Recitazione 5
Regia 5
Storia 4
Musiche 4
Fotografia 5
Fattore WOW 3
Summary 4.3 DISCRETO
Recitazione 0
Regia 0
Storia 0
Musiche 0
Fotografia 0
Fattore WOW 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
Summary 0.0 BRUTTO

Lake Bodom – la scelta migliore per i campeggiatori, dal 1960

Circa un mese fa ho molto apprezzato sul blog Nocturnia un completissimo speciale sui misteriosi delitti del Lago di Bodom (prima parte, seconda parte, terza parte, finale), così quando ieri ho messo le mani sul film finlandese Lake Bodom, di cui avevo letto benino qua e la, mi sono detto “è un segno, devo guardarlo!”. Ed eccomi qua.

Lake Bodom

La mia speranza che si trattasse di una rivisitazione dei delitti del 1960, però, si è fermata ai primi minuti. Lake Bodom è ambientato ai giorni nostri, e ha come protagonisti quattro ragazzi poco più che adolescenti. Atte è appassionato di misteri e delitti, e crede di avere una nuova teoria che potrebbe spiegare cosa è successo quella notte, anche se sono passati più di cinquanta anni. L’amico Elias decide di aiutarlo a ricostruire i fatti, ma più che al mistero sembra interessato alla presenza delle ragazze: Ida-Maria e Nora sono state attratte un po’ con l’inganno, è stato detto loro che ci sarebbe stata una festa in una casa, ma la loro presenza è fondamentale per la messa in scena dei delitti. Ida, poi, ha qualche mistero nella sua vita, visto che non usciva di casa da mesi e solo l’insistenza dell’amica è riuscita a smuoverla.

Lake Bodom

Ragazzi l’esperienza dovrebbe insegnare che il silenzio non è un buon segno…

Arrivati sulle rive del lago, le velleità investigative si perdono quasi subito, tra chiacchiere, confessioni e amoreggiamenti. Ma non temiate, un po’ di sangue arriva. Almeno un paio di colpi di scena arrivano (uno più telefonato, l’altro più inaspettato) a rompere la routine, e se il conto dei cadaveri non è per forza di cose elevatissimo il regista Taneli Mustonen (anche sceneggiatore insieme a Aleksi Hyvärinen) dimostra di avere un po’ di gusto e inventiva per il gore.

Lake Bodom

Che vi avevo detto?

Lake Bodom è stato pubblicizzato come il primo horror finlandese in grado di competere con quelli internazionali, ha partecipato a diversi festival del settore ricevendo una discreta accoglienza e allo Screamfest 2016 Mimosa Willamo ha vinto il premio come migliore attrice. In effetti il film è fatto bene, anche se non conosco molti altri horror finlandesi a cui paragonarlo 😛 Ci sono un paio di scene notevoli (quella subacquea su tutte) che dimostrano come il regista abbia un notevole occhio, nonostante fino ad ora abbia diretto soprattutto commedie mai uscite dai confini patri. La fotografia è molto professionale, gli attori tutti bravi, il ritmo quello giusto, con l’attesa che viene fatta salire nella prima parte (con un paio di false partenze di troppo, magari) e una seconda decisamente più dinamica…

Lake Bodom

A peccare un po’ di mancanza di ambizione è a mio parere una sceneggiatura che proprio non fa nulla per uscire dai confini dello slasher con gli adolescenti. Un campeggio, un lago, dei ragazzi… dove ho già visto questa situazione? Il mistero di Bodom avrebbe potuto offrire scuse migliori per mettere in scena fughe disperate e squartamenti, visto la qualità del cast tecnico e artistico a disposizione. Così com’è, nonostante sia sicuramente un prodotto guardabilissimo e superiore alla media, che gli appassionati ameranno di sicuro, sembra più una occasione perduta.

Peccato. Meglio rileggere lo speciale di Nocturnia 🙂

Related posts

The Dirt: una biografia maleducata

The Dirt: una biografia maleducata

La biografia musicale dei Mötley Crüe, The Dirt, è probabilmente il film più maleducato della storia di Netflix. Ma la band era ancora peggio di così...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 24/03/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 24/03/2019

Tutte (ma proprio tutte) le serie tv uscite queste settimana nell'universo conosciuto, con i consigli di visione del Cumbrugliume.

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody è piaciuto (quasi) a tutti, ma la storia dei Queen avrebbe potuto dire mille altre cose, e alla fine mi ha lasciato davvero freddino...

9 Comments

  1. Conte Gracula 9 December 2017
    Rispondi

    Forse non è nemmeno facile, competere col mistero reale – ho letto anche io lo specialone di Nocturnia e cavolo, in quel mistero ci si potrebbe ficcare qualsiasi cosa, tranne i robottoni, e continuerebbe a essere un mistero coi fiocchi!

    • michele 9 December 2017
      Rispondi

      Diciamo che per essere sicuro il regista non ci ha nemmeno provato 😉

  2. Cassidy 9 December 2017
    Rispondi

    Ho letto il fighissimo post triplo di Nick e questo film volevo vederlo da un pezzo, poi per un motivo e l’altro ho lasciato perdere, mi hai confermato che ho fatto bene, per fortuna posso contare sul Cumbrugliume! Cheers

  3. fperale 9 December 2017
    Rispondi

    Chissà perché i campeggi hanno sempre stimolato la fantasia dei creatori di film horror..

    • michele 9 December 2017
      Rispondi

      Luogo isolato, giovani in cerca di avventure… i motivi possono essere tanti. Il principale secondo me è che hanno avuto dei precursori di grande successo 😉

  4. rikynova83 10 December 2017
    Rispondi

    Va benissimo: gli slasher anche se mediocri sono sempre piacevoli da vedere 😀 specie se in mezzo ci sono belle ragazze 😀

    • michele 10 December 2017
      Rispondi

      E le finlandesi hanno (quasi) sempre il loro perché!

  5. Pietro Sabatelli 10 December 2017
    Rispondi

    Ho letto lo speciale, e ho sentito già parlare del film, ma è davvero così brutto? dici che farei meglio a lasciar stare?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.