Wolf Dawson’s Creek – la serie

Wolf Dawson’s Creek – la serie

Ah, Mick Taylor. Un vero appassionato di horror non può non amarlo. Lui è il male personificato, l’assassino ideale, è sadico, indifferente, capace di umorismo cinico e assolutamente non giustificabile in nessun modo. Mick Taylor vive per il terrore che provoca nella gente, si nutre della paura degli altri, è un’icona. Ha la sua tana a Wolf Creek, ma ormai da decenni si muove per tutto l’outback australiano, ammazzando turisti in quantità industriale senza mai lasciare tracce che possano ricondurre a lui.

Ma evidentemente anche Mick Taylor sta invecchiando, visto che da qualche anno comincia a lasciare dei sopravvissuti…

E allora sigla.

E’ veramente un peccato che ormai gli amici della cricca di Dòson siano dei quarantenni in crisi esistenziale, perché se fossimo ancora una quindicina di anni fa, uno spin off Wolf + Dawson sarebbe stato perfetto. Immaginate la banda di odiosi amici in vacanza in Australia, in giro per l’Outback con il vecchio torpedone di Priscilla. Torpedone scelto da Jack, ovviamente. Joey Potter continua ad essere indecisa se farsi Dawson o Pacey, mentre Jen troieggia con degli shorts cortissimi. E ora aggiungete Mick Taylor all’equazione, un Mick Taylor consapevole che Flash (il babbo di Dawson) è morto, e pure male, e non può raggiungerli per aiutarli. Non sarebbe bellissimo?

Io non riesco davvero a immaginare una cosa così terribile...

Io non riesco davvero a immaginare una cosa così terribile…

Ma purtroppo, i sogni sono destinati a rimanere tali. E nella serie di Wolf Creek il nostro caro Mick se la dovrà vedere sì con un’americana bionda, ma il suo nome non è Jen, è Eve Thorogood.

Wolf Creek serie

Cambia che Eve non ha molta voglia di rimanere lì a fare la vittima. Il viaggio in Australia era stato organizzato dalla sua famiglia per distoglierla dalla dipendenza dagli antidolorifici. Eve era un eptatleta di livello nazionale ma un infortunio l’ha gettata nel baratro, e ora per lei è dura ricominciare. Per fortuna Mick Taylor riesce a darle la motivazione giusta, massacrandole tutta la famiglia in una splendida festa di sangue. Eve è ferita ma miracolosamente non muore, così approfittando dell’aiuto quasi volontario del detective Sullivan Hill decide di rimanere in Australia e di dedicare la propria vita alla VENDETTA VERA. Eve è interpretata da Lucy Fry, di cui abbiamo una diapositiva.

WolfCreek02

E ci mancherebbe che qualcuno dicesse che non sei fica, cara la mia Lucy, anche perché oltre alle sopracciglia di merda hai anche un FUCILONE e come se non bastasse un aborigeno ti insegna ad usare la lancia tipica ed il woomera, che non è (come credevo io) un nemico di Godzilla, ma un coso che serve a lanciare la suddetta lancia più forte e più lontano. Questa roba qui.

Woomera

Tornando alla serie, ciò che ne consegue sono sei episodi di un’ora in cui cacciatore e preda invertono i loro ruoli più volte, e nessuno può fermarli. Ci si mettono in mezzo in tanti, tra aspiranti stupratori, bande di motociclisti, poliziotti, altri assassini a caso, ma nessuno di loro è Eve o Mick Taylor, che continuano ad orbitare uno intorno all’altro in quel continente infinito e quasi deserto che è l’Australia.

Wolf Creek

La serie finisce che ci vogliamo bene, l’abbraccio e la difendo dai cattivi

Beh NON PROPRIO, no.

