You can’t see them – i film della settimana

You can’t see them – i film della settimana

Agosto al cinema? Ma si, dai, in fondo quest’anno quantomeno ci provano a proporre qualcosa di nuovo. Non questa settimana però, visto che a parte un horroraccio e una commedia con John Cena esce poco altro. Vediamolo, comunque!

LIGHTS OUT – TERRORE NEL BUIO, di David F. Sandberg. Con Teresa Palmer, Gabriel Bateman, Maria Bello
Genere: horror

Lights Out

“Sono bella, vero?”

Nel buio vivono creature spaventose e misteriose, e una di loro si è già portata via Paul… Martin, suo figlio, dorme con la luce accesa per paura che gli venga fatto del male, mentre la madre Sophia sembra quasi aver stretto un legame forte con l’oscurità…

Perché dovreste guardarlo: è tratto da un cortometraggio interessante e pluripremiato, che ha convinto James Wan a produrre l’esordio del regista. Negli usa ha guadagnato oltre 40 milioni di dollari, circa dieci volte il budget speso.
Perché non dovreste guardarlo: l’aspettavo con una certa curiosità, ma a leggere le prime recensioni sembra una boiata.

Il (pre)giudizio del Cumbrugliume: più da guardare comodamente da casa che al cinema

LE SORELLE PERFETTE, di Jason Moore. Con Amy Poehler, Tina Fey, Maya Rudolph
Genere: commediaccia

Le Sorelle Perfette Tina Fey John Cena
Questo l’ho già visto in inglese, incuriosito dalla presenza di John Cena che fa lo spacciatore. E’ una commedietta innocua con due brave attrici comiche come Amy Poehler e Tina Fey, due sorelle che organizzano l’ultimo party nella casa dove sono cresciute prima che questa venga venduta dai genitori.

Perché dovreste guardarlo: qualche momento divertente, e per i fan di John Cena lui è protagonista delle scene migliori del film. Anche questo ha incassato molto bene in America.
Perché non dovreste guardarlo: è una commediola molto meno graffiante di quanto avrei creduto, che si regge sul carisma delle due protagoniste che però in Italia non sono note come negli USA.

Il giudizio del Cumbrugliume: you can see it, but if you don’t see it è uguale.

EQUALS, di Drake Doremus. Con Kristen Stewart, Nicholas Hoult, Guy Pearce
Genere: distopia canaglia

Equals
In una realtà distopica le emozioni sono state disattivate ed attenuate per avere una società più stabile… due giovani però si ammalano di amore l’uno nei confronti dell’altro, riusciranno a scappare prima di ricevere la cura?

Perché dovreste guardarlo: una specie di rilettura teen di 1984, con una riuscita estetica da spot pubblicitario.
Perché non dovreste guardarlo: avete letto i pregi, si?

Il (pre)giudizio del Cumbrugliume: solo per i fan di Kristen Stewart e Nicholas Hoult

EL ABRAZO DE LA SERPIENTE, di Ciro Guerra. Con Jan Bijvoet, Brionne Davis, Luigi Sciamanna
Genere: avventura in Amazzonia

Che palle, oh.

Che palle, oh.

Bianco e nero, Amazzonia, sciamani, foresta in pericolo……. che palle 😛 FILM COLOMBIANO/VENEZUELANO/ARGENTINO INUTILE DELLA SETTIMANA!

logo

Related posts

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

Luca

Luca

Visto che la narrazione popolare vuole che questo 2021 sia l'anno delle rivincite popolari in campo internazionale per l'Italia, aggiungiamo alla lista delle rivincite più comuni (Maneskin all'Eurofestival, nazionale di calcio agli europei, medaglie d'oro alle olimpiadi... tutte cose...

Ritorno al cinema

Ritorno al cinema

E così questo fine settimana sono tornato al cinema. Non mi ero reso conto di quanto mi fosse mancato, soprattutto perché per un motivo o per l'altro avevo molto diradato i miei incontri con la sala anche prima della pandemia, ma è stato emozionante. È stato bello. Ha contribuito anche...

1 Comment

  1. Cassidy 4 August 2016
    Rispondi

    Il corto me lo ricordo bene, inizio da parodia di un horror, e finale da horror vero gustosamente spaventoso. Era proprio una roba da Blum, spero solo non finisca come “Mama” in cui (Jessica Chastain a parte) era meglio il corto del film “La madre”. Cheers!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.