Recitazione 7
Regia 8
Storia 8
Musiche 6
Fotografia 6
Fattore WOW 5

ASSASSINIO SULL’ORIENT EXPRESS Regia di Kenneth Branagh Con Kenneth Branagh, Penélope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Johnny Depp. Josh Gad, Leslie Odom Jr., Michelle Pfeiffer, Daisy Ridley Titolo originale: Murder on the Orient Express Genere: i gialli di Agatha Christie USA, 2017 Durata: 114 minuti Ve lo voglio dire subito, proprio a inizio recensione: a ..

Summary 6.7 BELLO
Recitazione 0
Regia 0
Storia 0
Musiche 0
Fotografia 0
Fattore WOW 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
Summary 0.0 BRUTTO

Assassinio sull’Orient Express, ovvero guarda quanto è dimagrito Poirot!

ASSASSINIO SULL’ORIENT EXPRESS

Regia di Kenneth Branagh

Con Kenneth Branagh, Penélope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Johnny Depp. Josh Gad, Leslie Odom Jr., Michelle Pfeiffer, Daisy Ridley
Titolo originale: Murder on the Orient Express
Genere: i gialli di Agatha Christie
USA, 2017
Durata: 114 minuti

Ve lo voglio dire subito, proprio a inizio recensione: a me del tradimento letterario dei romanzi di Agatha Christie importa poco o nulla. Siamo abituati a vedere sullo schermo (o a leggere nelle pagine che lo vedono protagonista) un Hercule Poirot bassetto, grassoccio, con pochi capelli neri sulla testa. Capisco che possa essere spiazzante trovarsi di fronte un’affascinante e persino un po’ vanesio Kenneth Branagh… ma chissenefrega. Non è questo che conta davvero, e capisco anche le esigenze di un cinema diverso che oggi più che mai ha bisogno di un protagonista anche esteticamente in un certo modo, quando si parla di progetti (e piani anche di lungo respiro) come questi.

Hercule Poirot Kenneth Branagh

Ha dei bei baffi! (cit.)

Mi frega qualcosa di più invece della presenza di Johnny Depp. Ormai da anni, se un film ha come protagonista Johnny Depp siamo praticamente sicuri di trovarci di fronte a una cacata inguardabile. È incredibile quanto sia sceso rapidamente in basso uno che fino a poco tempo fa era osannato come attore preferito di una generazione (non il mio!) e il più pagato al mondo. Ancora, nonostante tutto questo, il suo nome viene sparato piuttosto in alto nelle locandine e pare attragga una parte di pubblico… con me ha l’effetto contrario, e così per molto tempo ho ignorato bellamente questo nuovo Assassinio sull’Orient Express, malgrado mi piaccia Branagh (sin da quando era ossessionato da Shakespeare) e malgrado un cast a dir poco di all-star.

Assassinio sull'Orient Express

Da sinistra a destra: tre Oscar e almeno una quindicina di candidature

 

Alla fine ho deciso di guardare comunque il film, spinto da qualche buona recensione e soprattutto… SPOILER… dalla notizia che Depp rimane sullo schermo solo pochi minuti, visto che la vittima dell’assassinio è proprio lui! Chi sarà il colpevole? Perché proprio lì, sull’Orient Express? E soprattutto: che sfiga ha avuto il colpevole di trovare nello stesso vagone proprio Poirot?

Assassinio sull'Orient Express

Se ci fosse stato Salvini al potere tutto questo non sarebbe successo

 

Sulla trama non dirò niente di più per due motivi:

1- è un giallo, quindi meno cose sapete e meglio sarà;
2- è Assassinio sull’Orient Express! Lo conoscete già!

Quindi passiamo subito a valutazioni più pratiche: è una schifezza o vale la pena guardarlo?

Mi sembra evidente. Che domande sono?

 

Assassinio sull’Orient Express… non parte benissimo, ad essere onesti. Le prime scene sono molto semplici e girate in maniera che appare quasi frettolosa. Il film non ha avuto un budget altissimo, e dai primi minuti sembra sia stato speso tutto per il cast e il buon Branagh abbia risparmiato sul resto. Quando si sale sul treno però le cose iniziano a cambiare… in fondo è quella la parte che conta! Gli attori si sciolgono e conosciamo meglio i personaggi, questo nuovo Poirot pian piano ci conquista e il mistero intriga. Branagh gira bene e vedere tanto cast all’opera è sempre un piacere… Certo, alcuni personaggi appaiono quasi sprecati (Olivia Colman avrà dieci battute in tutto il film!), ma la Dench, la Pfeiffer, Dafoe, Odom e Jacobi sono bravissimi. La Cruz invece mi sta sul cazzo quasi a livello Depp, ma anche lei non ha troppe battute e risulta sopportabile.

