The Fall – Stagione uno

Ai tempi di X Files Gillian Anderson era bruttina, vestita male, un po’ in sovrappeso. Non certo bella. A 45 anni la ritroviamo milfona di ghiaccio e fuoco, fisico perfetto, tette invitanti tanto da far esclamare a un altro personaggio che gli uomini sarebbero disposti a fare qualsiasi cosa per lei.

Jamie Dornan è il bellone pesce lesso di 50 Sfumature di Grigio, e anche qui insomma, non è esattamente un chierichetto che scopa solo per procreare (o forse sì? Uhm…). Solo che qui oltre che bello lo ritroviamo anche bravo, attore solido, espressivo, convincente.

The Fall

Insomma, se The Fall ci insegna qualcosa è che non dobbiamo avere certezze, le persone cambiano e gli attori pure. Ci possiamo ancora stupire! Ad esempio non possiamo dare per scontato che un giallo nordirlandese in cinque episodi sia necessariamente una produzione povera che al massimo può competere con una fiction di Rai Due. No, qui ci sono attori famosi e soprattutto bravissimi, una fotografia splendida, una regia (del belga Jakob Verbruggen, che non a caso poi ha diretto episodi di Black Mirror e House of Cards) attenta al dettaglio, molto cinematografica, di grande qualità, capace di creare atmosfere inquietanti e di tenere sempre alta la tensione.

È dal 2014, dall’uscita della seconda stagione, che mi ero segnato The Fall nella lista dei titoli da recuperare. Ci sono arrivato lentamente, ma quello che conta è arrivare, no? Siamo a Belfast, una città non ancora così pacificata come vorremmo credere. L’omicidio di una giovane donna è irrisolto da troppo tempo, così viene chiamata a revisionare le indagini la detective Stella Gibson, interpretata dalla Anderson, che intuisce quasi subito che potrebbe trattarsi dell’opera di un serial killer…

The Fall

Anche noi lo scopriamo quasi subito. È Paul Spector, ovvero Jamie Dornan. Apparentemente è una persona normale, anzi, attenta ai bisogni degli altri. Ama i bambini, lavora come consulente psicologico per l’accettazione del lutto e in alcuni casi va anche oltre quello che sarebbe il proprio dovere, apparentemente per aiutare. Certo, noi vediamo anche la freddezza che dimostra con la moglie Sally Ann, che a malapena guarda negli occhi. I due non sono quasi mai assieme, e anche quando ci sono non si cercano, comunicando solo con i due figli. Non c’è sesso nella coppia e Paul non lo cerca neppure. Non approfitta della babysitter ninfetta quindicenne innamorata di lui né della paziente sconvolta da un lutto e picchiata dal marito che sembra chiedere attenzioni anche fisiche. Anche con le vittime non ha rapporti sessuali. La soddisfazione arriva semmai in altro modo… non svelo di più perché sennò cosa la guardate a fare?

The Fall

Ah, per le quindicenni porche! Ok.

Stella invece cerca il sesso, lo usa a suo piacimento. Non dimostra alcun problema a servirsi degli uomini e questo crea qualche occhiataccia intorno a lei. In parte disprezzo, in parte invidia. The Fall è la storia di due personaggi paralleli, sempre così lontani e così vicini, che per forza di cose in un futuro si dovranno incontrare e scontrare. Due ottimi attori, due sorprese, in un cast che come da tradizione inglese è composto da professionisti da applausi anche nelle piccole parti. Non avrebbe sfigurato come mega-produzione HBO, e invece a produrre è l’irlandese RTE One, sia pure con il supporto di BBC. Assolutamente da vedere! E ora comincio subito la seconda stagione…

Voto: ****

Related posts

BlacKkKlansman – Infiltrate Hate

BlacKkKlansman - Infiltrate Hate

Chi come me si è appassionato al cinema negli anni '90 non può non considerare Spike Lee un punto di riferimento. Sono cresciuto con le vhs di Fa la Cosa Giusta, Malcolm X, Clockers, He Got Game... Spesso capolavori, quasi sempre ottimi film con un punto di vista preciso, coerente, militante...

Le novità più interessanti delle ultime tre settimane televisive

Le novità più interessanti delle ultime tre settimane televisive

È da tanto che non ci leggiamo. Il trasloco è un'esperienza durissima, vedo che qualcuno di voi fa cenno di sì con la testa... voi ci siete passati. Mi capite. In ogni modo l'importante è che ora tutto sia apposto. Mi mancano solo la cucina, una camera e circa due miliardi di scatoloni di roba...

Italian way of Cooking, di Marco Cardone

Italian way of Cooking, di Marco Cardone

Dal titolo potreste forse pensare che Marco Cardone sia uno dei passati vincitori di Masterchef, e che questo sia il suo primo libro di cucina. Non fatevi ingannare! Italian way of cooking è un romanzo, e anche se nelle ultime pagine del volume troverete davvero delle ricette, queste sono molto...

2 Comments

  1. Pietro Sabatelli 17 August 2017
    Rispondi

    Una serie così intrigante e che mi è piaciuta abbastanza, soprattutto questa prima stagione, che io praticamente l’ho già finita 😀

  2. Cassidy 17 August 2017
    Rispondi

    Non sei il primo a parlarne bene, almeno Gillian Anderson mi distrarrà dal pesce lesso di 50 sfumature di pirla 😉 Cheers

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.