Venerdì Gnocca #128: Alysha Nett

Venerdì Gnocca #128: Alysha Nett

Spero che alcuni dei miei lettori mi perdoneranno… mi avevano richiesto di pubblicare qualche foto della splendida Simone Missick, che interpreta Misty Knight in Luke Cage, ma non sono riuscito a reperire abbastanza immagini “da venerdì gnocca”, a parte qualche fotogramma della serie. E così ho deciso di scegliere una via più semplice: Alysha Nett, modella molto tatuata e spesso nuda. Mi perdonate?

ALYSHA NETT

Alysha Nett

Ma si, dai, penso che in qualche modo mi perdonerete. L’unico problema è che Alysha Nett è una di quelle modelle di cui si trovano in rete centinaia di foto, ma neanche una notizia biografica. Quindi d’ora in poi sappiate che tutto quello che dirò sarà completamente inventato.

Alysha Nett

Alysha Nett (nome d’arte di Alysha Netscape Navigator Thompson) nacque nel 1994, figlia di una coppia di ingegneri informatici di Salt Lake City (Utah). Educata fin da bambina alla fede mormona, Alysha cambiò completamente la propria vita quando, durante una vacanza in Italia regalatale dopo il diploma, conobbe Fedez, che la iniziò all’arte dei tatuaggi.

Alysha Nett

Tornata a casa con il tatuaggio di Topolino sull’avambraccio destro, Alysha venne cacciata di casa dai religiosissimi genitori, e allora decise di trasferirsi a Los Angeles per guadagnarsi da vivere come modella.

Alysha Nett

Appassionatissima di arte, Alysha Nett fa del suo corpo la sua tela, i tatuaggi sono aumentati e con essi sono aumentati anche i dissidi con i parenti. La mafia mormona del Kentucky l’ha infatti condannata a morte, e la sua abitazione di Los Angeles è stata fatta più volte oggetto di attentati kamikaze da parte del gruppo estremista.

Alysha Nett

Decisa a difendersi, Alysha si è trasferita in Tibet per un anno, dove ha imparato lo Shaolin Kung Fu in un monastero di panda radioattivi. Tornata in America ha sfidato tutti i suoi nemici a partecipare al torneo di Arti Marziali Proibite che si tiene ogni anno a Boulder.

Alysha Nett

Dopo aver sconfitto piuttosto facilmente il Mago Otelma nel primo turno, Alysha si trovò davanti nel secondo The Real Paul McCartney, che le dette molto filo da torcere fin quando decise di ritirarsi dopo aver convinto la modella a divenire vegetariana. Intanto la Mafia Mormona avrebbe dovuto affrontare al primo turno l’imbattibile gorilla Harambe, ma sappiamo bene cosa è successo… Nel secondo turno, invece, ebbero la meglio su Darkwing Duck. La semifinale avrebbe visto contrapposti i due acerrimi nemici…

Alysha Nett

In difficoltà contro la superiorità numerica della Mafia Mormone, Alysha fu costretta a ricorrere alla sua arma segreta, l’aiuto dello YattaPellicano, che caricò tutti i suoi nemici dentro l’enorme becco e li portò in esilio nell’Isola di Sant’Elena. L’incubo era finito!

Alysha Nett

Nella finale una stanca Alysha perse contro il fortissimo Vladimir Putin, ma la sua vera missione era compiuta. Ora Alysha è libera e può farsi tutti i tatuaggi e le foto ignude che vuole.

Alysha Nett

E niente, la storia è finita. Vissero tutti felici e contenti fino alla Grande Peste del 2019.

alyshanett10
alyshanett11

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

10 Comments

  1. Enzo 18 November 2016
    Rispondi

    Ti dirò… m’è garbata più la storia che la gnocca! XD (Sarà che detesto i tatuaggi u.u)

    • michele 18 November 2016
      Rispondi

      Allora d’ora in poi: venerdì storie! (scherzo, non mi linciate!)

  2. Lucius Etruscus 18 November 2016
    Rispondi

    Non ho capito bene la storia ma solo perché ero del tutto distratto 😛

    • michele 18 November 2016
      Rispondi

      Prova a rileggerla, a me sembrava molto chiara 😀

      • Lucius Etruscus 18 November 2016
        Rispondi

        Mmmm no, continuo a distrarmi…

        • michele 18 November 2016
          Rispondi

          Eppure a quanto sapevo le storie illustrate dovrebbero essere più facilmente leggibili!

  3. La Firma Cangiante 18 November 2016
    Rispondi

    Il tatuaggio, così invasivo poi, su una bella donna, fa l’effetto di un martellata su una scultura di Michelangelo. Insomma, immagino la Nett prima che venisse imbrattata in quella maniera…

  4. Pietro 18 November 2016
    Rispondi

    Eccerto che ti perdoniamo 😀
    A me nonostante non piacciono i tatuaggi, io per lei li amerei 😉

  5. Cassidy 18 November 2016
    Rispondi

    Guarda mi sono impegnato a leggere la tua storia, sono arrivato fino a Darkwing Duck poi la mia passione per i tatuaggi ha avuto la meglio. Quella, e quella per la gnocca 😉 Cheers

    • michele 18 November 2016
      Rispondi

      Oohhh, finalmente qualcuno che condivide la mia passione per i tatuaggi, iniziavo a temere di essere l’unico ;_;

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.