I Guardiani della Galassia vol.2: i Cazzoni della Galassia!

Sì i film di supereroi, Christopher Nolan, blah blah l’universo Marvel, Robert Downey Jr. che è un Tony Stark meglio di Tony Stark, i supereroi con superproblemi, ecco, la DC è meglio della Marvel che non ha gli X-Men e chissà se mai uscirà un film degno di essere chiamato tale con i Fantastici 4, e Deadpool è bello però è sboccato, Joss Whedon era la mente dietro tutto e si nota la costruzione di una blah blah la regia la sceneggiatura, Benedict Cumberbatch come Dr. Strange sì ma la trama era costruita meglio e lo Spiderman di Raimi, gli Oscar, ormai si fanno solo cinefumetti ma i migliori sono quelli di Netflix, sì ma Legion e vi ricordate Smallville? Blah blah blah blah BASTA!

Guardiani della Galassia vol.2

Io sono Groot (trad.: “Che faccio, premo il pulsante?”)

E PREMI QUESTO CAZZO DI PULSANTE!

Lasciamo stare le chiacchiere. La scorsa settimana, quando ero al cinema a guardare I Guardiani della Galassia vol.2 (in lingua originale! Che bello!), è successa una cosa che non mi succedeva da tempo. Ho riso ad alta voce dentro un cinema. Più di una volta! E non ero il solo! L’intera sala si sbellicava, nelle prime file qualcuno quasi stava esagerando con risate sguaiate e fuori controllo. Ma era bellissimo così.

I Guardiani della Galassia vol.2 è il cinecomic più divertente che sia mai uscito. Più divertente del primo film, più divertente di Deadpool, più divertente del Batman coi Batcapezzoli e persino di quello vs. Superman (ah, quello era un film serio? Scusate)! E il merito è di quest uomo.

Dave Bautista

Il volto della simpatia

No, scusate, ho sbagliato persona. Anche se… beh… Dave Bautista ne I Guardiani della Galassia vol.2 si eleva alla dimensione di mito vero, assoluto & incontrastato. Se ci fosse una giustizia vincerebbe l’Oscar come miglior attore non protagonista e il prossimo anno reciterebbe in qualsiasi film (tipo toh, in La La Land due lo vedrei benissimo). Poi Ba(u)tista è tipo da scherzoni da sempre. Ve lo ricordate in WWE?

Il più classico degli scherzoni!

Non era uno spasso?

Comunque su Batista torniamo dopo. Io intendevo questo altro omino qui.

James Gunn

Hai un procione in testa o sei felice di vedermi?

James Gunn. Può sembrare un omino così, a caso, se non fosse che:

– è un vero mito, genuino, divertente, uno venuto dalla gavetta che ama tantissimo il cinema ed ha dei tempi per la commedia incredibili
– quando dico venuto dalla gavetta non parlo a caso… ha scritto TROMEO E GIULIETTA e TERROR FIRMER!
– ha diretto Slither, che è uno degli horror più fuori di testa che ci siano, e che dovete assolutamente guardare, chiaro?
– ha scritto e diretto la webserie PG Porn. Non vi dico nulla. Cercatela.
– vabbé, ha diretto anche un episodio di Comic Movie, ma glielo perdoniamo (forse)
– HA UN FOTTUTISSIMO PROCIONE IN TESTA! Lo sapete che unghione hanno i procioni?

Eppoi ha scritto questa cosa meravigliosa su facebook. Leggetela e poi tornate qui.

(intanto potrei guardare un porno per ingannare l’attesa…)

Fatto? Merda ero proprio arrivato a quel punto che…

Ok.

Ricominciamo.

I Guardiani della Galassia vol.2

I Guardiani della Galassia vol.2

L’inizio di un film è fondamentale. Deve attaccare lo spettatore alla poltrona, inchiodarlo subito e fargli capire il mood successivo della pellicola. Dai primi cinque minuti de I Guardiani della Galassia vol.2 si capisce già tutto: il supergruppo spaziale affronta una minaccia pericolosissima. Non lo fa per salvare la Terra come gli Avengers o i normali supereroi terrestri… lo fa perché la razza aliena dei cosi dorati, lì, non ricordo il nome, li sta pagando per proteggere delle preziose e potenti pile da dei mostroni coi dentoni che vogliono mangiarle. Mentre tutti sembrano prepararsi alla lotta, Rocket sta… beh, preparando lo stereo, perché una adeguata colonna sonora è fondamentale. Viene interrotto, ma per fortuna degli spettatori c’è qualcuno pronto a prendere il suo posto. Così una lotta all’ultimo sangue si trasforma in un balletto di Baby Groot che si muove ignaro di ciò che lo circonde sulle note di Mr. Blue Sky della Electric Light Orchestra.

È ovvio, è una scelta commerciale.

Ma è anche una scelta artistica ben precisa da parte di un regista che non ha paura di proporre la sua visione: meno drammi, più momenti comedy. Attenzione, questo non vuol dire che non ci sarà da commuoversi…

Guardiani della Galassia vol.2 Yondu Michael Rooker James Gunn

Parliamo ad esempio di come il trucco blu mi fa irritare la pelle. Ho pianto molto.

