Recitazione 6
Regia 7
Storia 5
Musiche 8
Fotografia 6
Fattore WOW 6

THE WICKED GIFT Regia di Roberto D’Antona Con Roberto D’Antona, Annamaria Lorusso, Francesco Emulo, Kateryna Korchynska Genere: horror Italia, 2017 Durata 112 minuti Roberto D’Antona è all’esordio come regista cinematografico, ma sebbene sia giovanissimo (classe 1992) ha già notevoli esperienze alle spalle. Si è fatto notare con i fan film su Dylan Dog L’Inizio e Il ..

Summary 6.3 BELLO
Recitazione 0
Regia 0
Storia 0
Musiche 0
Fotografia 0
Fattore WOW 0
Summary rating from user's marks. You can set own marks for this article - just click on stars above and press "Accept".
Accept
Summary 0.0 BRUTTO

The Wicked Gift

THE WICKED GIFT

Regia di Roberto D’Antona

Con Roberto D’Antona, Annamaria Lorusso, Francesco Emulo, Kateryna Korchynska
Genere: horror
Italia, 2017
Durata 112 minuti

Roberto D’Antona è all’esordio come regista cinematografico, ma sebbene sia giovanissimo (classe 1992) ha già notevoli esperienze alle spalle. Si è fatto notare con i fan film su Dylan Dog L’Inizio e Il Trillo del Diavolo, è sbarcato anche negli Stati Uniti con la notevole serie The Reaping e in The Wicked Gift si occupa di regia, sceneggiatura, montaggio… ed è anche l’attore protagonista! Un tour de force notevole che dimostra una sincera passione per il cinema di genere.

The Wicked Gift

E la passione per il cinema in The Wicked Gift si vede eccome. Il film pare ispirato in egual misura ai classici italiani (Fulci su tutti) e all’estetica del cinema di fantasmi giapponese, andando a creare un ibrido interessante, una sorta di James Wan all’italiana. La storia parla di Ethan, timido e solitario web designer afflitto da incubi terribili che sembrano presagi di sventura. Visto che la terapia classica pare non servire a nulla, il collega Andrea di consiglia di cercare l’aiuto di una psicanalista… ma le cose andranno sempre peggio, ovviamente. Insomma, è un horror dopotutto!

TheWicked GIft

Progetto a bassissimo budget, The Wicked Gift si è conquistato spazi importanti nei festival e persino una limitata uscita cinematografica. Ora è da pochissimo disponibile anche in DVD, con una buona campagna pubblicitaria di supporto. Segno che i riscontri continuano ad essere buoni. In effetti il film spicca sicuramente in mezzo alle produzioni underground a cui siamo abituati. La regia è sicura, la scelta delle inquadrature più che discreta, il montaggio di buon livello così come gli effetti visivi. Anche la recitazione non è affatto male: il tallone d’achille consueto dei film underground come questo è nei personaggi di contorno, ed in effetti anche qui qualche personaggio che fa scricchiolare qualche scena c’è… ma D’Antona è protagonista di buon livello (anche se dovrebbe parlare più lentamente qualche volta) e intorno a lui il cast è affiatato e Annamario Lorusso (la spiritualista) e Francesco Emulo (il collega) lo accompagnano fin dai tempi dei primi fan-film. Non è roba da Oscar (soprattutto Emulo dovrebbe migliorare sull’overacting), ma il lavoro alle spalle si vede. Insieme a loro un paio di volti noti dell’horror nostrano come David White e Michael Segal e soprattutto la bella e brava Kateryna Korchynska, una piccola sorpresa.

Da elogiare sicuramente anche il comparto sonoro, davvero di livello professionale. Aurora Rochez riesce con il suo score a sottolineare alla perfezione i momenti di tensione, omaggiando i classici italiani senza risultare una copia banale. I premi raccolti sono sicuramente meritati…

Ovviamente dopo gli elogi devono arrivare anche le critiche: non può essere tutto rose e fiori! Il film dura circa 110 minuti, che per una produzione del genere sono davvero troppi. La colpa va ricercata nella verbosità di alcuni dialoghi, soprattutto quelli pseudo-esistenzialisti tra il protagonista e il collega, che avrebbero dovuto essere tagliati impietosamente. Una storia di questo tipo non aveva bisogno di spiegoni e retroscena, meglio sarebbe stato limitarsi a presentare i fatti e stop. Anche la componente umoristica che emerge da molti dialoghi appare un po’ forzata: nei fan-film su Dylan Dog (dove Emulo faceva Groucho) ci poteva stare, ma qui appare spesso fuori luogo e poco ispirata.

Non manca anche qualche imperfezione tecnica, ma in questo caso si tratta di dettagli più che trascurabili. La sensazione finale, arrivati a fine film, è che The Wicked Gift si tratti di una sorta di lavoro di passaggio, di un limbo tra le produzioni amatoriali ormai alle spalle e un futuro sicuramente più luminoso nel cinema professionale per D’Antona e soci. Tra pochissimo uscirà nelle sale il suo horror-action Fino all’Inferno, e se qualche difettuccio sarà stato limato dovremmo avere di che divertirci! Per adesso bravi!

Related posts

The Dirt: una biografia maleducata

The Dirt: una biografia maleducata

La biografia musicale dei Mötley Crüe, The Dirt, è probabilmente il film più maleducato della storia di Netflix. Ma la band era ancora peggio di così...

Le novità più interessanti della settimana televisiva – 24/03/2019

Le novità più interessanti della settimana televisiva - 24/03/2019

Tutte (ma proprio tutte) le serie tv uscite queste settimana nell'universo conosciuto, con i consigli di visione del Cumbrugliume.

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody: una biografia educata

Bohemian Rhapsody è piaciuto (quasi) a tutti, ma la storia dei Queen avrebbe potuto dire mille altre cose, e alla fine mi ha lasciato davvero freddino...

4 Comments

  1. Cassidy 25 July 2018
    Rispondi

    I fan film su Dylan Dog hanno fatto parlare di loro, segnalazione gustosissima questa grazie, cercherò di dargli un’occhiata 😉 Cheers!

    • michele 26 July 2018
      Rispondi

      Non ti aspettare capolavori, ma si lascia guardare 🙂

  2. fperale 25 July 2018
    Rispondi

    Ben vengano le care vecchie produzioni italiane! Ma è per via dell’estate che state recensendo tutti dei film horror? 🙂

    • michele 26 July 2018
      Rispondi

      L’estate richiama l’horror, è naturale 😀

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.