Sì ma arriva al dunque, che abbiamo fame

 

Alla fine il film si guarda con piacere, e non mi stupisce che abbia incassato molto e che si pensi già ai seguiti, come anticipa il finale. Non mi stupisce anche perché tutto è bello, la regia è elegantissima e tutto resta un po’ lì, a questa piacevole superficie. Carino ed innocuo. La sceneggiatura è un po’ il punto debole. Non perché la storia non funzioni (direi che la storia è piuttosto rodata!) ma perché Poirot a parte gli altri personaggi restano un po’ nel limbo, manca la volontà di scavare nelle loro storie, offrire qualcosa di più profondo, rischiare un po’.

La scommessa, almeno a livello di botteghino (55 milioni spesi, più di 300 incassati), è vinta, e questo nuovo Poirot quasi seducente funziona. Per far funzionare anche il seguito servirà qualcosa di più. L’appuntamento è sul Nilo, probabilmente il prossimo anno.

Related posts

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 16/09/2019

Rieccoci qui col consueto appuntamento del lunedì col Cumbrugliume, per scoprire tutte le novità più interessanti (e non) che potreste cominciare a guardare questa settimana! Novità succulente Per l'unica novità della settimana nei network tradizionali dovete volare in...

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DELLA SETTIMANA TELEVISIVA – 09/09/2019

Novità succulente Questa settimana viva l'Inghilterra! Cominciamo con una nuova serie del network ITV, che ha come protagonista Martin Freeman. Ok, sono molto interessato! A Confession racconta la storia vera dell'omicidio di Sian O'Callaghan, con il protagonista - detective...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 02/09/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 02/09/2019

Novità succulente A volte il nome giusto conta moltissimo: ecco perché sono stato immediatamente attratto da On Becoming a God in Central Florida, nuova serie su Showtime con Kirsten Dunst. La protagonista è una lavoratrice a salario minimo che progetta nel dettaglio la sua...

4 Comments

  1. marco1946 27 June 2018
    Rispondi

    Concordo
    Concordo su Depp che fortunatamente muore subito, concordo sulla Cruz che anche se fa l’infermiera ha sempre la faccia da troia, concordo sulla brillante interpretazione di sir Branagh e sulla regia…
    beh, sulla regia qualcosa da eccepire ci sarebbe.
    Era proprio necessario il prologo a Gerusalemme con il rabbino, il monaco e l’imam? voleva significare che tutte le religioni sono ugualmente buone e il solo cattivo è l’imperialismo britannico? (se ne poteva fare a meno, secondo me)
    E i modellini per simulare il treno tra Istanbul e la Croazia non si potevano fare meglio? Per aumentare la spettacolarità hanno usato le immagini delle montagne neozelandesi (in realtà i rilievi dei Balcani che l’Orienteccetera doveva superare sono modesti)
    Sarà stato Saruman a provocare la valanga?

    • michele 27 June 2018
      Rispondi

      Anche io concordo con te su tutto, non sono stato a specificare sui dettagli ma quando ho scritto che il prologo è fiacco e che il budget sembra speso tutto sugli attori intendevo proprio questo 😉 Ma mi sembrano più problemi di sceneggiatura pigra (e di budget appunto!) che di regia, visto che quando resta sul treno Branagh sa muovere la camera in maniera elegante e intelligente…

  2. Cassidy 27 June 2018
    Rispondi

    Non ho potuto farcela, nemmeno l’idea di un film dove Depp muore (era nel trailer, non è spoiler, e poi cavolo il libro lo abbiamo letto tutti!) è riuscito a farmi superare l’idea di un film che mi è sembrato davvero troppo patinato per i miei gusti, preferisco di gran lunga leggerti che sottoporti a questa cosetta, sul serio cento volte meglio 😉 Cheers

  3. La Firma Cangiante 27 June 2018
    Rispondi

    A me non è piaciuto, l’ho trovato una discreta palla…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.