Il problema principale degli altri film Marvel, quelli brutti come quelli ottimi, è che sono perfettamente allineati a formare un’unica storia con lo stesso mood, come se fosse una unica grande serie televisiva ad altissimo budget nella quale gli spazi di manovra sono pochissimi. Un regista può provare a metterci un pizzico di talento visivo, una certa solidità registica ma… non molto di più.

Tranne James Gunn. James Gunn fa veramente il cazzo che gli pare. E il risultato è eccellente.

Guardiani della galassia vol.2

HURRAH PER L’ECCELLENZA!

Come qualcuno ha già scritto mille volte meglio di quanto potrei fare io, I Guardiani della Galassia prendono gli elementi classici del cinema Marvel (il target di riferimento, l’umorismo a stemperare i momenti di tensione, il citazionismo spinto…), li portano alle estreme conseguenze e contemporaneamente rendono il tutto personale, intimo, coinvolgente. Onestamente me ne sbatto il cazzo se Thor e Loki non vanno d’accordo o se il patriota scongelato ha idee diverse dall’omino di latta, ma Star-Lord, Yondu, Rocket Raccoon, Drax, Gamora, Nebula e compagnia bella mi fanno appassionare alle loro vicende. Perché dietro la loro maschera di Cazzoni della Galassia hanno qualcosa di vero. Un passato difficile, una storia personale, delusioni, incomprensioni, amori, tradimenti…

Sono personaggi veri.

Sono una famiglia.

(questo è il momento in cui mi pento di non essere ancora riuscito a vedere il proseguimento delle sorti di un’altra famiglia cinematografica alla quale sono molto affezionato)

Ego Kurt Russell Guardiani della Galassia vol. 2

I talk to planets, baby

Nel descrivere i rapporti tra i personaggi Gunn mette tutto il suo cuore, la sua passione, si vede che ci tiene… e il risultato è che ci teniamo anche noi. Quicksilver e Scarlet? Ci dimentichiamo di loro dopo dieci minuti. Nebula e Gamora? Ci entrano dentro. Per non parlare degli altri…

James Gunn è il primo regista Marvel che ci fa pensare di essere DAVVERO uno di noi, e non di provare a farcelo credere per venderci qualcosa. Ha il talento, la storia, persino la sfiga, il cuore per essere uno di noi. Ha anche il coraggio di sbagliare, di prendere dei rischi, di inserire dei momenti che forse, alla fin fine, stonano anche (Pac-Man?), ma che non possiamo non perdonargli e persino apprezzare all’interno di un film così.

Un film che, badate bene, forse mi è piaciuto un filino meno del primo.. o forse un filino più, non lo so, la mia opinione è altalenante a riguardo. Mi sono divertito come un cretino, mi sono commosso, mi sono esaltato, è una giostra visiva ed emozionale senza paragoni nel MCU, ma è anche vero che nel vol.2 c’è qualche momento morto che nel primo non c’era, una certa minor solidità di base, qualche scena che mi ha fatto dire “ok, ci sta, ma passiamo oltre”. Forse una limatina di una ventina di minuti avrebbe fatto bene all’opera, forse si poteva dare un minimo di supporto in più alla trama, forse la vittoria finale (lo sapevate che i Guardiani vincono, vero? SPOILER!) poteva essere ottenuta in un metodo meno banale e meno visto e rivisto…

O forse anche quella è una citazione e uno sberleffo, un dire alla produzione ed al pubblico “lo sapete che va sempre così e che QUELLO è il metodo, ed è proprio per questo che lo faccio!”.

Dobbiamo abbracciare Gunn? Dobbiamo perdonarlo? Dobbiamo tirargli le orecchie? Ringraziarlo? Fare il tifo per lui visto che pare gestirà tutta la prossima fase Marvel?

Fate come vi pare, basta che guardiate questo film.

Eppoi Bautista. Io voglio dieci spinoff su di lui, (otto anche su Yondu) e magari qualche speciale stand-up comedy con lui e Mantis. Sarebbe meraviglioso. Netflix, la palla è in mano tua!

Voto: **** 1/2

6 comments to I Guardiani della Galassia vol.2: i Cazzoni della Galassia!

  • Cassidy  says:

    Azz stavo per perdermi il tuo pezzo! Me lo leggo domani mattina con calma sul bus, al momento sto finendo di scrivere il secondo post su questo film, al netto di qualche difetto mi è piaciuto un botto, ti leggo con calma e ripasso 😉 Cheers

    • michele  says:

      Aspetto con curiosità i tuoi articoli! 🙂

      • Cassidy  says:

        Concordo con te, il film ha dei difetti ma di base chissene 😉 Mi sono divertito un sacco, ormai “Guardatemi sono Mary Poppins!” è diventata una delle tante frasi di culto del film! Cheers

  • rajin87  says:

    Voglio più film imperfetti così. Ne voglio a valanghe o_o

  • […] P.S: Ci sono ben 5 EASTER EGG, non lasciate la sala dopo il primo.  Colgo anche l’occasione per segnalare la splendida recensione (ma recensione è davvero riduttiva in questo caso) di Lucia, quella del buon Maximo (anche qui è riduttivo parlare di recensione) e quella decisamente sopra le righe del buon Michele. […]

  • Enzo  says:

    Tutto stracondivisibile, tranne il giudizio su Deadpool: per me questi è il non plus ultra 😉

Rispondi