Ascension – una space opera kennedyana?

Ha senso parlare oggi, a luglio del 2018, di una serie uscita originariamente nel dicembre 2014? Probabilmente non molto, visti i tempi rapidissimi con i quali dimentichiamo ormai ogni cosa. Ma Netflix ogni tanto tra i suoi consigli torna a tirar fuori vecche cose poco note che finiscono sempre per incuriosirmi. Soprattutto se sono miniserie in sei soli episodi che promettono un nuovo approccio all’esplorazione e alla colonizzazione spaziale!

 

A dire il vero il Cumbrugliume aveva già parlato di Ascension, con la prima uscita (ancora senza nome) del LoSpo’s Corner. Che tralaltro dovrebbe tornare, prima o poi. Al tempo mi ero segnato la serie soprattutto per TRICIA HELFER, che è sempre un bel vedere, ma poi mi era completamente passata di mente. Tanto che quando l’ho vista su Netflix ho pensato a una serie molto più recente. Così ho cominciato a guardarla…

La USS Ascension è una nave generazionale con 600 passeggeri diretta verso Proxima Centauri. Il viaggio dovrebbe durare circa 100 anni, quindi l’equipaggio originariamente imbarcato non vedrà mai la destinazione. Il 51esimo è un anno molto importante, perché rappresenta il punto di non ritorno. Arrivati qui, la nave non potrà più tornare indietro. La cosa sta creando borbottii tra i suoi abitanti, divisi in una sorta di caste piuttosto rigide… C’è chi pensa a boicottaggi, e addirittura in un luogo dove non c’è videosorveglianza una giovane donna viene uccisa. È il primo omicidio avvenuto a bordo, e la cosa rischia di far perdere il controllo…

La particolarità del tutto è che la trama è ambientata nel 2014, questo significa che la Ascension è partita nel 1963, in piena era Kennedyana. Si trattava di un progetto segretissimo, noto solo a pochissimi. Ma forse la cosa è ancora più segreta di così, e i veri misteri della Ascension non sono noti neppure a chi comanda la nave…

Non mi aspettavo nulla di particolarmente innovativo da una miniserie SyFy, e in effetti… niente mi ha sorpreso. Ma alla fine Ascension risulta un prodotto guardabile, grazie soprattutto alla commistione di fantascienza e giallo che tiene sempre alto il livello di attenzione. Non mi sono mai addormentato davanti allo schermo: vi sembra poco alla mia età? Il cast è discreto, con oltre alla Helfer anche Gil Bellows (Le Ali della Libertà, Ally McBeal), Brian Van Holt (già Butchie nella mia adorata John From Cincinnati) e Andrea Roth (Rescue Me) tra i nomi più noti. Mi ha spiazzato un po’ il look dell’astronave fin troppo moderno: qualcosa di più vintage sarebbe risultato più credibile, ma la scenografia fa comunque il proprio dovere… e insomma, forse avrete capito il senso finale di questa recensione: Ascension si lascia guardare. In una calda estate come questa potrebbe anche fare al caso vostro, a patto che teniate in mano una bella birra ghiacciata.

Related posts

Bodyguard: se Robb Stark diventa 007…

Bodyguard: se Robb Stark diventa 007...

Partiamo dal titolo: sì, già da qualche settimana si rincorrono voci su chi sarà il sostituto di Daniel Craig come nuovo 007, e pare proprio che la prestazione offerta come protagonista di Bodyguard abbia fatto balzare il buon Richard Madden (ovvero il povero Robb Stark del Trono di Spade)...

Senzanima: FAME

Senzanima: FAME

Dopo tutti gli elogi rivolti al primo volume delle avventure adulte (ma giovanili) di Ian Aranill, non potevo certo lasciarmi sfuggire il secondo, appena uscito nelle librerie dopo la presentazione a Lucca Comics... Ecco quindi FAME! Torniamo a incontrare la crudele e composita...

Making a Murderer

Making a Murderer

"Poor people lose. Poor people lose all the time." Fa male questa frase di Steven Avery, come fa male e spaventa la visione di Making a Murderer, il documentario di Netflix di cui è suo malgrado protagonista del quale è da pochissimo uscita la seconda stagione. Steven Avery è stato...

4 Comments

  1. fperale 14 July 2018
    Rispondi

    Serie interessante per la tematica, poi vedo che sono solo 6 puntate, quindi uno se la cava velocemente 😀

  2. mikimoz 14 July 2018
    Rispondi

    Nope, non fa per me… niente spazio, niente fantascienza. Potrebbe attirarmi giusto un po’ la commistione col genere giallo…

    Moz-

    • michele 22 July 2018
      Rispondi

      La trama gialla è appena accennata… direi che puoi evitare 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.