Recitazione 9
Regia 8
Storia 7
Musiche 6
Fotografia 6
Fattore WOW 9
Recitazione 0
Regia 0
Storia 0
Musiche 0
Fotografia 0
Fattore WOW 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
Summary 0.0 BRUTTO

The Foreigner: Jackie Chan che fa il serio!

THE FOREIGNER

Regia di Martin Campbell

Con Jackie Chan, Pierce Brosnan, Charlie Murphy, Katie Leung, Simon Kunz, Rory Fleck Byrne
Titolo originale: The Foreigner
Genere: azione
Gran Bretagna/Cina 2017
Durata: 114 minuti

Su Netflix

Jackie Chan è il dio della Cina, e può permettersi di fare praticamente qualsiasi cosa. Anche di dedicarsi a filmettini definibili innocui a voler esere positivi come il banalissimo Railroad Tigers e il meno che mediocre Kung fu Yoga, con la consapevolezza che comunque in Cina faranno ogni volta sfracelli al botteghino e nel resto del mondo troveranno comunque un loro pubblico, non solo nella comunità cinese. Nel 2016 Jackie Chan è stato il secondo attore più pagato del mondo, e non credo che da allora le cose siano cambiate moltissimo. Piace tantissimo ai bambini, e ormai si dedica a loro, anche con una serie di doppiaggi di cartoni animati come Lego Ninja-Go, Kung Fu Panda o The Nut Job.

Ma per una volta, in The Foreigner, ha deciso di fare il serio!

The Foreigner

In The Foreigner Jackie Chan è un tranquillo (apparentemente) ristoratore cinese la cui figlia viene uccisa in un attentato di una fazione contraria alla pace dell’IRA. Visto che le autorità non sembrano in grado di risolvere la situazione (e forse non vogliono nemmeno farlo) decide di prendere in mano le cose lui, e farsi giustizia da solo. Una trama non esattamente nuovissima in questo periodo in cui il genere “vecchi attori che picchiano gente molto più giovane di loro” sembra andare molto di moda. Esempi: John Wick, Taken, Atomica Bionda, anche il recente remake del Giustiziere della Notte, perché no…

Ovviamente Jackie Chan non è solo un tranquillo (apparentemente) ristoratore cinese. Si capiva, vero?

The Foreigner

La scena coi coltelli, classico Jackie Chan

Qui non si scherza. Non si fanno le faccette buffe, non si recita per i bambini, non è il classico cartone animato in live action a cui Jackie Chan ci ha abituato. Il film è serio, drammatico e il suo protagonista è clamorosamente misurato. Ed efficace. A 60 anni e passa è riuscito a svelare un nuovo lato di sé che non conoscevamo ancora.

Il secondo tassello che contribuisce alla riuscita di The Foreigner è il suo antagonista: Pierce Brosnan. Brosnan è noto soprattutto come ex James Bond, ma non si è fatto schiacciare dal più famoso personaggio interpretato. Negli ultimi anni ha continuato ad offrire prove solide passando da robetta di serie B a un ottimo Polanski a Mamma Mia senza alcun problema. Qui è un ex militante dell’IRA ora importante politico nordirlandese, punto di riferimento per le trattative tra stato e terroristi, che nasconde un sacco di cose. E vi dirò la verità, erano anni che non rivedevo un Brosnan così intenso e calato nella parte, tanto che è davvero un piacere anche solo sentirlo parlare e sbraitare con il suo accento irlandese (guardatelo in originale!).

The Foreigner

Non più James Bond, ma sembre elegantissimo…

Il terzo tassello è il regista, Martin Campbell. Originariamente la trasposizione del romanzo The Chinaman di Stephen Leather era stata affidata al buon Nick Cassavetes, ma il fatto che la palla sia passata all’ottimo regista di GoldenEye (con Pierce ovviamente!), Casino Royale e Fuori Controllo non può che farmi piacere.

Con Campbell al timone The Foreigner funziona come un orologio. Le scene di azione hanno i tempi giusti, ma soprattutto è la direzione degli attori ad essere impeccabile. Ogni sguardo, ogni dialogo è reso al meglio e vuol dire davvero qualcosa. Non so se è merito del regista, della storia, di una certa voglia di riscatto, fatto sta che i protagonisti sembrano davvero crederci. E il risultato è un film che senza essere perfetto ho guardato con un piacere immenso, come quelli di una volta. E che mi ha fatto tornare a credere in Jackie Chan.

Che poi è tornato a girare boiate subito dopo, mannaggia a lui!

Related posts

Il Cumbrugliume va in Giappone – Capitolo tre

Il Cumbrugliume va in Giappone - Capitolo tre

Clicca qui per leggere la prima parte del mio viaggio Clicca qui per leggere la seconda parte Quindi dovremmo essere pronti per la terza, no? 31/03/2018 Finora siamo stati decisamente fortunati col meteo: anche oggi sole e 20°C, temperatura ideale per le nostre lunghissime camminate...

Killing Eve è una lezione di cazzutaggine e tensione sessuale

Killing Eve è una lezione di cazzutaggine e tensione sessuale

KILLING EVE Creato da Sally Woodward Gentle e Phoebe Waller-Bridge Con Sandra Oh, Jodie Comer, Fiona Shaw, Kim Bodnia In onda dall'8 Aprile 2018 Network originale: BBC America In Italia: inedito Genere: spionistico Durata: 45 minuti Episodi: 8 (già confermata una seconda...

Le cose che mi piacciono dalla A alla Z

Le cose che mi piacciono dalla A alla Z

Lo rubo a Pensieri Cannibali, che a sua volta l'ha rubato a Pietro Saba, che l'ha rubato a un altro blog che al mercato suo padre comprò. Ecco il giochino dell'estate, se vi va fatelo anche voi. Tanto è semplice capire come funziona, no? A come ACCUMULARE COMPULSIVAMENTE TROIAI Mia moglie...

4 Comments

  1. rikynova83 14 March 2018
    Rispondi

    60 anni ma ancora in grande forma Jackie Chan!

    • michele 14 March 2018
      Rispondi

      Fin troppo in forma, con tutti gli stunt assurdi che ha fatto! Quell’uomo è di gomma… e sa anche recitare!

  2. Cassidy 14 March 2018
    Rispondi

    Ho il film in lista su Netflix da un pezzo, devo solo trovare il tempo di vederlo, ti ringrazio per la spintarella nella direzione giusta 😉 Cheers!

    • michele 14 March 2018
      Rispondi

      Vai, è un film che sembra fatto apposta per te!

Rispondi