Nuvolette #15: Kull di Valusia

Kull di Valusia – La Strega dell’Odio

Sceneggiatura: David Lapham
Disegni: Gabriel Guzman

Kull di Valusia

Era quasi un mese che non riparlavo di fumetti… era tempo che lo rifacessi! Con un titolo come questo, poi, che è riuscito a riportarmi indietro nei ricordi…

David Lapham non è certo un nome sconosciuto per gli amanti dell’arte sequenziale. Quando ho cominciato ad appassionarmi veramente del fumetto, ai tempi dell’adolescenza, uno dei titoli di cui più si parlava era Stray Bullets, che lo vedeva all’opera come autore completo e gli fece vincere due Eisner Awards. Ricordo che era pubblicato in Italia dalla Magic Press su Il Corvo Presenta, che io non prendevo, ma riuscii a leggere a scrocco la prima raccolta. Poi i diritti passarono alla Panini che pubblicò almeno un altro volume, e poi… boh! Ora la serie è ricominciata in patria grazie alla Image, quindi magari potrebbe sbloccarsi qualcosa anche da noi…

Intanto possiamo leggere Lapham come sceneggiatore, alle prese con uno dei miei personaggi preferiti di Robert E. Howard. Kull era una sorta di precursore di Conan, ancora più grezzo e nero, meno interessato alle donne del nostro amico cimmero e con più introspezione. Questa storia è ambientata quasi alla fine delle sue avventure, quando Kull ha già ucciso il re Borna di Valusia ed è diventato re. Dalla lontana Atlantide e dal suo passato, però, un’ombra arriva a metterlo in pericolo…

Leggere questa storia (pubblicata in origine nel 2010 per la Dark Horse) per me è stato come ritrovare un vecchio amico. Anni fa, come tutti gli appassionati di fantasy che si rispettino, ho divorato ed amato le storie di Howard. La penna di Lapham tratteggia un Kull più devoto all’azione del re delle ultime storie di Howard, ma si inserisce benissimo nella mitologia del personaggio. Gabriel Guzman, noto soprattutto per la sua Lady Death, disegna un barbaro duro, dallo sguardo di ghiaccio, con il corpo segnato da mille cicatrici, che non vedeva probabilmente l’ora di liberarsi dei panni da Re per tornare a vestire quelli più semplici che l’avevano reso la persona che era. I colori di Dan Jackson donano al tutto la necessaria epicità.

Kull di Valusia non è una lettura fondamentale, ma se l’Editoriale Cosmo ci donasse anche una stampa delle altre storie non direi certo di no. Valusia, Atlantide, Thule, Grondar… il mondo di Howard è ancora tutto da esplorare!

Voto: ***

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

2 Comments

  1. Cassidy 26 April 2017
    Rispondi

    Avevo messo gli occhi anche io su questo volume, mi ha frenato leggere il nome di David Lapham, mea culpa, non ho mai letto il suo pluri premiato “Stray Bullets”, ma ho seguito il suo lavoro sulla pagine di “Crossed” e di una recente miniserie Marvel dove Daredevil faceva a pugni con il Punitore, che malgrado le parti in gioco ho trovato abbastanza banale. Evidentemente il ragazzo è più a suo agio con il barbaro un po’ meno famoso di Howard 😉 Cheers!

    • michele 26 April 2017
      Rispondi

      Io invece non ho letto le sue scorribande in casa Marvel… ma effettivamente ho sentito pareri piuttosto negativi! Qui la sceneggiatura è molto semplice, ma non sempre è un difetto 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.