Dieci motivi per cui dovreste leggere Saga

Saga è uno dei fumetti di cui più si parla negli ultimi anni. Dodici Eisner Awars, diciassette Harvey Award, persino un premio Hugo… tutto questo per una saga di fantascienza epica che l’autore Brian K. Vaughan ha cominciato a pensare nel corso della sua infanzia, durante le noiose ore di matematica. E non sono solo i premi vinti: Saga è costantemente ai primissimi posti nelle vendite negli USA, e anche le vendite dell’edizione italiana della BAO vanno benissimo. Il cinquantesimo albo originale uscirà tra pochissimi giorni, mi sembra l’occasione ideale per darvi dieci motivi per cui dovreste proprio leggere i primi 49!

1- È disegnato e colorato benissimo

Saga

I disegni sono sicuramente la prima cosa che attrae in un fumetto, e per Saga Fiona Staples ha fatto un lavoro stupendo. Saga è coloratissimo ma riesce allo stesso tempo a trasmettere la drammaticità necessaria quando serve. Tutto è narrato con i toni giusti, i personaggi sono caratterizzati magnificamente, e in ogni tavola ci sono delle chicche di inventiva incredibile.

2- È un perfetto mix tra fantascienza e fantasy

Si può sicuramente riconoscere in Guerre Stellari la principale ispirazione di Saga. In un credibile universo fantascientifico sono inseriti degli elementi magici che entrano a far parte in maniera coerente della trama. Ci sono viaggi stellari e creature esotiche, androidi e famtasmi… il meglio di due mondi!

3- Ma è anche una bellissima storia d’amore!

Saga

In sostanza, Saga è una specie di Romeo e Giulietta ambientato nello spazio. Alana e Marko sono di due razze differenti, perennemente in guerra tra loro, e non dovrebbero essere compatibili… solo che grazie a un libro semi-proibito scoprono di esserlo, e che il loro amore li porterà ad affrontare qualsiasi avventura. Persino la maternità.

4- È divertente!

Nonostante la guerra intergalattica, nonostante le persecuzioni, nonostante scene terribili e drammi veri, Saga non perde mai una forte ironia di fondo che è anche il modo che i personaggi hanno per affrontare la vita. Eppoi ci sono le creature…

5- È pieno di creature incredibili e fantasiose

Lying Cat

Appunto, le creature, che non sono solo i classici draghi, orchi e simili. Che ne dite di una razza di androidi con una tv al posto della testa. O di un gatto che riconosce le menzogne?

6- È estremamente violento

Saga

Saga non conosce compromessi, e non teme di mettere anche a disagio il lettore. Ma la violenza, spesso anche estremamente grafica,  serve sempre alla storia da raccontare…

7- …e anche sessualmente esplicito!

Saga

Ci sono interi pianeti come Sextillion interamente dedicati al sesso, in Saga, come il Sextillion dei numeri 4 e 5. Ma non solo. C’è sesso romantico e sesso proibito, sesso fatto per piacere e per noia, eterosessuale, omosessuale e… interspecie, si potrebbe dire 😀 Sempre senza peli sulla lingua! Questo è costato al fumetto anche una censura da parte della Apple, che ha chiesto la rimozione del dodicesimo albo dal proprio online store per una scena esplicita di sesso omosessuale.

8- È irriverente e realistico

L’avrete capito: amore, morte, guerra, pace, arte, sesso, violenza, perversioni, avventura… in Saga c’è veramente di tutto… proprio come nella vita.

9- C’è la più bella famiglia che potete trovare in un fumetto

Ok forse non la più bella, ma sicuramente una delle più bella. Alana, Marko e la loro figlioletta Hazel sono proprio come noi: vivono momenti difficili, si allontanano, si cercano, si incazzano, non si parlano, subiscono tutte le tentazioni e le prove possibili. E continuano ad amarsi tantissimo.

