Botte da orbi#1: Undisputed

Botte da orbi#1: Undisputed

Voglio prendere per un attimo in prestito una dichiarazione del maestro George Miller, che prima dell’uscita del capolavoro Mad Max: Fury Road ha detto che il cinema più puro è quello di inseguimenti. Aggiungendo una postilla: inseguimenti, e botte da orbi. Inauguriamo sul Cumbrugliume una rubrica che apparirà aperiodicamente (quando mi gira) recensendo i migliori film di menare… e non si poteva cominciare che con la saga di Undisputed!

Undisputed

Undisputed, il primo, quindi. Walter Hill, uno che di azione se ne intende, da sempre avrebbe voluto girare un film sulla boxe perché… si sa, il pugilato è uno sport drammatico, perfetto per il cinema, che porta con se quasi sempre storie talmente incredibili da sembrare falsi, personaggi sopra le righe, pronostici sovvertiti in un modo che sembrava impossibile, qualche influenza della malavita, sangue e belle donne. Difficile sbagliare. Walterone qui ci ha messo il carico da undici trasportando la storia in una prigione. Quindi ancora più dramma, ancora più malavita, ancora più sangue. Meno belle donne, ma che ci possiamo fare?

L'”indiscusso” campione di boxe dei pesi massimi è George “The Iceman” Chambers, interpretato con la consueta convinzione da Ving Rhames. Chambers è uno che dalla vita e dalla carriera ha avuto tutto, non ha mai trovato nessuno in grado di fermarlo e pensa che tutto gli sia dovuto. Finché una accusa di stupro non lo fa finire nel carcere di Sweetwater. Lì un progetto sperimentale ha dato vita a veri e propri tornei di boxe, con delle proprie regole non esattamente ufficiali ma comunque precise. Il campione del carcere è anch’esso “indiscusso” e si chiama Monroe Hutchens (Wesley Snipes). Quando Chambers comincia a provocarlo dando vita ad una rissa, ormai è chiaro: l’incontro sarà inevitabile…

Undisputed

Con Undisputed Walter Hill fa quello che ha sempre fatto durante la sua carriera: abbraccia il cinema di genere e lo fa proprio, scegliendo attori solidi come macigni e facendoli schiantare uno contro l’altro. E come spesso succede per film di questo tipo, Undisputed non è andato benissimo al botteghino ma è poi diventato di culto nel mercato dell’home video (nel 2002 esisteva ancora!). E si capisce perché: è la classica storia dell’underdog contro il campione, con personaggi sporchi, recitazione muscolare, una storia semplice che fa presa. A mangiarsi il film, comunque, è Peter Falk (si, il Tenente Colombo!) nella parte di un vecchio boss mafioso che farfuglia cose incomprensibili ma riesce lo stesso a fare quello che vuole, ovvero mettere in piedi il match. Il film vive nell’attesa di quei quattro (spoiler!!!) round. E vive bene.

Undisputed Peter Falk

Nonostante gli anni che comincia a portarsi sulle spalle, Undisputed rimane un film molto piacevole da guardare e non appare affatto invecchiato. Un bel punto di partenza, dal quale cominciare per sbizzarrirsi tra qualche giorno con i sequel.

…e già parte il coro…

…BOY-KA! BOY-KA! BOY-KA! BOY-KA! BOY-KA! !

Voto: ***

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

3 Comments

  1. Cassidy 11 May 2016
    Rispondi

    Gran film, Ruggero Collina sa sempre il fatto suo, e mi fa piacere che non sono il solo ad aspettare il ritorno di Yuri Boyka 😉 Cheers!

    • michele 11 May 2016
      Rispondi

      Come si fa a non innamorarsi di Yuri Boyka? 🙂 Grazie del commento!

  2. Trackback: Botte da orbi #2: Undisputed 2 - cumbrugliume

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.