Nuvolette #11: The Noise

Nuvolette #11: The Noise

Finalmente, l’orrore. Quello cattivo, incazzato, senza compromessi, che non ha paura di mostrare cose che non dovrebbero essere mostrate. L’orrore che irrompe nella vita quotidiana e la sconvolge, che fa carta straccia di abitudini e convenzioni, che distorce, dilata, dilania. Cercavate qualcosa di cattivo? Forse l’avete trovato…

THE NOISE – Il Rumore della Fine

The Noise Pietro Gandolfi Nicola Genzianella

Sceneggiatura: Pietro Gandolfi
Disegni: Nicola Genzianella, Paolo Antiga, Andrea Cucchi, Christian Ferrero, Luca Panciroli

Un rumore improvviso. Per qualcuno è solo fastidioso, irritante, uno di quei suoni che ti entrano nel cervello e non ne escono più, che non ti consentono di vivere la giornata normalmente. Un rumore che non se ne va, non importa quanto lontano ti sposti o quanto provi a tapparti le orecchio… ma solo un rumore.

Per altri, invece, è follia. Il rumore ti cambia, annulla il tuo vecchio io e ti trasforma in una belva assetata di sangue. In una belva capace di tutto. The Noise segue le vicende di alcuni sopravvissuti: una giovane che abita in un piccolo paese ed il misterioso uomo di cui è innamorato, un folle assassino che si trova adesso più a suo agio in un mondo di pazzi sanguinari più di lui, una ragazzina, un uomo appena divenuto padre. Vicende che sembrano destinate ad intrecciarsi, un giorno. Non si sa cosa provochi il rumore, non si sa cosa potrebbe interromperlo; qualcuno dice che dentro di esso si nasconde un messaggio, ma per comprenderlo bisogna sapere ascoltare bene ed accettare di vivere in un nuovo mondo di morte. Altra follia? Forse. Lo scopriremo?

Non c’è molta originalità nel primo fumetto di Pietro Gandolfi, già piuttosto noto come scrittore horror e cantante del gruppo epic metal Bringer of War. Ma c’è nella sua sceneggiatura una forza espressiva notevole ed una voglia evidente di andare oltre, di picchiare durissimo, di dire esattamente quello che vuole dire. È ovviamente aiutato in questo dagli ottimi disegni dell’esperto Nicola Genzianella, una delle colonne di Dampyr per la Bonelli, che qui riesce a dare il meglio di sé: libero, convincente, il suo è un bagno di sangue estremamente preciso che arriva e colpisce come un diretto di Tyson.

Mi sforzo di trovare dei difettucci: in alcuni momenti (soprattutto nelle storie secondarie) la sensazione di già visto è più forte, ed anche i disegnatori che accompagnano Genzianella in alcuni capitoli non sempre sono alla sua altezza, pur restando su livelli discreti. Mi ha fatto storcere il naso lo strillo di copertina “STORIA COMPLETA”, visto che la storia NON È COMPLETA, sono stati già annunciati nuovi capitoli che dovrebbero uscire prossimamente per la Ora Pro Comics. Ovviamente non si sa se e quando verranno raccolti in volume, The Noise è godibilissimo anche così ma se siete interessati a leggerlo sappiatelo, la storia non ha una conclusione, anzi… si interrompe quando il picco di curiosità è al massimo. Infine, ma è una preferenza mia che non ha niente a che vedere con la qualità del fumetto, onestamente avrei apprezzato maggiormente una ambientazione italiana invece della classica generica America. Capisco che The Noise possa avere delle ambizioni da esportazione, ed in effetti si meriterebbe una vetrina più ampia, ma credo che una ambientazione più originale non avrebbe danneggiato la commerciabilità dell’opera, anzi…

Detto questo, il fumetto è davvero crudo, bello, ti lascia con la voglia di averne di più. Per gli amanti dell’horror più verace, ad esempio i lettori di Crossed o di fumetti indie che solitamente non riescono a vedere l’edicola neppure con il lanternino, comprarlo è un obbligo.

Voto: ****

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

2 Comments

  1. Cassidy 25 January 2017
    Rispondi

    Un rumore da cui è impossibile scappare che ti trasforma in una bestia feroce… Mi sa che l’autore ha i miei stessi vicini di casa 😉 In effetti la storia mi ha fatto pensare subito a “Crossed” ma anche al “Cell” di Stephen King, insomma un’altra chicca mi hai tirato fuori oggi 😉 Cheers!

    • michele 25 January 2017
      Rispondi

      Una bella sorpresa, te lo consiglio davvero! Anche a me ha ricordato Cell, ma è molto più cattivo 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.