10- Perché resterà per sempre solo un fumetto

Direte voi “non si sa mai”. Ma Brian Vaughan e Fiona Staples hanno più volte ribadito di non essere interessati a trasporre il loro capolavoro al cinema, o in un lungo serial televisivo. Vogliono che Saga rimanga un fumetto, e anche per questo hanno inserito nella storia tutta una serie di elementi considerati infilmabili, vuoi perché troppo espliciti vuoi perché eccessivamente costosi da riprodurre anche con i più moderni effetti speciali. Chissà quanto resisteranno alla tentazione, visto che le offerte pare che già non siano mancate, quello che è certo è che con la politica “creator owned” della Image Comics la decisione spetta solo a loro. E finora sembrano inflessibili.

Non vedo l’ora di leggere il numero 50!

Related posts

Die Hard 2 – 58 Minuti per morire: squadra che vince non si cambia!

Die Hard 2 - 58 Minuti per morire: squadra che vince non si cambia!

Quando hai un film che ha incassato quasi cinque volte il suo budget, ha reso il suo protagonista una delle più grandi star hollywoodiane, è subito esaltato come un capolavoro del cinema d'azione ed ha dato vita addirittura a modi di dire... cosa fai? Non fai un seguito cercando di cambiare il...

The Americans – Stagione 5

The Americans - Stagione 5

Ho uno strano rapporto con The Americans. Da un lato adoro la serie, penso davvero che sia riuscita a presentare in maniera straordinariamente efficace dei personaggi e un contesto diversissimo da quello di tutte le altre in onda in questi anni, che sia recitata divinamente, che abbia una...

Il giorno che uccisi Fabio Volo

Il giorno che uccisi Fabio Volo

Qualcosa di nuovo bolle in pentola! Sono ormai quasi giunto alla conclusione di una nuova raccolta di racconti che spero potrete leggere entro poche settimane, e per ingannare l'attesa ho pensato di regalarvi le storie che facevano parte de Il Giorno che Uccisi Fabio Volo (e altri racconti). Che...

10 Comments

  1. Arcangelo 24 March 2018
    Rispondi

    Serie stupenda, se riesco prendo oggi l’ottavo volume. Adoro il principe Robot e Gatto Bugia. Il bello di saga è che per essere una space opera è terribilmente reale, non c’è quel distacco che sentiamo da uno Star Wars, le storie di Saga potremmo benissimo viverle anche noi, certo con qualche magia in meno.

    • michele 24 March 2018
      Rispondi

      Concordo assolutamente! Anche io ne sono stato conquistato per questo motivo!

  2. rikynova83 24 March 2018
    Rispondi

    Saga.. non capivo, pensavo a Gemini :D. Il protagonista, dalla cintola in su, sembra Motaro di Mortal Kombat! Ho dato un’occhiata ai disegni, sai che non è che mi piacciano tanto? Anche le scene splatter..mm..Oddio forse più che i disegni, sono i colori?

    • michele 24 March 2018
      Rispondi

      De gustibus ovviamente, a me piacciono tantissimo! Il giusto mix tra fantasia acida e una certa dose di realismo!

  3. mikimoz 24 March 2018
    Rispondi

    Non l’ho mai letto e mi hai incuriosito!
    Quanto all’ultimo punto, ormai credo farebbero di tutto… senza freni. oppure tagliuzzando… XD

    Moz-

    • michele 24 March 2018
      Rispondi

      Beh finché l’autore dice di no… 😉 Se vuoi provare a cominciarlo posso darti qualche dritta!

  4. Cassidy 24 March 2018
    Rispondi

    Questo tuo post non mi è piaciuto per niente, “Saga” non è poi tutto questa gran cosa. Bugiiiiiiiiaaaa 😛 Per me è uno dei fumetti miglior in circolazione, adoro Brian K. Vaughan dai tempi dell’ottimo “Y – L’ultimo uomo” ma qui si sta superando, anche io sono in attesa del nuovo volume 😉 Cheers

    • michele 24 March 2018
      Rispondi

      Sapevo della tua passione 🙂 Concordo anche io su Y, buonisimo ma qui Vaughan è davvero su altri livelli! I momenti di stanca finora sono stati pochissimi, spero proprio che continui così!

  5. fperale 26 March 2018
    Rispondi

    Ne ho sentito parlare benissimo, ma mi fa paura un po’ la lunghezza della…saga, appunto 😀

  6. Marco Grande Arbitro 28 March 2018
    Rispondi

    Mi hai convinto!

Rispondi