Botte da orbi #2: Undisputed 2

Botte da orbi #2: Undisputed 2

Undisputed non era stato per Walter Hill il successo sperato. I risultati al botteghino erano appena sufficienti, e così il regista abbandonò il progetto, dedicandosi per molto tempo solo alla televisione e tornando al cinema solo nel 2012, per il non trascendentale Bullet to the Head, che i più ricordano solo per l’immaginifico titolo italiano, Jimmy Bobo. Ma il film ebbe grande successo in homevideo e nei vari passaggi tv, dando vita a un piccolo culto. Così i produttori pensarono “che cazzo, facciamo il seguito, no? Magari spendendo meno per gli attori e provando a buttarla sulle arti marziali miste, visto che ora le MMA vanno più di moda della boxe!”.

Detto fatto, ecco Undisputed 2: Last Man Standing.

Undisputed 2 locandina

Via Wesley Sniped e Ving Rhames, che costavano troppo, il campione dei pesi massimi George “Iceman” Chambers è qui interpretato da Michael Jai White, che sa tirare pugni e calci sicuramente meglio del suo predecessore. Accanto a lui (e a rubargli la scena) c’è Scott Adkins, che è uno che sa tirare calci volanti probabilmente meglio di chiunque altro nella storia del cinema occidentale, e che con Yuri Boyka ha probabilmente trovato il ruolo della vita.

Boyka Undisputed 2

Come regista abbiamo qui Isaac Florentine, un altro che di arti marziali ne sa a pacchi, è partito dalla gavetta più squallida e sa come filmare i propri attori per farli apparire al meglio, e soprattutto sa come inquadrare le botte.

Qui ci potrebbe stare un inciso, perché inquadrare le botte per fare apparire le scene di menare al meglio non è affatto facile. Anche in film per il resto ben riusciti si cade spesso in un errore che poi errore in realtà non è, serve semplicemente a rendere il tutto più facile: portare la telecamera più vicino possibile, giocare con gli sguardi dei contendenti, le smorfie di dolore, il sangue, muovere la camera insieme ai colpi dei protagonisti, rendere l’esperienza il più possibile immersiva. E va bene. Ma questo giocoforza mortifica ciò che ha reso immenso il cinema di arti marziali orientale e che anche in Europa abbiamo visto, con ottimi risultati, eseguito da gente a caso tipo Van Damme: le coreografie. E come si fa a sottolineare al meglio una ottima coreografia? Florentine lo sa benissimo: si fa un passo indietro, si allontana la camera dai due che si menano e si lascia loro spazio, sottolineando i momenti più spettacolari con sapienti slow motion. Poi oh, è chiaro, facile parlare quando si hanno Scott Adkins e Michael Jai White.

Undisputed 2

Ti crediamo sulla parola, Yuri!

La scusa per la trama di Undisputed 2 è un tour di Chambers in Russia per picchiare un po’ di gente del posto. Chambers viene incastrato e messo in galera, perché il boss della mafia Gaga vuole vederlo combattere col campione della prigione, Gaga, per il divertimento del pubblico di malavitosi e degenerati di mezzo mondo che ama ste cose. Chambers un po’ si fa negare, ma alla fine è costretto ad accettare. Seguono botte. E non solo pugni!

Boyka02

Undisputed 2 è un film semplice che ha capito tutto. Mette di fronte allo spettatore una storia lineare, con personaggi chiari e ben riconoscibili, un innocente incastrato contro la malavita, cattivi contro buoni, America contro Russia…

Solo che qualcosa a un certo punto deve essere sfuggito di mano, e risulta chiaro a tutti che a dominare la scena non è il pur bravo Michael Jai White. Si fa quasi il tifo per Boyka. Si perché in fondo anche Boyka è sfruttato per l’unica cosa che sa fare davvero, il suo interesse è la competizione e sul ring da veramente tutto se stesso, fino alla fine. In maniera spettacolare.

Undisputed 2 è un film sporco come le galere russe, gronda sangue e sudore, è realistico pur essendo iper-costruito… è un film migliore del precedente. Con anche un finale di buoni sentimenti riuscito in modo quasi sorprendente.

Bello! Bello davvero! E in Undisputed 3, Boyka sarà finalmente protagonista indiscusso…

Undisputed 2

Bravo Michael, ma ora fatti da parte per favore, su

Voto: ****

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

3 Comments

  1. Cassidy 16 May 2016
    Rispondi

    Spesso i film di boxe si dimenticano che il cattivo deve essere una vera minaccia… Qui si mangia il film, Michael Jay White è un eroe, ma Boyka calamita l’attenzione. Adesso aspetto il tuo parere sul prossimo film 😉 Cheers!

  2. michele 16 May 2016
    Rispondi

    Non credo tu possa avere dubbi sul mio parere 🙂

  3. Trackback: Botte da orbi #3: Undisputed 3 - Redemption - cumbrugliume

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.