I film da guardare (e quelli da non guardare) al cinema a Novembre

A Novembre, diceva il poeta, la città si accende in un istante. Ma anche i cinema non scherzano, quindi in attesa di cinepanettoni e cartoni animati natalizi vediamo quali sono i film più attesi di questo mese!

GLI IMPERDIBILI

The Place Genovese

The Place è il nuovo film di Paolo Genovese, ovvero il regista di Perfetti Sconosciuti, ovvero il miglior film italiano del 2016 secondo tanti autorevoli critici. Il cast è ancora una volta molto ricco di volti noti (Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Alessandro Borghi, Silvio Muccino, Alba Rohrwacher…) mentre la trama parla di un uomo misterioso che si siede sempre allo stesso tavolo di ristorante e promette di esaudire il più grande desiderio di 8 visitatori chiedendo in cambio che facciano qualcosa per lui. È la trasposizione cinematografica della serie americana The Booth at the End, due stagioni su FX dal 2010 al 2012. Mai vista, ma è intrigante…
Per definire un film imperdibile non serve necessariamente che sia bello. Anzi, ci sono anche film imperdibili proprio perché bruttissimi… ed ho la brutta sensazione che Justice League (nelle sale dal 16) sarà uno di loro. Spero di sbagliarmi e che la DC Comics sappia costruire qualcosa di buono sulle fondamenta del discreto Wonder Woman.
Il film più atteso del mese per me arriva l’ultimo giorno di Novembre, con il terzo capitolo della saga dei ricercatori Smetto Quando Voglio – Ad Honorem. Il primo film era notevole, il secondo alzava notevolmente il tiro ed era un vero spasso. Ehi, perché non ve ne ho mai parlato? È il caso che recuperi la recensione, sperando che la trilogia si completi con un ulteriore crescendo! …due film su tre tra gli imperdibili sono italiani, e il terzo probabilmente sarà una boiata. Chi l’avrebbe mai detto qualche anno fa?

Smetto Quando Voglio - Ad Honorem

I MERITEVOLI

Con Gifted – Il Dono del Talento (uscito ieri) Mark Webb abbandona i supereroi, visto che i suoi Amazing Spider-Man non sono usciti fuori benissimo, tornando a una storia più intima su un single che cresce la nipote orfana e si accorge che ha incredibili doti matematiche. In realtà non abbandona i supereroi fino in fondo, visto che il protagonista è Chris “Capitan America” Evans. Il primo film di Webb, Cinquecento Giorni Insieme, non faceva per me ma non era niente male… Tornare su toni simili potrebbe giovargli. Sempre ieri è uscito il nuovo film dei fratelli Taviani, Una Questione Privata, tratto dall’omonimo capolavoro di Fenoglio. Il protagonista, il lanciatissimo Luca Marinelli, potrebbe aprire al film una parte di pubblico che di solito non segue i due registi – e fa male.
Auguri per la tua morte, in uscita giovedì 9 Novembre, potrebbe apparire come il solito squallido slasherino che non si capisce come faccia ad arrivare in sala. Invece negli USA è stato recensito piuttosto bene, ed ha ottenuto il solito gigantesco margine di profitto della Blumhouse, con oltre 40 milioni di incasso a fronte di 5 di budget. Il regista, Christopher Landon, ha già diretto Manuale Scout per l’Apocalisse Zombie, quindi sa benissimo come far divertire il pubblico usando quando serve anche il cattivo gisto! Stessa data di uscita anche per Borg McEnroe, sulla rivalità tra il placido campione svedese e l’istrionico americano. Chi interpreterà Loredana Bertè? Questa è la vera domanda che ci poniamo tutti… Insieme a un’altra: cosa è venuto in mente ai The Jackal per fargli decidere di esordire con una commedia fantascientifica con robuste dosi di azione? Voglio premiare il loro coraggio, anche se Addio Fottuti Musi Verdi mi fa un po’ paura…
American Assassin (uscita il 23) sembra uno di quei thriller d’aziona machissimi che piacciono tanto a me e pochissimo ai critici. L’idolo dei teen movie Dylan O’Brien prova a crescere, e visto che c’è bisogno di star giovani nell’azione ne sono contento. Poi c’è anche Michael Keaton! Stesso giorno di uscita per Detroit, di Kathryn Bigelow, che viene da tutti descritto come non il suo film migliore, ma… ehi, è Kathryn Bigelow!

