Nuvolette #02: 09/11/2016

Continua incredibilmente dopo il primo episodio la rubrica sui fumetti che ho letto durante la settimana… stavolta c’è un quasi monopolio di volumi Cosmo!

SETTE #01 – 7 Psicopatici – 7 Ladri

7 Psicopatici
Sceneggiatura: Fabien Vehlmann
Disegni: Sean Phillips

7 Ladri
Sceneggiatura: David Chauvel
Disegni: Jerome Lereculey

Sette fumetto

SETTE è nato da un’idea di David Chauvel, che ha proposto ad altri colleghi di creare storie autoconclusivi di qualsiasi genere ed ambientate in qualsiasi epoca, a patto che i protagonisti fossero sette. Idea semplicissima, ma la realizzazione mi ha assolutamente conquistato! In particolare 7 Psicopatici (nessuna relazione con il film) è un fumetto veramente appassionante, che ruba qualcosa all’idea dei Bastardi senza Gloria ma vi inserisce una vena di follia ulteriore. A Londra in piena seconda Guerra Mondiale nasce il progetto di uccidere Hitler, ma per evitare che il piano venga intuito o sventato vi si inserisce l’assoluta imprevedibilità dovuta al fatto che gli assassini dovranno essere sette psicopatici, reclutati tra uomini con dei talenti ma anche con evidenti problemi mentali. La storia è divertentissima ed i disegni di Sean Phillips (Marvel Zombies, Hellblazer, Criminal…) sono assolutamente perfetti per le sue atmosfere. Una storia da 4 stelle e mezzo (non sette, mi spiace ma andrebbe fuori scala!). 7 Ladri è invece un fantasy più tradizionale, ma è anch’essa una storia davvero solida, che dopo un inizio che puzza di banale scopre velocemente le sue carte. Anche questa ha finito per appassionarmi, e ora non vedo l’ora che esca il numero 2. Miglior fumetto del mese fino ad 0ra! Era stato già pubblicato dalla Planeta, ma è la prima volta che lo leggo, provatelo assolutamente!

Voto: **** 1/4

Nuova ristampa DAGO colore #16: Il falco dalle piume d’oro

Nuova ristampa Dago Colore 16

Sceneggiatura: Robin Wood
Disegni: Alberto Salinas

Le avventure a colori di Dago continuano anche in questo sedicesimo volume della raccolta. Il Giannizzero Nero sembra provare a cominciare desideri di libertà, anche se ormai gli è concesso praticamente di tutto all’interno dell’impero ottomano. I personaggi che più colpiscono sono anche questa volta vecchi e fragili saggi che hanno storie più complesse di quanto potrebbe apparire a prima vista, donne forti ed intraprendenti per nulla disponibili a farsi ingabbiare, uomini silenziosi, duri, forti e leali. A far loro da contraltare i demoni della lussuria, della corruzione, della pigrizia. Ci troviamo in un momento di relativa pausa nell’epica di Dago, ma si ha la sensazione che si tratti di un momento di crescita personale che acquisirà un significato in tempi probabilmente brevi… sempre una lettura splendida.

Voto: *** 3/4

L’ISPETTORE COLIANDRO – Coliandro Indaga

Sceneggiatura: Carlo Lucarelli
Disegni: Onofrio Catacchio

Coliandro Indaga

Faccio outing: non ho mai guardato in tv le avventure dell’Ispettore Coliandro, né ho mai letto i romanzi (o racconti?) di Lucarelli che lo vedono come protagonista. Quindi non ho idea se il personaggio del fumetto sia fedele a quello amato da molti spettatori o sia completamente diverso. Quello che è certo è che non mi aspettavo quello che ho letto! Il Coliandro del fumetto (che è la raccolta di cinque storie originariamente pubblicate su Nova Express negli anni 90) è un sovrintendente dal talento discutibile, appassionato di film con Stallone o Schwarzenegger (come criticarlo?), desideroso di mettersi in gioco, di menare le mani (o meglio sparare) e magari accettare i favori di qualche donnina facile… e decisamente sensibile al sangue. Un Coliandro brutto, sporco e cattivo, che si muove in una Bologna ancora più brutta, sporca e cattiva, piena di prostitute, punk, tossici… Divertente e inaspettato. I disegni molto espressivi di Catacchio sono perfettamente funzionali alla storia.

Voto: ***

Merlin Avalon CosmoMERLIN #02 – Avalon

Sceneggiatura: Jean-Luc Istin
Disegni: Eric Lambert

Il primo numero di Merlin, ennesima rilettura della storia del Mago Merlino, dei suoi poteri e della sua crescita, mi era piaciuto. Il secondo molto meno. Il Merlino di Istin è protagonista non esattamente per volontà sua delle fasi finali della lotta tra cristianesimo e culti pagani, con il popolo fatato e gli antichi dei che si appellano a lui come possibile messia da contrapporsi al Cristo. La storia era iniziata in maniera interessante, ma nel secondo volume comincia a farsi un po’ banale e stereotipata. I disegni comunque restano di livello alto, e visto che i volumi sono solo tre prenderò anche quello conclusivo.

Voto: **

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

3 Comments

  1. Lucius Etruscus 9 November 2016
    Rispondi

    La Cosmo Editoriale ormai è regina assoluta delle edicole, e l’unica che sappia sfruttare gli spettacolari fumetti francesi e spagnoli. In realtà ci sarebbe l’Aurea che lo fa da 40 anni, ma tutti se ne fregano e vogliono solo Dago da lei…
    Il brutto è che sono riduzioni spesso in bianco e nero, e di ridotto formato, il che provoca mal di testa ma in questo nostro distratto Paese tocca accontentarsi…

    • michele 9 November 2016
      Rispondi

      Le mie tasche purtroppo non ce la farebbero, se non avessero scelto il formato Bonellide… quantomeno ultimamente stanno aumentando i volumi a colori e la qualità di stampa non è male. Sette è proprio bello!

      • Lucius Etruscus 9 November 2016
        Rispondi

        Sì, hanno un’ottima scelta, ci ho letto parecchie chicche 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.