La recensione che mi rallegra: Monster Tai-Riku – Not a Problem

Coez mi ha depresso talmente tanto che non potevo fare altro che aprire Spotify e cercare tra le ultime uscite rock qualcosa che mi incuriosisse. Tra i vari Weezer, Pearl Jam e Marilyn Manson facevano capolino questi Monster Tai-Riku, un gruppo giapponese mai sentito… Visto che sto proprio in questi giorni prenotando il viaggio in Giappone che farò tra marzo ed aprile, l’ho preso come un segno del destino. Ascoltiamolo!

Cari amici, ci voleva proprio! E ascoltate il pezzo sotto, che è meglio ancora.

Nelle foto pubblicitarie del disco nella loro pagina facebook i Monster Tai-Riku si definiscono Soul, hip-hop, progressive rock e rythm and blues… ma manca un genere fondamentale per definirli: il FUNK! Anzi, se dovessi trovare solo due parole per descriverli direi funky-blues! Purtroppo faccio un po’ fatica a tradurvi i testi dal giapponese, ma sono davvero tanti i pezzi con i quali è impossibile non smuovere il piedino, trascinati da una chitarra che straborda groove, e da un’armonica che potrebbe essere venuta fuori direttamente dalle paludi della Louisiana. A quanto ho intuito hanno avuto diverse formazioni nel corso degli anni (la signorina dietro le pelli per esempio non è presente nei video più vecchi), ma la loro produzione non si è mai fermata, visto che sono al sesto album in sei anni! Ci sono solamente un paio di riempitivi, per il resto Not a Problem è una piccola bomba atomica che mi ha colto completamente di sorpresa. La dimensione ideale di gruppi come loro è sempre quella dal vivo, quindi giuro che se suoneranno a Tokyo nei giorni in cui sarò in città mi fionderò a vederli!

E soprattutto, grazie per avermi fatto dimenticare Coez.

Voto: **** 1/2

Related posts

A Cold Day in Hell: Tremors su ghiaccio (o quasi)!

A Cold Day in Hell: Tremors su ghiaccio (o quasi)!

Il popolo degli appassionati di Tremors non è numerosissimo, ma sicuramente è agguerrito e pronto a sostenere i propri beniamini. Il 2018 sembrava l'anno buono per il ritorno di Kevin Bacon in una serie ordinata da SyFy, ma per qualche motivo dopo che era stato girato l'episodio pilota...

Slowly e il ritorno della lentezza

Slowly e il ritorno della lentezza

La memoria del mio vecchio telefonino a pedali era costantemente piena, così per anni ho badato all'ottimizzazione dello spazio e delle risorse: Telegram, Whatsapp, Facebook, Amazon, Netflix e poco più. Poi per colpa di un passero maledetto che mi è entrato in auto mentre guidavo rischiando...

StartUp – Stagione 2

StartUp - Stagione 2

Mi ero davvero divertito a guardare la prima stagione di StartUp. Mi aveva invogliato la presenza dell'ottimo Martin Freeman, ma alla fine erano stati gli altri personaggi ad appassionarmi, e al netto di qualche difetto la serie si era rivelata un intrattenimento piacevole e intelligente...

2 Comments

  1. rikynova83 11 November 2017
    Rispondi

    Il primo pezzo mi sembra molto nello stile dei Red Hot Chili Peppers. Ho detto una stupidaggine?

    • cumbrugliume 11 November 2017
      Rispondi

      No, hai ragione, that’s funky!

Rispondi