Detroit
Arriviamo all’ultimo giorno del mese con The Void, horror carpenteriano di cui tutti i migliogi blogger hanno parlato benissimo ma che io, nonostante i buoni propositi, non ho ancora visto. Sarà il caso di rimediare! Happy End è diretto da Michael Haneke, quindi non confiderei troppo in un happy ending. Riccardo va all’Inferno è un musical dark e psichedelico della regista di Tano da Morire e Sud Side Story

I GUARDABILI

È già uscito ieri Capitan Mutanda, film d’animazione diretto dal regista del discreto Turbo che… beh, dal nome non fa pensare a chissà che capolavoro, ma alla fine potrebbe risultare una robetta divertente. Non vi aspettate una cosa alla Sausage Party però, alla festa di Capitan Mutanda è invitata tutta la famiglia! Già nelle sale anche Geostorm, un catastrofico con Gerald Butler su una tempesta artificiale creata causando un malfunzionamento ai satelliti che si abbina a un complotto per assassinare il Presidente degli USA. Insomma, non si fanno mancare nulla. Per gli amanti del fracasso potrebbe risultare persino carino. My Name is Emily è un road movie irlandese sul rapporto tra genitori e figli, e lo metto in questa categoria solo perché le strade dell’Irlanda mi mancano un po’, ecco.
Con The Square (9 Novembre) il regista di Forza Maggiore ci parla di un’installazione di arte contemporanea che da vita a una catena di eventi che sconvolgeranno la vita del curatore. Premiato a Cannes, sembra un po’ troppo artistico per un poveraccio come me ma magari… The Big Sick (esce il 16) è una commedia ed anche la storia vera della storia d’amore tra i due sceneggiatori. Dicono anche che sia divertente. Molto meno divertente Ogni Tuo Respiro, la storia di un giovane (Andrew Garfield) reso paralizzato dalla poliomelite. Il regista è Andy Serkis… sì, proprio Gollum. Stesso giorno di uscita per La Signora dello Zoo di Varsavia, con Jessica Chastain moglie del custode dello zoo che decide di collaborare con la resistenza polacca contro i nazisti. Brava Jessicona!

The Big Sick
Gramigna (23 Novembre) è un titolo italiano anti-camorra sulla scia di Gomorra. Gli Sdraiati è il nuovo film di Francesca Archibugi con Claudio Bisio e Il Libro di Henry riporta al cinema il regista di Jurassic World. Non so cosa pensare.
Anna (in uscita il 25) ci racconta la storia di una fotoreporter rimasta coinvolta nella tratta degli esseri umani in Asia. Amori che non sanno stare al mondo (il 29) è invece il nuovo film di Francesca Comencini. Di entrambi i titoli si parla piuttosto bene, anche se non credo siano il mio genere…
Esce il 30 Daddy’s Home 2, con Will Ferrell e Mark Wahlberg che hanno coinvolto in questa cretinata anche John Lithgow e Mel Gibson (!!!). La mia religione mi obbliga a guardare tutti i film con Will Ferrell. Sami Blood è un dramma svedese sul razzismo contro gli esponenti della comunità Sami e Seven Sisters… ehi, non era già uscito su Netflix o qualcosa del genere? Vabbé!

GLI IMPROBABILI

Il ventesimo film dei Pokémon (Pokémon – Scelgo Te!) avrà una distribuzione limitata nelle sale domenica 5 Novembre. Purtroppo quel giorno sono via, che peccato… Il giorno dopo altro evento speciale spero a sale unificate: torna al cinema La Corazzata Potemkin. Giuro! Il 9 Novembre esce Paddington 2, con la zia dell’orsetto che compie 100 anni. Siete moralmente obbligati ad andare al cinema per farle gli auguri. Ed esce anche L’Esodo, un film italiano definito “no profit”. Secondo voi il biglietto si pagherà?

The Broken Key
Film improbabile per eccellenza è sicuramente The Broken Key, in uscita il 16. Volete sapere perché? Bene, è un film di fantascienza ambientato in un mondo dove la carta è un bene raro, stampare qualsiasi cosa è reato e il controllo dell’informazione è assoluto; il regista è il figlio di Franco Nero, e nel cast (insieme ovviamente al padre) ci sono  Rutger Hauer, Michael Madsen, Geraldine Chaplin, Christopher Lambert, William Baldwin, Kabir Bedi… non è incredibile? Quasi quanto il titolo Pipì Pupù e Rosmarina in Il Mistero delle Note, che però è un film di animazione di Enzo D’Alò, e allora…
Ancora animazione il 23 con il sequel di Nut-Job. Chi ha visto il primo? Non io. Il 30 escono il film sulla Polaroid assassina (ragazzi usate gli smartphone!) e L’Età Imperfetta, su due ragazze che vogliono diventare ballerine. Dubito che si riveli il nuovo La Vita di Adele, ma non si sa mai. Inoltre la commedia corale francese C’Est la Vie – Prendila come viene, di cui parlano bene… ma è una commedia corale francese.

