, investigatori, testimoni più o meno vip) e persino i volti degli attori sono stati scelti perché assomigliassero il più possibile a quelli reali

American Crime Story Cuba Gooding

American Crime Story David Schwimmer

Il che spiega perché sia stato riesumato David Schwimmer

Regia, recitazione e sceneggiatura di American Crime Story sono di livello altissimo. Basta anche solo uno sguardo al cast per capire come la produzione abbia voluto andare sul sicuro: grandi nomi affiancati ad attori meno noti ma dal talento cristallino. Sono almeno quindici i personaggi riconoscibili della storia, ognuno con la propria importanza e caratterizzazione, ed è evidente anche solo dal pilot che ad ognuno di loro è stata riservata una notevole attenzione. Anche la qualità della scrittura va considerata. Ryan Murphy non è certo noto per la moderazione dei dialoghi delle sue storie, ma qui tutto è sorprendentemente lucido, chiaro, lineare. E non è certo un difetto in una serie come questa che ha in primis il desiderio di raccontare una storia. Ok, c’è anche il personaggio di un John Travolta plastificato, inguardabile e sopra le righe, ma è davvero l’unico neo in un primo episodio splendido sotto ogni altro punto di vista. Poi ho deciso che qualsiasi serie tv con Connie Britton deve piacermi, quindi cosa volete da me, una recensione obiettiva? STOLTI!

Guardatelo, ne vale la pena. Ho molta fiducia per il prosieguo della serie!

Voto: **** 1/2
Continuerò a guardarla: si!

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 15/07/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 15/07/2019

Anch a metà agosto non mancano novità e ritorni in tv... scopriamoli insieme!

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 08/07/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 08/07/2019

Tutte le (poche) novità televisive della settimana. Ma tanto sappiamo benissimo che ve ne interessa una sola...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 01/07/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 01/07/2019

Poche novità questa settimana in tv, ma un paio di cosette interessanti (una biografia che farà discutere con Russell Crowe, un anime piuttosto atteso) non mancano!

2 Comments

  1. babol81 16 February 2016
    Rispondi

    Io sono al secondo episodio e mi sta piacendo parecchio, ma forse non faccio testo perché adoro Ryan Murphy e tutto ciò che riguarda la “storia” americana, in un modo o nell’altro. L’unico neo per me non è Travolta (strepitoso, la perfetta incarnazione del trash hollywoodiano) ma proprio Cuba Gooding Jr., troppo “nigga” stereotipato.

  2. Trackback: American Crime Story: The People v. O.J. Simpson - cumbrugliume

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.