Wolf Creek non è una serie eccezionale, ma è una serie che mi è piaciuta. Innanzitutto perché Lucy Fry e John Jarratt sono estremamente convincenti nelle loro parti, poi perché il paesaggio australiano fa da splendido coprotagonista, e infine perché mi è proprio piaciuta la visione d’insieme di Greg McLean (regista dei due film e dell’ultimo episodio e produttore della serie), Tony Tilse (che ha diretto i primi cinque episodi, Peter Gawler e Felicity Packard (sceneggiatori). Mi è piaciuto perché è un ritorno alle origini del primo film, abbandonando un po’ la vena tamarra e macchiettistica del secondo episodio (che comunque mi è piaciuto), sempre tenendo Mick Taylor ben al centro della scena ma riportando l’attenzione sulla vittima.

Mick Taylor rappresenta l’inevitabilità del male, e per Lucy è un buco nero ne quale non può non cadere. Un buco nero che attrae altre vittime scegliendole quasi a caso, ignorandone alcune e prendendone altre. Una delle cose che la serie fa molto bene e far vivere lo spettatore in un costante senso di sospensione. Anche se per molte scene non succede praticamente niente, basta la visione di un cappello o una camicia a quadri a metterci in guardia, ad aspettarci di tutto. Esplosioni di violenza improvvise o larghi sorrisi. Perché nonostante tutto Mick Taylor non sembra un’anima tormentata da un passato difficile (e meno scontato di quanto appare), anzi appare soddisfatto della sua vita, felice di essere il male.

Wolf Creek serie tv

La tagliata battuta al coltello è pronta!

Non è una serie semplicissima da apprezzare, Wolf Creek, e a molti di voi non piacerà. Non posso neanche dire che sia tra le mie serie dell’anno, ma riesce a raccontare bene il terrore, l’ansia, l’ossessione, la vendetta, il dolore, ed è anche una storia di crescita personale mica da ridere.

Insomma, dai. Provatelo!

Voto: ***

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

5 Comments

  1. Cassidy 28 August 2016
    Rispondi

    Mick Taylor è mitico, il secondo film è arrivato fuori tempo massimo, forse la serie è un modo migliore per continuare i massacri del personaggio, ci butterò un occhio 😉 Cheers!

  2. michele 28 August 2016
    Rispondi

    Il secondo film non è brutto, è divertente ma un po’ troppo facilone e perde di vista l’obiettivo di Mick Taylor: essere una costante minaccia. Ti consiglio la serie 🙂

  3. Nicamon 24 October 2016
    Rispondi

    “Nn ho le tette,ho delle sopracciglia D merda,ma sono figa uguale.”La sintesi PERFETTA del personaggio D Eve!X°-D Io i film nn li ho visti xké sono un cagasotto e nn reggo gli horror,ma ho scoperto Lucy Fry in”Mako Mermaids”e ho iniziato a recuperare tutte le altre cose ke ha fatto e quand’è uscito il trailer D”Wolf Creek”la mia reazione è stata PORCA PUTTANA,LA DEVO VEDERE QUESTA MERDA!!!!!:-D Ho resistito alle parti + sanguinolente del telefilm e cazzo se ho fatto bene,personalmente l’ho adorato!Comunque una cosa va detta…è vero ke Lucy nn ha le tette,ma ho notato ke in UNA singola scena del telefilm le sono miracolosamente spuntate all’improvviso…vorrei descrivere la scena ma ho paura D fare spoiler…dirò solo ke ha una maglietta chiara e un cerotto su una ferita…quando l’ho vista ho pensato:”No,scusate un attimo…nn vorrei passare da pervertito,ma…da quando Lucy Fry ha le tette così grosse???Io l’ho già vista camminare controvento con una maglietta bianca,ma nn aveva 2 BOMBE così,cos’è successo,le sono spuntate all’improvviso???:-O”

    • michele 24 October 2016
      Rispondi

      Potere del pushup 😀 Grazie mille del commento 😉

      • Nicamon 26 October 2016
        Rispondi

        LOL,pare un urlo D battaglia alla Sailor Moon:”Potere del Push-Up!Vieni a me!”;-D Comunque sarò strano ma avrei preferito ke rimanesse coerentemente senza tette anche in quella scena.E’ visivamente destabilizzante,soprattutto visto il look da”maschiaccio”.@_____@

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.