GLI IMPOSSIBILI

Gli Asteroidi ci porta nel disaggio dell’Emilia Romagna post-industriale, rischiando seriamente di essere nominato il film italiano inutile del mese. Per fortuna gli ruba subito la palma Felicissime Condoglianze, in uscita oggi, che addirittura rispolvera come protagonista Andrea Roncato, e l’accompagna a Enzo Salvi, Claudio Insegno e al figlio di Lando Buzzanca. Sticazzi. Lola + Jeremy è una commedia francese che non trovo neppure su IMDB, quindi figuratevi voi. Ma se proprio volete guardarla, esce il 9. Così come Malarazza, che purtroppo non pare avere nulla a che fare con l’omonima (splendida) raccolta di racconti di Samuel MarollaÀ Bras Ouverts (uscita il 16) è una commedia francese che metto tra gli impossibili anche solo perché mi hanno costretto a cercare il carattere À. Non si fa! Stessa data di uscita anche per la commedia italiana di impostazione teatrale La Casa Famiglia, per l’italo-polacco e ininquadrabile I’m – Infinita come lo spazio e per il cileno Lezione di Pittura.
Flatliner – Linea Mortale è il remake di (indovinate un po’) Flatliners (bravi!). La cosa migliore che se ne può dire è che c’è Nina Dobrev. Ne Il Domani tra di Noi ci sono invece Kate Winslet e Idris Elba, potrebbe essere anche decente ma non riesco proprio ad accettare un film con una locandina simile. Caccia al Tesoro è diretto da Carlo Vanzina, quindi guardatelo voi, mentre Directions è un film bulgaro tratto da Cechov. Tutta questa bella roba esce il 23.
Esce invece il 30 Gli Eroi del Natale, in netto anticipo sui tempi. Se avete sempre sognato una natività raccontata dal punto di vista del bue e dell’asinello… beh, non siete normai, ma questo film fa per voi. Io non ho figli, ma se dovessi scegliere un film d’animazione in uscita quel giorno sceglierei sicuramente Il Gruffalo. Perché sì.

Film di novembre Il Gruffalo

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

11 Comments

  1. rikynova83 2 November 2017
    Rispondi

    Lo ammetto: ho letto subito gli improbabili e gli impossibili. Il titolo che mi ha più inquietato è Riccardo va all’inferno, ahhaha! Tie’ 😀

  2. fperale 2 November 2017
    Rispondi

    Io aspetto con timore la Justice League..

  3. Pietro Sabatelli 2 November 2017
    Rispondi

    A parte che niente è impossibile, sicuramente gli ultimi non vedrò 😉

  4. Cassidy 2 November 2017
    Rispondi

    Leggo la prima frase del post e scoppio a ridere come un cretino (storia vera!) 😀
    Detto questo, JLA mi interessa solo perché è coinvolto il grande Joss Whedon, invece aspetto “Smetto Quando Voglio – Ad Honorem” per concludere la trilogia. “Daddy’s Home 2” si guarda per quei due miti lì nel cast, quel coso sui musi verdi ho visto un pezzo di trailer, sembra forte, speriamo non sia il classico caso di trailer più figo del film finito.

    Per me a novembre (come disse il poeta eh eh) ho un solo nome, la mia adorata Kathryn Bigelow! Se hai bisogno di me sono quello laggiù con gli occhi a forma di cuore 😉 Cheers!

    P.S. Grazie per la citazione! 😉

    • michele 2 November 2017
      Rispondi

      Non ho mai avuto gran passione per Whedon, ma… JL si vede lo stesso! Per la Bigelow ho letto recensioni che mi hanno smosciato un po’… devo smettere di leggere di film che non ho ancora visto!

  5. Cristian Maritano 2 November 2017
    Rispondi

    The Void è sicuramente una chicca, purtroppo priva di climax ma pur sempre godibile…

    • michele 2 November 2017
      Rispondi

      Prima o poi lo recupero… un Carpenteriano al cinema manca da troppo tempo!

  6. Kukuviza 6 November 2017
    Rispondi

    Ma quanto è brutta la locandina di The Broken Key??? Sembrano tutti fotoscioppati a partire da qualche fototessera fatta alla stazione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.