Good Girls – casalinghe non poi così disperate

Good Girls – casalinghe non poi così disperate


Sottotitolo: quando d’Agosto hai bisogno di una serie leggera da guardare, e un amico accorre in tuo aiuto ricordandoti che in Good Girls c’è Christina Hendricks.  Lei!

Christina Hendricks


Christina Hendricks sono già due ottimi motivi per guardare qualsiasi serie, così ho deciso di cominciarla. Era su Netflix a farmi l’occhiolino da un po’, ma l’avevo ignorata pensando a una sitcom, e invece è una commedia con qualche spunto da drama che esamina la fascinazione per il crimine di tre casalinghe di Detroit, ognuna con un qualche problema da affrontare.

La nostra amica Christina è Beth Boland, moglie (dell’odiosissimo Matthew Lillard) e mamma di quattro bambini, con una bella casa e una vita apparentemente perfetta. Solo apparentemente, visto che scopre che il marito la sta tradendo con la giovane segretaria della sua concessionaria d’auto ed ha mandato la famiglia sul lastrico.

Mae Whitman è Annie, sorellina di Beth che vive una vita piuttosto sconclusionata. Ha divorziato (da Zach Gilford, il Matt Saracen di Friday Night Lights – ma quanto era bello Friday Night Lights?) qualche anno fa e sta cercando di mantenere la custodia della figlia Sadie, che ha evidenti dubbi sulla propria identità sessuale. Annie lavora come commessa in un supermercato, e il misero stipendio difficilmente può bastare a pagare gli avvocati.

Retta è Ruby Hill, migliore amica delle due sorelle e cameriera in una tavola calda. Lei e suo marito Stan (guardia giurata che sta provando a diventare poliziotto) hanno due figli, e la maggiore ha una malattia che necessita una costosissima cura per il suo rene

Come risolvere i problemi di denaro? La migliore idea che viene loro in mente è rapinare il supermercato dove lavora Annie, approfittando della sorveglianza a dir poco scarsa. E incredibilmente il piano riesce.


Gli intoppi arrivano dopo, semmai, visto che qualcun altro stava usando il supermercato per attività non esattamente lecite, e di denaro ci sarà sempre più bisogno. Come se non bastasse il direttore del negozio ha riconosciuto Annie, e minaccia di denunciarla… come affrontare questi casini? Per affrontare questi casini potrebbero esserci due soluzioni: confessare tutto e dichiararsi pentite, oppure gettarsi a capofitto nel crimine. Indovinate cosa scelgono?

Good Girls


Il filone “gente perbene che diventa criminale” è piuttosto inflazionato negli ultimi anni, e la stessa Netflix ha già provato a trovare il suo piccolo Breaking Bad con Ozark (seconda stagione in arrivo). Qui però siamo più dalle parti di Weeds… ve lo ricordate? Con l’altra mitica MILF Mary-Louise Parker spacciatrice di marijuana. Good Girls segue questa falsariga, con gli elementi di commedia a predominare decisamente (almeno nella prima parte) sul resto, e con qualche elemento da casalinga disperata di contorno.

Il risultato è davvero piacevole, e la chimica tra le tre protagoniste ci regala tre personaggi davvero divertenti e carismatici, che fanno chiudere un occhio su qualche banalità della scrittura. Verso il finale si percorrono strade decisamente più cupe, e questo potrebbe portare a sviluppi difficili da decifrare oggi sul futuro della serie (confermata per una seconda stagione dal network produttore NBC). Di cose da dire potenzialmente ce ne sono ancora molte, ma ho l’impressione che la forza di Good Girls sia nel continuare a raccontarle con il sorriso sulle labbra. Vedremo se andrà così. Intanto se cercate una serie estiva senza pretese eccessive questa fa per voi: io me la sono divorata in tre giorni!

logo

Related posts

Anche i mostri si innamorano!

Anche i mostri si innamorano!

Dunque, ci siamo! È arrivato il giorno dell'uscita ufficiale di Anche i mostri si innamorano, la mia raccolta di racconti edita da Dark Abyss Edizioni. Da oggi potreste acquistare il libro "wherever books are sold", come dicono gli americani; io vi consiglio di prenotarlo nella vostra...

Vincenzo!

Vincenzo!

Cosa sto guardando in questi giorni? Potrei dedicarmi a film con budget di centinaia di milioni, a serie pluripremiate, a pellicole horror importantissime, a recuperi di classici dimenticati... E invece sto guardando una serie coreana. Una serie coreana che parla di un mafioso coreano...

Kebabbari vs Alieni!

Kebabbari vs Alieni!

Alvaro è uno studente universitario. O almeno, tecnicamente potrebbe definirsi tale, ma la verità è che il suo libretto universitario giace pressochè intonso dentro un cassetto, chissà poi quale. Nella grande città ci sono troppe distrazioni per pensare allo studio. Troppe feste, troppe...

3 Comments

  1. Cassidy 14 August 2018
    Rispondi

    MI lascio sempre convincere dagli ottimi argomenti di Christina Hendricks, ti ho letto con un occhio solo un po’ perché mi sono distratto con la foto di Christina, un po’ perché conto di iniziare la serie a breve, mi sembrava meritevole, ma visto che l’hai già promossa dormo propri otra due guanciali… Che non è un metafora della Hendricks 😛 Cheers

    • michele 14 August 2018
      Rispondi

      Anche se sarebbero dei guanciali davvero comodi!

  2. Pietro 15 August 2018
    Rispondi

    Non mi intriga tanto la trama, tuttavia una possibilità potrei dargliela, sopratutto per quei due motivi tanto interessanti 😀

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.