Le Le Novità da Le Le Sale Cinematografiche questa settimana!

Le Le Novità da Le Le Sale Cinematografiche questa settimana!

Sono uscite le nomination agli Oscar, e ovviamente cominciano ad apparire nelle sale gli ultimi film favoriti. La La Land potrebbe vincere ben 14 statuette, ed è ovviamente l’uscita più attesa della settimana… ma anche gli appassionati di Sciamalaian o dell’animazione giapponese avranno pane per i loro denti!

LA LA LAND, di Damien Chazelle. Con Ryan Gosling, Emma Stone, J. K. Simmons.
Genere: all that musical

La La Land

Ok, di che parla? Di Ryan Gosling ed Emma Stone che si trovano, ballano, cantano, suonano, si amano.

Perché dovreste guardarlo: 14 nomination agli Oscar non vi bastano? Il regista è quello dello spettacolare Whiplash, del quale La La Land sembra essere l’esatto contrario. Tanto era frenetico e incalzante quello, quanto appare arioso, aperto, classico quest’altro. Un film quasi stucchevole nella sua classicità, eppure è piaciuto a tutti.
Perché non dovreste guardarlo: Damien Chazelle ha diretto tre film, tutti e tre hanno al loro centro il jazz. Ok l’amore per la musica, ma si può anche fare altro…

Il (pre)giudizio del Cumbrugliume: dalla descrizione sembrerebbe un film che potrei solo odiare invece sento che l’adorerò…

SPLIT, di M. Night Shyamalan. Con James McAvoy, Anya Taylor-Joy, Betty Buckley
Genere: SCIAMALAIAAAN!

Split

Ok, di che parla? Di una persona dentro la quale convivono 23 personalità diverse. Una, quella dominante, rapisce tre ragazze, poi comincia a perdere il controllo…

Perché dovreste guardarlo? Sembra il ritorno di Shyamalan ad un cinema di qualità, dopo che con The Visit mi aveva fatto ridere tantissimo (anche se forse non era quello il suo scopo). James McAvoy fa bene l’istrione, e Anya Taylor-Joy è sempre più lanciata come nuova musa horror (e non solo, prevedo).
Perché non dovreste guardarlo? Perché Sciamalaian non ne azzecca veramente una dal 2000. E 17 anni sono tanti.

Il (pre)giudizio del Cumbrugliume: per la prima volta da molto tempo a questa parte guardo a un nuovo film di Scialabimbumbam con ottimismo!

FALLEN, di Scott Hicks. Con Addison Timlin, Jeremy Irvine, Harrison Gilbertson
Genere: fantasy romantico per ragazzine

Fallen
Ok, di che parla? Di una diciassettenne che finisce in riformatorio e lì trova due angeli caduti che si contendono (da secoli!!!) il suo amore.

Perché dovreste guardarlo? Farà battere fortissimo il vostro cuore di quindicenne innamorata.
Perché non dovreste guardarlo? Ho 37 anni e rutto.

Il (pre)giudizio del Cumbrugliume: fuori tempo massimo, ormai anche le fan di Twilight sono cresciute.

YOUR NAME., di Makoto Shinkai.
Genere: animazione.

Your Name.
Ok, di che parla? Di un ragazzo di città che sogna di essere una ragazza di montagna, di una ragazza di montagna che sogna di essere un ragazzo di città, di scambio di corpi, di viaggi nel tempo, un casino insomma.

Perché dovreste guardarlo? Si dice sia il più bel film d’animazione giapponese da molto tempo a questa parte.
Perché non dovreste guardarlo? Intanto il . nel nome mi sta un po’ sui coglioni, poi boh, i paragoni con Miyazaki mi sembrano sempre azzardati.

Il (pre)giudizio del Cumbrugliume: non lo so. Mi è passata la voglia di guardare anime che non siano Gigi La Trottola.

ESCONO ANCHE:

PROPRIO LUI?, di John Hamburg. Con Bryan Cranston, James Franco, Megan Mullally.

Immagino che per convincere Cranston a prendere parte a una puttanata del genere devono averlo ubriacato, drogato, devono avergli fatto firmare il contratto in uno strip club mentre James Franco pippava una striscia di coca dal culo nudo di una spogliarellista.

IL VIAGGIO DI FANNY, di Lola Doillon. Con Léonie Souchaud, Fantine Harduin, Juliane Lepoureau.

Bimbe francesi ebree rifugiate in Svizzera durante la seconda guerra mondiale. Ve la passo giusto perché si avvicina il giorno della memoria.

LES OGRES, di Léa Fehner. Con Adele Haenel, Marc Barbé, François Fehner.

Non erano meglio LES ORGES?

RIPARARE I VIVENTI, di Katell Quillevere. Con Tahar Rahim, Emmanuelle Seigner, Anne Dorval.

Speravate in un film di zombie? No, si parla di donazione di organi.

DORAEMON IL FILM – NOBITA E LA NASCITA DEL GIAPPONE, di Shinnosuke Yakuwa.

Lo posso dire? DORAEMON MI HA SEMPRE FATTO CACARE!

SOCIALMENTE PERICOLOSI, di Fabio Venditti. Con Vinicio Marchioni, Fortunato Cerlino, Michela Cescon.

FILM ITALIANO INUTILE DELLA SETTIMANA!

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Un libro, un film, una serie tv

Un libro, un film, una serie tv

Per superare il blocco del blogger ho pensato che periodicamente potrei almeno scrivere qualcosa su quanto ho visto/letto e che mi è piaciuto nell'ultimo periodo. Solo due righe, niente di troppo approfondito ma almeno è un inizio! Partiamo con Cobra Kai, la cui quarta...

4 Comments

  1. Cassidy 26 January 2017
    Rispondi

    Questo La La coso mi è puzzato fin dal minuto uno, sembra l’anti-Whiplash, considerando quanto mi è piaciuto quello, potrà piacermi questo? Bah vedremo, comunque il titolo che mi sfizia di più è il nuovo film di “Michael Knight” Shyamalan 😉 Cheers!

    • michele 26 January 2017
      Rispondi

      Sicuramente anche a me, però leggo apprezzamenti per La La Land anche da gente da cui non mi sarei mai aspettato belle parole per un musical… che dire, staremo a vedere!

  2. Lucius Etruscus 26 January 2017
    Rispondi

    Ormai sono Oscar-free quindi non ho alcuna curiosità per La Lallero, invece Split mi intriga per la recitazione del protagonista. In fondo è un modo per risparmiare, se l’attore principale fa più ruoli 😀

    • michele 26 January 2017
      Rispondi

      Poi essendo 23 personalità non c’è neanche bisogno di spendere soldi per il trucco 😀

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.