Venerdì Gnocca #171: Tati Zaqui

Venerdì Gnocca #171: Tati Zaqui

Come ci ha insegnato qualche anno fa il buon Abdellatif Kechiche, il blu è il colore più caldo. Ora, quale è il paese che gli stereotipi associano con le donne più calde? Bravi, il Brasile (tu che hai detto la Lettonia: so chi sei!). Quindi facciamo uno più uno e…

TATI ZAQUI

Tati Zaqui

Tatiane Zaqui Ferreira da Silva è sicuramente meglio conosciuta con il nome di Tati Zaqui. Ok, non in Italia, ma vi assicuro che in Brasile è una vera star! Ballerina, modella, autrice, cantante di funk paulista… come, non sapete cosa sia il funk paulista? Rimedio subito.

Vedete? E voi che vi lamentate de Festival di Sanremo o di Despasito… In Brasile questa roba va fortissimo, e spero che da noi non arrivi MAI. Comunque, nella tristezza generale del video (e non avete ascoltato il suo pezzo forte: Bumbum Que Balança), una cosa positiva emerge: Tati Zaqui è parecchio gnocca, e quindi merita sicuramente di apparire in questa rubrica!

Tati Zaqui

Immagino che in Brasile la possibilità di mettersi in bikini sia piuttosto comune, e questo ha aiutato Tati Zaqui a moltiplicare rapidamente i suoi follower su Instagram. Ad oggi sono circa 4 milioni e seicentomila, facendo un rapido calcolo circa quindicimila volte superiori rispetto a coloro che hanno messo mi piace alla mia pagina facebook. Accetto la differenza, visto che i miei selfie non sono così curati. Io poi non ho neppure una pagina su wikifeet

Tati zaqui

Ma la vera motivazione che mi ha spinto a cercare qualche infomazione in più su questa bella cantante brasileira è ovviamente il servizio che l’ha vista protagonista su Playboy. Vi lascio con le immagini perché sono sicuramente più interessanti delle mie farneticazioni. Bom dia a tutti!

Tati Zaqui

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

16 Comments

  1. fperale 10 November 2017
    Rispondi

    Genere capelli blu+tatuaggi, direi mix esplosivo!!

    • michele 10 November 2017
      Rispondi

      L’unica cosa che per me stona un po’ è il rosetto blu, ma mi sento di perdonarla!

  2. Pietro Sabatelli 10 November 2017
    Rispondi

    Come sopra, anche perché odio di più i piercing che i tatuaggi 😉

    • michele 10 November 2017
      Rispondi

      In una bomba del genere passa tutto in secondo piano 😀

  3. Cassidy 10 November 2017
    Rispondi

    Adele aveva capito tutto della vita, ora abbiamo le prove. Cheers!

  4. rikynova83 10 November 2017
    Rispondi

    ahahha, l’ultima foto è da moige :D, certo che con tutto quel metallo c’è il rischio di distrarsi 😀

    • michele 10 November 2017
      Rispondi

      Sicuramente non riuscirebbe ad avvicinarsi silenziosamente 😉

  5. Marco “Cannibal Kid” Goi 10 November 2017
    Rispondi

    Bionde, more e rosse da adesso avranno una (notevole) competizione anche con le tipe blu. 🙂

  6. antoniomele82 11 November 2017
    Rispondi

    I’m blue dabdì dabdà

  7. redbavon 13 November 2017
    Rispondi

    La foto sul divano ha avuto l’effetto del click-bait sul troll di professione. Venerdì gnocca? Solo di venerdì questa bellezza brazileira? Ma tutta la settimana, anche se temo che sia impegnativo…La foto sul divano è quella che rende giustizia, le altre, metallo, tatuaggi, nel blu dipinto di blu non so perché ma la “imbruttiscono” (occhei tiratemi le pietre al mio “tre”…uno, due, due e un quarto, due e meeeez….)
    La cosa però peggiore è che mi hai infilato il tarlo del funk paulista. Hai messo una “call to action” (come la chiamano i fighi) grossa come una casa con il tasto “play” del video infilato proprio nel mezzo…io ci ho cliccato. Che te possino! E sono andato anche a cercare altro di questa cantante-ballerina-modella(non verrebbe a spicciamme casa?)…Bum bum quella-canzone-là e vabeh me lo aspettavo, ma a “Estoy loca” mi è apparsa tale creatura con il nerretto di traverso, con due pezze addosso (e dire che di soldi ne deve tirare su con quei quattro lavori che fa), che zompetta su un palco al rtimo del funk paulista, che – dimolo fuori da li denti – glie sbatte ‘n faccia…Prodotto musicale da vedere, ma – fatevi un piacere – non ascoltatelo. Nel video di Estoy loca è gnocca e lo sa benissimo. E io che c’avevo Romina con Al Bano vicino!…
    PS: Io sono emigrante a Roma, sono napoletano…mi scuso degli eventuali errori nel dialetto romanesco.

    • michele 13 November 2017
      Rispondi

      Anche io mi sono fatto una cultura sui suoi video prima di scrivere l’articolo e… ti capisco, ah se ti capisco! Non sono romano neppure io, ma credo di non sbagliare troppo se dico che questa tizia ha proprio il savoir fair della coatta 100%. Con metallo, frange, tatuaggi e tutto. Buttala via!

      • redbavon 13 November 2017
        Rispondi

        Nun se butta via gnente, a parte la sua musica, beh sì quella si può.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.